lunedì 27 luglio 2015

Narco-Jihad: the new world balance of drug trafficking financing terrorism.


El Chapo, Joaquín Guzmán Loera, the most dangerous Mexican drug trafficker, has escaped from the maximum security prison where he had been held since his sensational second arrest, resorting to one of the most used methods of escape from the world's filmography: a tunnel dug in his cell.
Back in 2001 this man had managed to escape from a sensationally high security prison hidden in a laundry van. Fugues and their mode of execution as well as highlighting the corruption and incompetence of the authorities contribute to the myth of El Chapo and the relevance of the Federation of Sinaloa which is leading.
Mokhtar Bel Mokhtar, alias Mr. Marlboro, one of the most wanted jihadists in the area on the border between Chad, Niger and Tunisia, in spite of the findings of the Pentagon declared him dead for the fifth time, is supposed to be alive in the south east of Libya always intent, because of its main activities smuggler, to manage his criminal business alliances with anyone who is serving his trades: al-Qaeda in the Islamic Maghreb, tribal militias in Mali and perhaps soon even the followers of the local Islamic State.
What binds characters similar, so far away culturally, as security threat to the West? My answer is simple: be mobsters.
They are both simple mobster and mafia type criminals because, operate in the criminal business making use of local and international links to carry out their trade. But they are properly mafia type mobsters for another reason, because the intimidating power of which use is linked to corruption it generates, nourishes and sustains life in the criminal organizations that these characters represent the front man.
Without the covers of a certain politic powers deflected, and a certain economic and financial system, these criminal would be common criminals, maybe more dangerous than others, but criminals and no more than this. El Chapo and Bel Mokhtar reflect the Italian mafiosi mobsters such as Salvatore Riina yesterday, Matteo Messina Denaro today or tomorrow everyone will be called to assume the role of chief of chiefs. This truth has no boundaries because it is easily to found it at any latitude where occurs the welding of criminal, political and financial interests, as said, disconsolately, and aware that his time was coming to an end, a few hours before he was killed in his Palermo, the Italian Prosecutor Paolo Borsellino.
And it is rational to imagine that in the Maghreb Mokhtar Bel Moktar has been able to rage for decades changing criminal faction and alliances with various formations radical Islamic numerous times, surviving the competition with other criminal and attempts to arrest without appropriate covers; Salvatore Riina has been a fugitive in Italy for decades as Bernardo Provenzano did, and El Chapo is able to escape into and out of prison as if he went to the Opera.  It is too trivial to draw the obvious considerations: the major organized crime is serving centers of occult power.
But today the situation has taken a further chrism of social menace in relation to the evolution of economic globalized phenomena, the widening gap between the north and south of the planet, exacerbated by demographic phenomena and social disparity reflected also in the phenomena of radical Islamic onset and, ultimately, in relation to the predominance of economics over politics that is in the decline of the Nation State its confirmation.
Today figures like El Chapo and mr. Marlboro, which already represented a threat to their local social systems from the criminological point of view, must be regarded as serious threats to the national security of the West.
This step is not trivial since it carries a new policy approach, starting from the change apparel mental approach to the issue. Just at this moment Italy is called upon to manage a blackmail by criminal organizations Libyan who kidnapped four Italian workers whose salvation depends, probably, to the release of some human traffickers. It is a novelty that brings a turning point: transnational organized crime is now able to treat, indeed blackmail a state.
In the past, in the worst cases, these events were confined within states that had to do with local criminal organizations; here it is a totally new episode.
First of all it should be clear that the most important subject is not the band of criminals Libyans who managed to kidnap the four Italians, but the transnational crime that benefits from the criminal activities in Libya and that work behind the Libyan criminals. 
This incident clearly shows that now transnational crime has assumed a role in geopolitical scenario operating under the criminal profile, but also in cooperation with outside forces such as in a growing number of joint ventures and affiliations with Islamic radicalism.
In June this year, the United Nations Organization on Drugs and Crime UNODC published the report: The Afghan opium trade through the Route of the South, which detects the substantial deviation of the traffic of Afghan opiates through the Persian Gulf and the Middle East to East and West Africa. The South Route runs from Pakistan, through its ports on the Indian Ocean, serves as a bridge to Asia and to African countries; whereas, by land, through Iran and Iraq, the Persian Gulf countries to reach the Sinai Peninsula and then the Centre and North Africa.
This news should put in extra alarm policy and the forces of Western intelligence since this deviation -respect to the well known dynamics of the past- can only be connected to the increasingly close relationship between organized crime and terrorism and therefore phenomena of onset.
It is sufficient just to take a look at one of the many maps that highlight the areas of international crises, African and Middle Eastern countries, to see that the Route South tallies and invests the areas of crisis and instability in which predominant is the presence and activities of those radicalized Islamic forces which question the past geopolitical balance by resorting to acts of terrorism or, as in the case of the Islamic State and Al-Qaeda, the real occurrence.
West Africa has taken on the role of world center of storage and transit of cocaine production Latin American and Afghan heroin whose management and exploitation generates enormous profits attractive not only by the simple crime, as always relegated to subsidiary tasks, but certainly to power groups connotations politically and economically with entrepreneurial skills transnational whose interests, choices and future policies, will challenge global stability.
This assumption has essentially two aspects: one of criminological relevant global dynamics of these trades, and the other political, in a local sense, geopolitical and internationally, relating the balance of the entire Black Ridge goes to the Far East to Atlas Mountains in Morocco.
Criminal organizations in Mexico have now assumed the leadership of the management of disposal of cocaine worldwide. The Mexican cartels are stronger, locally due to the management of Andean cocaine trade, which feed  the still ongoing narco-war, and project themselves abroad in order to form relationships to enter directly into new markets. In this the Italian ‘Ndrangheta from Calabria has carved out globally a different role, but integrated into the system, the maximum broker worldwide in large transactions.
The activities of El Chapo have repercussions in West Africa and in Nigeria, which is home to the most powerful international mafia and fierce, because the epigones local can, through corruption, fold the weak and corrupt states to their own interests in a spiral that has to successful development of local political realities prone to criminal business interests.
How is it possible that Mexico as well as Italy, two countries that developed, modern economic, two democracies, still are under the threat, in decades, Italy centuries, of mafias with a large part of its territories under the influence and more often under the control organized crime? Evidently because their major criminal organizations and have the backing of strong centers of interest that allow survival.
Now, if these trends have similar results in Mexico and in Italy it is logical to think that in reality far behind those, such as in Africa they will constitute the backbone of the social construction future. And it is in this process that are entering the dynamics of Islam and radicalized insurgents. That is the reason why today every pound of Andean cocaine or heroin in Afghanistan that passes along the Black Ridge is a threat to Western security.

