domenica 22 marzo 2020

TUTELA E DIFESA AI TEMPI E DOPO L'EMERGENZA COVID19

Non illudiamoci, la pandemia da coronavirus19 cambierà il nostro modo di vivere così come lo conosciamo ad oggi.

L’attuale crisi umanitaria, con le migliaia di morti, rappresenta ovviamente l’emergenza più evidente e prioritaria, tuttavia, il buon senso, ci impone riflessioni circa l’evoluzione delle dinamiche sociali che la pandemia ha innescato.


L’Italia, per prima, con la sua tragica esperienza, ha dimostrato la vulnerabilità dell’occidente, e quindi di uno specifico modello sociale  difronte a crisi per le quali non si è preparati. 


L’attuale situazione, assimilabile ad una vera e propria guerra, mette in drammatica evidenza le lacune degli stati nazionali e, nel nostro caso specifico, dell’organismo sovranazionale, l’Unione Europea, alla quale siamo legati. Nei momenti di difficoltà gli stati nazionali si comportano come tali e quindi si riappropriano della sovranità per la tutela dei rispettivi popoli.


Questa tendenza induce alla ristrutturazione delle dinamiche sociali interne a ciascun Paese. Le priorità vengono riviste e le relative politiche rimodulate secondo le nuove esigenze.
Sanità, sicurezza interna ed economia devono essere ripensate alla luce di quanto va accadendo e soprattutto di quanto in divenire.


Ovviamente per quanto direttamente ci compete come produttori di sicurezza è la tutela dei nostri clienti il tema sul quale concentriamo i nostri sforzi.


Back orifice è il nome, semanticamente eloquente, di una delle prime backdoor create ed usate da una comunità di hacker.

Lo studio ed analisi dell’evoluzione sociale e tecnologica aiuta noi della SIRA investigazioni di Roma nella definizione delle minacce ...