martedì 29 settembre 2015


TERRORISM AND MIGRANTS
While our attention is understandably and rightly facing south and east, with particular attention to the contrast of terrorism and attempt to fight it, although belatedly, recognized as generational migration, Central America and Latin America continues its fight against organized crime now mistress of vast territories.
Well known is definitely the war that the Mexican government,  for more than a decade now, has undertaken against organizations of drug traffickers involved in the smuggling of the cocaine produced in the triangle Bolivia, Peru and Colombia; less known is what happens in Central America, a key area as a hub of trafficking northward towards continental and international markets of consumption.


EL SALVADOR UP LEVEL CLASH
Recently the Supreme Court of El Salvador stated that the two major criminal organizations, the gangs Mara Salvatrucha and Barrio 18, are terrorist organizations.
This new categorization is obviously very significant as it allows verification of the criminal responsibility of leaders, members, associate and "apologists". This step in the fight against organized crime in El Salvador is certainly dictated by the need for a further step forward in the fight against these criminal forms using tools even more effective.

REPRESSION EXTRAJUDICIAL
Now, if on the one hand the aim is clearly to strengthen the repressive powers, recognizing organized crime as a power capable of undermining justice, the free coexistence of the population and its development, on the other hand he admits powerlessness of preventive and repressive policies implemented in decades. Not only that, authorities will be exposed to further criticism about  the use of repressive force well beyond the criteria generally tolerated in an international context, with particular reference to the extra-judicial activities. El Salvador is one of the most dangerous countries in the world with an incipient level of corruption, in the month of August were recorded over 500 murders linked to organized crime.


GANGS TO CONQUER EUROPE
Salvadoran criminal organizations, most of the Mara Salvatrucha and Barrio 18 have established branches in North America and have long planned expansion in Europe by exploiting second and third generations of Spanish-speaking immigrants.



GEOPOLITICS EFFECTS
It is important to understand that the escalation of the global spread of virulent new forms of organized crime, increasingly international and transnational, directly affects the state power, national and supranational level, and must be contrasted with renewed determination.
Fighting these new criminal forms, exploded due to the phenomena of globalization, is an unavoidable imperative. It is clear then that our gaze to the east, if the case arise, must yield to forms of strabismus as organized crime and terrorism for a long time and will impact deeply on our communities.

giovedì 17 settembre 2015

El Salvador: nuovi strumenti per combattere la criminalità diffusa. Barrio 18 e Mara Salvatrucha considerate organizzazioni terroristiche.


IL TERRORISMO ED I MIGRANTI
Mentre il nostro sguardo è comprensibilmente, e giustamente rivolto verso sud e verso oriente, con particolare attenzione al contrasto  nei confronti del terrorismo radicale e al tentativo di governare il fenomeno oramai, anche se tardivamente, riconosciuto come generazionale dei flussi migratori, l’America Centrale e Latina continua la sua lotta contro una criminalità organizzata oramai padrona di vasti territori.

Nota è sicuramente la guerra che il governo messicano, da più di un decennio, ha intrapreso nei confronti delle organizzazioni di trafficanti di droghe, che da tempo ormai non si limitano più alla cocaina prodotta nel triangolo Bolivia, Perù e Colombia, meno noto invece è quanto avviene nell’America Centrale, area cruciale in quanto centro di smistamento dei traffici illeciti verso il nord continentale e verso i mercati internazionali di consumo. 

EL SALVADOR AUMENTA IL LIVELLO SCONTRO
Di recente la Corte Suprema di Giustizia di El Salvador ha dichiarato le due principali organizzazioni criminali, le pandillas Mara Salvatrucha e Barrio 18, organizzazioni terroristiche secondo quanto statuito dalla legge salvadoregna per il contrasto alle diverse forme di terrorismo. 
Questa nuova categorizzazione è ovviamente molto significativa in quanto consente di accertare la responsabilità penale dei capi, dei membri, dei collaboratori degli “apologeti” e dei finanziatori. Questo passaggio nella lotta alla criminalità organizzata nel Salvador è senz’altro dettato dalla necessità di un ulteriore passo in avanti nella lotta a queste forme criminali ricorrendo a strumenti ancor più incisivi. 