This kind of criminals, and their criminal organizations, now represent the real threats to the security of Western countries because of the effects that their activities generate. It appears once more, and with greater clarity evident that the war to contain international terrorism that threatens the West will now be played more in the area of ​​criminal affairs than on open fields of battle because terrorism is financed, in its research phase of gain power, through the relationship with the local and transnational organized crime from Afghanistan, China, Iraq, the Caucasus, from the Arabian Peninsula to Morocco and Mali to Nigeria.

giovedì 23 luglio 2015

Narco-Jihad: I nuovi equilibri mondiali del narcotraffico finanziano il terrorismo.


El Chapo, Joaquín Guzmán Loera, il più pericoloso narcotrafficante messicano, è evaso  dalla prigione di massima sicurezza nella quale era stato rinchiuso dopo il suo secondo clamoroso arresto, ricorrendo ad uno dei metodi di fuga più usati dalla filmografia mondiale: un tunnel scavato nella sua cella da novello Conte di Montecristo. Già nel 2001 questo personaggio, era riuscito ad evadere clamorosamente da un penitenziario di massima sicurezza nascosto in un furgone della biancheria. Le sue fughe e le loro modalità di esecuzione oltre ad evidenziare la corruzione e l’incompetenza delle autorità contribuiscono ad alimentare  il mito de El Chapo e la  rilevanza della Federazione di Sinaloa di cui è leader.
Mokhtar Bel Mokhtar, altrimenti detto Mr. Marlboro, uno dei più ricercati jihadisti nell’area al confine tra Chad, Niger e Tunisia, a dispetto di quanto affermato dal Pentagono che lo ha dichiarato morto per  la quinta volta, si troverebbe oggi nel sud-est della Libia sempre intento, a causa della sua principale attività di contrabbandiere, a gestire i suoi affari criminali stringendo alleanze con chiunque sia servente ai suoi traffici: al-Quaeda nel Magreb Islamico, milizie tribali in Mali e forse prossimamente anche gli epigoni locali dello Stato Islamico.
Che cosa lega personaggi simili, così lontani culturalmente, nella  minaccia di sicurezza per l’occidente? La mia risposta è semplice: l’essere mafiosi.
Sono entrambi criminali di rango poiché, come i mafiosi in Italia, si avvalgono della forza d’intimidazione che deriva dalle rispettive associazioni per svolgere i propri traffici. Ma sono propriamente mafiosi per un altro motivo, perché  quella forza intimidatrice della quale si avvalgono è legata alla corruzione che genera, alimenta e sostiene in vita le organizzazioni criminali di cui questi personaggi rappresentano il front man.
Senza le coperture di una certa politica deviata, e di un certo sistema economico-finanziario, questi personaggi sarebbero dei criminali comuni, magari più pericolosi di altri, ma tali. El Chapo e Bel Mokhtar rispecchiano il Riina di ieri, il Messina Denaro di oggi o chiunque verrà chiamato domani ad assumere il ruolo di capo dei capi. Questa verità non ha confine poiché è facilmente riscontrabile a qualsiasi latitudine laddove si verifichi la saldatura d’interessi criminali, politici e finanziario economici, come ebbe a dire, sconsolatamente e consapevole che il suo tempo era giunto al termine, poche ora prima di essere ammazzato nella sua Palermo, il ågiudice Paolo Borsellino.
E’ razionale immaginare che nel Magreb un personaggio come bel Mokhtar abbia potuto imperversare per trent’anni cambiando fazione criminale ed alleanze con varie formazioni radicali islamiche numerose volte, scampando agli attentati della concorrenza ed ai tentativi di arresto senza le opportune coperture, che Salvatore Riina abbia potuto essere latitante in Italia per decenni così come Bernardo Provenzano, e che el Chapo sia potuto evadere  entrando ed uscendo  di prigione come se si recasse all’Opera ? La risposta è ovvia e scontata, ed è fin troppo banale trarne le ovvie considerazioni: la grande criminalità organizzata è servente a centri di potere occulto.
Ma oggi questa situazione ha assunto un ulteriore crisma di pericolosità sociale in relazione all’evoluzione dei fenomeni economici globalizzati, al crescente divario tra nord e sud del pianeta, acuito dai fenomeni demografici e di disparità sociale che si riflette -nella sua forma più evidente- nei fenomeni d’insorgenza radicale islamica e, in ultima analisi, in relazione al predominio dell’economia sulla politica che trova nel declino dello Stato Nazionale la sua conferma.
Oggi personaggi come El Chapo e mr. Marlboro, che già rappresentavano una minaccia per i rispettivi sistemi sociali dal punto di vista criminologico, devono essere considerati gravi minacce per la sicurezza nazionale occidentale. 
Questo passaggio non è di poco conto poiché comporta un nuovo approccio politico partendo dal cambiamento dell’abito mentale nell’affrontare il tema. Proprio in queste ore l’Italia è chiamata a gestire un ricatto da parte di organizzazioni criminali libiche che hanno rapito quattro lavoratori italiani la cui salvezza è legata, verosimilmente, al rilascio di alcuni trafficanti di esseri umani. Si tratta di una novità assoluta che introduce una svolta epocale: la criminalità organizzata transnazionale oggi è in grado di trattare, anzi ricattare uno Stato. 
