giovedì 27 aprile 2017

Lo stipendio (precario, sic!) dall'ISIS.

Karlito Brigande, al secolo Vulnet Maquelara, macedone con un passato di militanza nell’esercito di liberazione kosovaro dell’UCK, è stato condannato ad otto anni di reclusione, in forza della recente normativa italiana in tema di lotta al terrorismo, in quanto appartenente ad un’associazione con finalità di terrorismo con l’aggravante della transnazionalità.
Arrestato a Roma nel 2015 poiché ricercato dalle autorità macedoni per reati comuni, Karlito Brigande (sic!) in carcere conosce tale Bharoumi, cittadino tunisino, anch’egli detenuto per reati di bassa criminalità, con il quale stringe una certa amicizia tanto che una volta messo in libertà Maquelara tenterà di raggiungere l’amico in Siria per unirsi alle forze dello Stato Islamico.

Vulnet Maquelara non arriverà mai in Siria grazie all’intervento delle forze dell’ordine italiane che lo assicurano alle patrie galere.

Questo episodio ci racconta molto in tema di criminalità e terrorismo nella sua forma osmotica più elementare, ovvero l’identificazione del normotipo del lupo solitario e del combattente straniero.

I personaggi, il macedone ed il tunisino, vivono in Italia, entrambi hanno commesso reati contro il patrimonio ed hanno stretto conoscenza in carcere. Hanno un passato di militanza insorgente, ma non hanno un futuro. Insomma sono delle bombe ad orologeria a disposizione di chi abbia intenzione e possibilità di usarle semplicemente offrendo loro più che un ipotetico paradiso un domani, un molto più prosaico e concreto stipendio oggi.

Come accennato questo è il livello più basso di un rapporto di cointeressenza che lega la criminalità organizzata ai fenomeni di insorgenza e terrorismi vari, ma senz’altro ci aiuta a prendere coscienza che il propellente per qualsiasi attività criminale, vuoi di tipo comune, vuoi di tipo terroristico, va a pescare in un mare magno nel quale nuotano con una certa dimestichezza persone con queste caratteristiche che di radicalizzato hanno esclusivamente il bisogno di denaro.