REPRESSIONE EXTRAGIUDIZIALE
Ora, se da un lato l’intento è chiaramente quello di rinforzare i poteri repressivi, riconoscendo la criminalità organizzata come un potere in grado di inficiare la giustizia, la libera convivenza della popolazione ed il suo sviluppo, dall’altro si ammette l’impotenza delle politiche preventive e repressive nei decenni attuate. Non solo, ci si espone ulteriormente alle critiche, per altro già consistenti, di un uso della forza repressiva ben oltre i criteri genericamente tollerati in ambito internazionale, con particolare riferimento alle attività  extragiudiziali. El Salvador è uno dei paesi più pericolosi al mondo con un tasso di corruzione incipiente, nel solo mese di agosto sono stati registrati, quindi si tratta di un dato parziale per difetto, oltre 500 omicidi legati al crimine organizzato.


LE PANDILLAS ALLA CONQUISTA DELL'EUROPA
Le organizzazioni criminali salvadoregne, in prevalenza la Mara Salvatrucha e il Barrio 18 hanno consolidate ramificazioni nel Nord America e hanno da tempo progettato un’espansione in Europa sfruttandole seconde e terze generazioni d’immigrati di lingua spagnola.
EFFETTI GEOPOLITICI


E' fondamentale comprendere che l’acuirsi della virulenta diffusione planetaria di nuove forme di criminalità organizzata, sempre più internazionali e transnazionali, colpisce direttamente il potere statuale, nazionale e sovranazionale, e deve essere contrasta con rinnovata decisione.
Combattere queste nuove, ma in fondo sempre uguali a stesse, forme criminali, esplose grazie ai fenomeni di globalizzazione trasversale è un imperativo ineludibile. E’ chiaro allora che il nostro sguardo ad oriente, si presentasse il caso, deve cedere a forme di strabismo poiché la criminalità organizzata ed il terrorismo incideranno ancora per lungo tempo e profondamente sulle nostre comunità.

sabato 12 settembre 2015

Unfinished constitutionalism and the development of the Italian Mafias in the intellectual work of Pasquale Villari.


In the path of knowledge that some choose to take, it could happen that you're lucky enough to run into confirmations that provide additional energy for the rest of the trip. This is the case of my current studies on the Italia Destra Storica  (Historic Right) and the production of some prominent figures protagonists of the Italian revolutionary process ended with the Unity.
My determination to understand the deep causes and especially the persistence of the phenomenon of mafia crime in the Italian South force me more and more often, and with greater force, toward the study of the process and outcome of the unification of Italy.
This intuition, became a working idea to be developed, that the Italian mafias always served as centers of interest for third powers that systematically give it interested support.
And the recent case of what I found in relation to the work of Pasquale Villari, a leading figure in the history of the formation and life of the first Italian parliament. Throughout his professional life as a historian, philosopher and senator of the first Parliament, the Villari’ studies and analysis identified the negative results about the construction of Italy as entity.
The following is an excerpt from the book: Pasquale Villari, Freedom or Anarchy, published by Mimesis, Sisyphus, 2015.
It is an excerpt of one of the letters written by Villari and addressed, in March 1875, to James, Dina, director of the newspaper "The opinion," . 


Villari wrote: or you will be able to civile us, or we will make you barbarians.