In passato, nel peggiore dei casi, questi eventi erano circoscritti all’interno degli Stati che avevano a che fare con organizzazioni criminali autoctone; qui si tratta di un episodio totalmente nuovo. Innanzi tutto va chiarito che il soggetto più importante non è la banda di criminali libici che materialmente ha sequestrato i quattro italiani, ma la criminalità internazionale che trae profitto dalle attività criminali in Libia e che opera alle spalle dei criminali libici. Quest’episodio evidenzia chiaramente che oramai la criminalità transnazionale ha assunto un suo ruolo geopolitico operando in proprio sotto il profilo criminale, ma anche di concerto con forze esterne come avviene nel caso delle sempre più numerose affiliazioni e  joint venture con il radicalismo islamico.
Nel giugno di quest’anno, l’Organizzazione delle Nazioni Unite sulla Droga ed il Crimine UNODOC ha pubblicato il rapporto: Il traffico dell’oppio afghano attraverso la Rotta del Sud, che rileva il sostanziale scostamento del traffico degli oppiacei afghani attraverso il Golfo Persico e il Medio Oriente verso l’Africa orientale e occidentale. La Rotta del Sud si snoda dal Pakistan che, attraverso i suoi porti sull’oceano Indiano, funge da ponte verso l’Asia e verso i Paesi Africani; mentre, per via terrestre, attraverso Iran ed Iraq, i paesi del Golfo Persico per raggiungere la penisola del Sinai e quindi il Centro e Nordafrica.  
Questa novità deve mettere in ulteriore allarme la politica e le forze d’intelligence occidentali poiché questo scostamento -rispetto alle dinamiche del passato- non può che essere collegato alla relazione sempre più stretta tra criminalità organizzata e fenomeni d’insorgenza e quindi terrorismo. 
E’ sufficiente dare un’occhiata ad una delle tante carte geografiche che evidenziano le aree di crisi internazionali, africane e medio  orientali, per constatare che la Rotta del Sud collima ed investe le aree di crisi ed instabilità in cui preponderante è la presenza ed attività di quelle forze radicalizzate islamiche che mettono in discussione i passati equilibri geopolitici ricorrendo alle azioni di terrorismo o, come nel caso dello Stato Islamico e di Al-Qaida, di vera insorgenza. 
L’Africa occidentale ha assunto il ruolo di centro nevralgico mondiale dello stoccaggio e transito della produzione di cocaina latino americana ed eroina afghana la cui gestione e sfruttamento genera enormi profitti appetibili non solo da parte della semplice criminalità, come sempre relegata a compiti sussidiari, ma senz’altro da gruppi di potere connotati politicamente ed economicamente con capacità imprenditoriali transnazionali i cui interessi, scelte e politiche future, metteranno in discussione la stabilità globale.
Quest’assunto ha essenzialmente due risvolti: uno di carattere criminologico attinente le dinamiche mondiali di questi traffici e l’altro politico, in senso locale, e geopolitico a livello internazionale, afferente gli equilibri dell’intera Dorsale Nera che va dall’estremo oriente ai monti dell’Atlante in Marocco.
In Messico le organizzazioni criminali hanno oramai assunto la leadership della gestione dello smercio della cocaina a livello mondiale. I cartelli messicani più forti, che localmente si contendono le migliori piazze per il traffico della cocaina andina, generando la narco-guerra tutt’ora in corso ed evoluzione, si proiettano all’estero al fine di stringere relazioni per entrare direttamente in nuovi mercati. In questo la ‘ndrangheta calabrese si è ritagliata il ruolo differente, ma integrato nel sistema, di massimo broker mondiale nelle grandi transazioni; sono sistemi che si integrano evitando di entrare in conflitto.
Le attività de El Chapo hanno ripercussione in Africa occidentale ed in Nigeria, che ospita la mafia internazionale più potente ed agguerrita, poiché gli epigoni locali riescono, attraverso la corruzione, a piegare i deboli e corrotti stati ai propri interessi in una spirale che ha per esito lo sviluppo di realtà politiche locali prone agli interessi affaristico criminali. 
Com’è possibile che il Messico così come l’Italia, due Paesi sviluppati, moderni economicamente saldi, due democrazie compiute, abbiano ancora dopo decenni, l’Italia secoli, una gran parte del proprio territorio sotto l’influenza se non il controllo della criminalità organizzata? Evidentemente perché le rispettive e maggiori organizzazioni criminali hanno l’appoggio di forti centri d’interesse che ne consentono la sopravvivenza. 
Ora, se tali dinamiche hanno simili esiti in Messico ed in Italia è logico pensare che in realtà molto più arretrate come quelle africane esse costituiranno l’asse portante della costruzione sociale futura. Ed è in questo processo che si vanno inserendo le dinamiche dell’Islam radicalizzato ed insorgente. Ecco il motivo per il quale oggigiorno ogni chilo di cocaina andina o di eroina afghana che transita lungo la Dorsale Nera rappresenta una minaccia per la sicurezza occidentale. 