My attention is devoted recently, as part of a wider research, to the historiography of the Unitarians facts with particular reference to the production of those characters, like Villari whom were prominent actors in the process of unification and that were immediately capable after the death of Count Cavour, to point put the evil plague that policy and its management of the State was taking.
I'm dedicating this research and analysis, as more and more apparent, to the permanence of the phenomenon of organized mafia-type crime in Italy and its deep roots, its core, in the failure of the constitutional process, unlike what happened in other countries European such as among others England and.
Pasquale Villari, was a revolutionary in the 1948 uprising against the Borboni, historian and a philosopher but also Senator of the first Italian Parliament and professor of history and an director of the renewed Scuola Normale of Pisa and even the Minister of Education.
Having recognized its international reputation in life if he appreciated the honesty of the true history, and it is this feature that affect my reading of his works with reference to the writings on the Camorra and the Sicilian Mafia, but especially on the role of patronage, should read corruption, as the plague that has undermined the unfolding of a positive constitutional process and therefore the relationship between the southern and northern Italy.
Writes Villari:
(...) then, if the source of the ills that afflict us so cruelly and that all deplore, is not in men, is not in the nature of a regime it clear that the historian has eliminated the human factor and the organizational model of the society to prepare ourselves, of course, to his explanation of ... so many calamities ... such was the state of things ever since.
Villari and then warns us: (...) the conservative element and the revolutionary were always fighting and do not reached an equilibrium (...) in other countries these two elements have come into conflict through centuries of bloody revolutions and bowing in balance to be one people, it is derived by the story (…).
And in this struggle continues without even point the evil of our nation as atavistic as adds: (...) instead of two parties fighting each other, light up, compete and kill each other with each other power; we have in the House and in the country of men and newspaper, two parties, one of which is still in power and still defends the government, another makes the war and attacked him constantly (...) and adds (...) the problem waves to solve no longer seems to be: How to order the country? But rather: How to strengthen your own party ... (...) we have every minister who comes to power must meet a number of friends and enemies, who come to seek justice pei their constituents. Once admitted to the system, there is no minister or deputy who can be saved from the tide that grows on each side (…)
What to add? The tide has swept everything.
The first consideration is concerned perseverance in error because after 150 years this photograph reflects the current state of things in politics, the second, brings us closer to the focal point of my writing: This imbalance between government / opposition in what results?
The answer, of course, is provided: the demonization of the opponent in a democracy is meant to lead to a popular vote in the hope of getting to take power. Stigmatizes Villari: (...) The parties need votes; but the country needs men and the country is above the parties (...).
Here's how and why corruption still now affect Italy.
That determination must be answered to a further question: why in the South and not in the rest of the country develop the mafias?
Villari is very clear it is linked to the fact that in 1861 first came political revolution and then the social one; revolution that has never made, due to the narrow-minded political myopia.
Again are the writers to remind us with vivid images of the unfolding events in those years. Federico De Roberto in “The Viceroy” tells us of a Sicilian aristocratic family thriving to overcome the upcoming revolution by sending a representative to Parliament Unit with the main purpose of their own interests without solution of continuity with the past world. 
“The Leopard” wrote by Tomasi di Lampedusa, which owes much to the work of De Roberto but thanks to the cinema has been more successful with that famous phrase: (...) to change everything so that nothing changes (...) to which I I much prefer reflection of the Prince of Salina, talking loudly to himself says, (...) we were the ones to come will ocelots jackals (...).
Did they went wrong? No, they did not.
The Sicilian Mafia, the Camorra and the 'Ndrangheta are still there, among us and in health, to confirm the root of evil in this country.
It seems obvious that these assessments and theses of Pasquale Villari merit further examination, but certainly it can be concluded that the way forward is one that takes us back to the non-ordinary and harmonious development of the Italian nation. The Unification of Italy gave us a country but not a nation, and this is because the political revolution was no anticipated or at least followed by a social one.
This are the reasons that produced the evident imbalances, that favorites and fed the criminals forces to continue to survive at the sole and constant detriment of Italian society.

lunedì 7 settembre 2015

Pasquale Villari: il costituzionalismo italiano incompiuto e la criminalità mafiosa.


Nel percorso di conoscenza che alcuni scelgono di intraprendere, si ha la fortuna, alle volte, d'imbattersi in conferme che ci forniscono ulteriore energia per il proseguo del Viaggio. Questo è il caso specifico dei miei attuali studi sulla Destra Storica in relazione alla produzione pubblicista di alcune eminenti figure protagoniste del processo Unitario.
La mia determinazione nel voler comprendere la profonda causa e soprattutto la persistenza dei fenomeni di criminalità mafiosa nel nostro Mezzogiorno mi riporta sempre più spesso, e con maggiore forza, allo studio del processo e degli esiti dell'Unità d'Italia.
Quest'intuizione, divenuta idea di lavoro da sviluppare, che le mafie italiane intanto esistono in quanto serventi a centri d'interesse e di potere terzi, trova sistematicamente conferme empiriche.
E' il caso recente di quanto ho rilevato in relazione a Pasquale Villari, figura di primo piano nella storia della formazione e vita del primo parlamento unitario Italiano. Nell'arco della sua vita professionale quale storico, filosofo e senatore del Regno, il Villari studia ed analizza gli esiti -da subito deludenti- della costruzione dell'Italia individuandone, come vedremo, le cause.

Quello che segue è un estratto dal libro: Pasquale Villari, Libertà o Anarchia, edito da Mimesis, Sisifo, nella collana: testi controcorrente, 2015 a cui sin d’ora rivolgo il merito di riproporre testi di questo genere assolutamente unici per lucidità d’analisi in relazione alla mancata nascita dell’Italia Unita, se non in una versione caricaturale di se stessa a tradimento degli ideali risorgimentali.
Si tratta di un passo di una delle Lettere Meridionali scritte dal Nostro ed indirizzate, nel marzo 1875, a Giacomo Dina, direttore del quotidiano «L’opinione», poi riprese in volume nel 1878 (Le lettere meridionali ed altri scritti sulla questione sociale in Italia).
La mia attenzione recente è dedicata, nell’ambito di una più ampia ricerca, alla storiografia dei fatti Unitari con particolare riferimento alla produzione storica e sociologica di quei personaggi, come il Nostro, che furono attori di primo piano nel processo d’unificazione e che immediatamente colsero, dopo la morte del conte di Cavour, la mala piaga che la politica e la relativa amministrazione dello Stato andava prendendo. 
Mi vado dedicando a questa ricerca ed analisi in quanto sempre più appare evidente che la permanenza dei fenomeni di criminalità organizzata di tipo mafioso in Italia ha la sua profonda radice, il suo nucleo, nel fallimento del processo costituzionalista a differenza di quanto avvenuto in altri paesi europei e, prima fra gli altri, l’Inghilterra che ne è stata la patria.
Pasquale Villari, fu rivoluzionario ne ’48, storico e filosofo, Senatore del Regno, professore di Storia e direttore della rinnovata Scuola Normale di Pisa e finanche ministro dell’Istruzione Pubblica.
Riconosciutane la fama a livello internazionale in vita se ne apprezzava l’onestà intellettuale del vero storico, ed è questa caratteristica ad interessare la mia lettura delle sue opere con riferimento agli scritti sulla Camorra e sulla mafia Siciliana, ma soprattutto sul ruolo del clientelismo, leggasi corruzione, quale piaga che ha minato lo svolgersi di un positivo processo costituzionalista e di conseguenza il rapporto tra il Mezzogiorno d’Italia ed il nord, suo malgrado conquistatore.
Scrive Villari, dopo avere reso merito ai parlamentari del nuovo Regno nella maggioranza dei casi uomini probi ed onesti:
(…) se dunque la sorgente dei mali, che così crudelmente ci travagliano e che tutti deplorano, non è negli uomini non è nella natura d’un regime (Monarchia Costituzionale n.d.r.) poco adatto a noi , dove mai risiede la sorgente di tante calamità (…)