Questo genere di personaggi, e le rispettive organizzazioni criminali, oramai rappresentano concrete minacce alla sicurezza dei Paesi occidentali in ragione degli effetti che le loro attività generano. Appare ancora una volta, e con maggiore chiarezza, evidente che la guerra di contenimento al terrorismo internazionale che minaccia l’occidente oramai si giochi sul territorio degli affari criminali più che sui campi aperti di battaglia poiché il terrorismo si finanzia, nella sua fase di ricerca del potere, attraverso il rapporto con la criminalità organizzata locale e transnazionale dall’Afghanistan, alla Cina, dal Caucaso all’Iraq, dalla Penisola Arabica al Marocco e dal Mali alla Nigeria.

martedì 7 luglio 2015

Germany: operation Rheinbrücke. The criminal Italian penetration and 'ndrangheta model abroad.


Last night, the Italian Carabinieri of Reggio Calabria in collaboration with the German side law enforcement agencies, have arrested ten subjects investigated for association in mafya type organization aggravated by the transnational offenses, as committed in Italy and Germany by an organized criminal group engaged in criminal activities in more than one state. The operation conventionally called "Rheinbrücke", whose investigations were initiated in 2012, made it possible to disrupt the “Società of Singen (D)”, as well as to ascertain the existence of other "locali" in the city of Rielasingen (D), Ravensburg (D) and Engen (D), linked with the 'Ndrangheta in the province of Reggio Calabria. No news about the existence of this kind of export criminal model, but what will be interesting, as soon as available, will be to analyze the way the prosecutor were able to context the aggravation of been part of transnational crime organization according to Italian law linked to the Palermo Convention on Transnational Organized Crime, 2000.

lunedì 6 luglio 2015

Syriza, Ventotene and the market-state.