E’ chiaro che lo storico ha eliminato il fattore umano ed il modello di organizzazione della società per preparaci, ovviamente, alla sua spiegazione di …tante calamità… tale era lo stato delle cose sin dall’epoca.
Ed allora il Villari ci avverte: (…) l’elemento conservatore (la destra storica n.d.r.) e quello rivoluzionario (la sinistra all’opposizione nei primi anni di regno unitario) furono sempre in lotta e non si equilibrarono (…) negli altri paesi questi due elementi sono venuti in urto attraverso secoli di sanguinose rivoluzioni e postisi in equilibrio per formare un popolo solo è derivata la storia (…).
E’ in questa lotta continua senza punto d’equilibrio il male atavico della nostra nazione poiché come aggiunge: (…) invece di due partiti che si combattono, s’illuminano, gareggiano e pigliano a vicenda il potere; noi abbiamo nella Camera e nel paese degli uomini e dei giornali, due partiti, uno dei quali è sempre al potere e sempre difende il Governo, un altro gli fa la guerra e lo attacca costantemente (…) ed aggiunge (…) onde il problema da risolvere non sembra più che sia: Come ordinare il Paese? Ma piuttosto: Come rafforzare il proprio partito… (…) da noi ogni ministro che sale al potere deve soddisfare una serie di amici e di nemici, che vengono a chiedere giustizia pei loro elettori. Una volta ammesso il sistema, non vi è ministro né deputato che possa salvarsi dalla marea che cresce da ogni lato (…) 
Cosa aggiungere? La marea ha travolto tutto.
La prima considerazione concerne la perseveranza nell’errore visto che questa fotografia rispecchia dopo 150 anni lo stato attuale delle cose in politica, la seconda, ci avvicina al punto nodale di questo mio scritto: questo mancato equilibrio tra governo/opposizione in cosa si traduce? 
La risposta, ovviamente la fornisce il Nostro: la demonizzazione dell’avversario in democrazia ha lo scopo di portare al voto popolare nella speranza di arrivare a prendere il potere. Stigmatizza il Villari: (…) I partiti hanno bisogno di voti; ma il paese ha bisogno di uomini ed il paese è al di sopra dei partiti (…).
Ecco come e perché nasce il clientelismo e la corruzione in Italia.
Stabilito ciò deve rispondersi ad un’ulteriore domanda: perché nel Mezzogiorno e non nel resto del Paese si sviluppano le mafie?
A questo risponde gran parte della letteratura sociale ed economica coeva e successiva al 1861, ma Villari lo fa in una frase: (…) si è fatta prima la rivoluzione politica e poi quella sociale (…) Rivoluzione che non si è mai fatta, o meglio voluta fare, neanche oggi, nella più gretta miopia politica.
Ancora una volta sono gli scrittori a rammentarci con vivide immagini lo svolgersi dei fatti in quegli anni. Federico De Roberto nei Viceré ci racconta di una famiglia aristocratica siciliana legata al latifondo che in concomitanza dell’inarrestabile vento nuovo europeo che spingeva all’unità dell’Italia si organizza inviando un proprio rappresentante al Parlamento Unitario con il precipuo scopo di fare i propri interessi senza soluzione di continuità con il mondo passato. Solo a volo d’uccello rammento Il Gattopardo di Tomasi di Lampedusa che molto deve all’opera del De Roberto ma che grazie al cinema ha avuto maggior successo con quella frase famosa: (…) cambiare tutto affinché nulla cambi (…) alla quale io preferisco di gran lunga la riflessione del Principe di Salina che, parlando ad alta voce con sé stesso dice: (…) noi eravamo i gattopardi quelli che verranno saranno gli sciacalli (…). 
Possiamo dare torto al Villari nella sua analisi, al de Roberto e al Tomasi nella loro? No, negheremmo la contemporaneità.
D’altro canto, sono proprio la Mafia siciliana, la Camorra campana e la ‘ndrangheta calabrese, ancora lì, tra noi e in salute, a confermare la radice del male di questo paese.
Appare evidente che queste valutazioni e tesi del Nostro meritano ulteriori approfondimenti ma senz'altro si può concludere che la strada da seguire è quella che ci riporta al mancato sviluppo ordinario ed armonico della nazione italiana. L'unità d'Italia ci ha consegnato una Patria ma non certo una nazione, e questo perché la rivoluzione politica non è stata anche sociale. 
E' questo il motivo che ha prodotto gli squilibri, favoriti ed alimentati nei decenni successivi e fino ai nostri giorni, che le forze illegali e criminali sfruttano per continuare a sopravvivere ad esclusivo e costante detrimento della società italiana rassegnatamente ridotta in questo stato. 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...