Once again it fell to Greece to show the way; and it makes me feel a certain euphoria. The dominance of reason over the calculation, although not naturally antithetical, inspires confidence.
Before every other consideration should it be clarified that this step is not due to negative economic conjuncture, which represent only a symptom, but the very nature of the process of European unification.
We forget that the founding fathers, driven and supported by an idealistic inspiration in thinking the Union, were equipped with an equally pragmatic sense of reality so as to base the integration process on the interest that, over time, would lead to that outcome political union well aware that the reverse would be an unrealistic attempt.
Today we are at this point: the question is not about rescue or restructure Greece, the issue is: the European Union is a society of nations or wants to be the union of peoples cohesively towards a future of peace and prosperity?
Said differently, more on the historical perspective: the nation state will evolve permanently in state-market or the policy will still be the catalyst of the interests of the people. Or: who we want to prevail the individual, or the individual as part of a community? The answer to these questions in different proposition but identical in substance form the frame for the evolution of the West.
Now, in terms that best suits the my comfort zone, I must clarify that this issue is crucial to analyze the phenomena of transnational organized crime for the way they are structured for some time to come; mafias thrive where the exercise of force, as it regulates social relationships, is not fully utilized by the state. So, in a situation where it is not politics but the economy that dictates the rules, mafias are at ease because they operate according to economic criteria typically aimed at profit.
The current international situation, from east to west, is characterized by this contrast; they are the corollary groove deepening between the North and South, and the deepening of the gap between rich, less and less, and poor, more and more, the development of the phenomena of indiscriminate onset and transnational criminal networks, which share converging interests and economic power.


Where to prevail, will be the model of state-market it will be very difficult to counter the advance of the forces criminals and insurgents resulting in an increase of insecurity.

SYRIZA, VENTOTENE E IL MARKET-STATE


Ancora una volta è toccato alla Grecia indicare la strada; e la cosa mi suscita una certa euforia. Il predominio della ragione sul calcolo, seppure per natura non antitetici, ispira fiducia.
Prima di ogni altra considerazione va chiarito che questo passaggio non è dovuto a congiunture di natura economica negative, che rappresentano solamente solamente un sintomo, ma alla natura stessa del processo di unificazione europea. 
Si dimentica che i padri fondatori, spinti e sostenuti da un afflato idealistico nel pensare l’Unione, erano dotati di un altrettanto pragmatico senso del reale tanto da basare il processo d’integrazione sull’interesse che, nel tempo, avrebbe condotto quale esito all’unione politica ben consapevoli che l’inverso sarebbe stato un velleitario tentativo.
Oggi siamo a questo punto: la questione non è salvare o ristrutturare la Grecia, la questione è: l’Unione Europea è una società di nazioni o vuole essere l’unione di popoli coesi verso un futuro di pace e prosperità?
Detta in modo differente, più sul piano storico: lo stato nazionale si evolverà definitivamente in stato-mercato o la politica sarà ancora il catalizzatore degli interessi dei popoli. O ancora: chi vogliamo prevalga l’individuo, o l’individuo quale elemento di una collettività? La risposta a questi quesiti differenti nella proposizione ma identici nella sostanza costituirà la cornice per l’evoluzione dell’occidente.
Ora, sotto il profilo che maggiormente si attaglia alle mie corde, devo chiarire che questo tema è decisivo per l’analisi dei fenomeni di criminalità organizzata internazionale per come si vanno strutturando già da tempo; le mafie prosperano laddove l’esercizio della forza, in quanto regolatrice dei rapporti sociali, non è esercitata appieno dallo stato. Quindi, in una situazione in cui non è la politica ma l’economia a dettare le regole le mafie si trovano a proprio agio in quanto operano secondo criteri tipicamente economici finalizzati al profitto.
L’attuale situazione internazionale, da oriente ad occidente, è caratterizzata da questa contrapposizione; ne sono corollario il solco sempre più profondo tra il nord ed sul, e l’acuirsi del divario tra ricchi, sempre di meno, e poveri, sempre di più, lo sviluppo indiscriminato dei fenomeni d’insorgenza e delle reti criminali transnazionali,  accomunati da interessi convergenti economici e di potere.

Laddove a prevalere, sarà il modello di Stato-mercato sarà molto difficile contrastare l’avanzata delle forze criminali ed insorgenti con conseguente aumento dell’insicurezza diffusa.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...