lunedì 30 marzo 2015

Islamic State and the Black Dorsal.

The time has come to make order in the riser and redundant media flow of news that not always becomes information.
First news: what is happening in the contemporary world is of great interest in its global dimension, but precisely because of this to most people seems distant from the daily interests; it is not the case.
Second news, bad: we are not yet prepared to deal with the related threats as we do not always understand the genesis, development and dynamics of the new world.
Third news, encouraging: at least we are talking about it.
Trying to make order we start with the general profiles. The contemporary world is characterized by chaos and no sovereign state has the power to control global developments.
The Middle East, with the collapse of Syria and Iraq, is destabilized to the point that the situation will have clear impact even beyond the Mesopotamia; Libya and Yemen are in a panic, Lebanon and Israel live in a constant state of war; the Arab Spring did not bring any benefit to the local people; Afghanistan and Pakistan can sink into a similar abyss at all times; Europe has the war on its borders, and is not equipped to deal with; the whole of Africa is under constant pressure from inside by the hand of the endogenous onset and from the voracious hunger for exploitation of its resources by the international powers; the Pacific has returned to being an ocean "of war" because of commercial interests that trigger appetites of all the countries surrounding it; Asia is under pressure from China who returned to feel threatened by Japan and Russia.
This is essentially the geopolitical referenced national forces, supranational and imperial.
However, to produce effects for social security is the lower level of international relations, theater tactics staged by great actors. The interventions of this nature, in the various regional theaters of China, Russia, America, India, Pakistan, Iran, Turkey, Saudi Arabia, between the main, are obviously functional national priorities.
In this scenario acts the Islamic State surpassing the strategy of al-Qaeda, which is anyway the direct filiation, establishing itself as an advanced model for contemporary jihad fought with the same weapons of the Western enemy: the exploitation of mass media and the regional crises.
The Islamic State, unlike al-Qaeda, has created an idea of ​​belonging enticing for young people, not by chance the privileged recipients of his communication, combined with a reaffirmation of the original spirit of a united Islam as in the heyday of the first four caliphs.
From a strategic point was the Syrian Abu Musab al-Suri (Syrian naturalized Spaniard formed in London in the school's ideological Palestinian Abu Qatada before reaching al-Qaeda fighters in Afghanistan) to outline the guidelines for a jihad no longer based on a rigid organization but as articulated on a flexible network. I resort, in an attempt to one evocative representation, the metaphor of the spider's web that even if he fail a thread of the plot does not lose its deadly potential of the whole. Is in this context that should be understood the attacks made by cells or lone-wolf.
These attacks represent the first step towards the destabilization of a region in order to generate local onset, relying on local specificities, as happened in Iraq and Syria yesterday, today in Libya and perhaps in Tunisia, and probably also at this time Yemen.
Corollary of the seduction exercised by the Islamic State is the growing movement of foreign fighters, the phenomenon still not well defined, but no less of extreme danger in relation to the potential multiplier effect of acceptances.
Finally, the idea of ​​this new Jihad, is well suited to be married by local insurgents and terrorist because of their specific needs so that claiming membership in the caliphate of al-Baghdadi creating de facto a "Black Dorsal" that now extends from Iraq to Libya (Ansar al Sharia in the province of Derna where he has been created a youth jihadist movement) but that goes will go further to Nigeria of Boko haram and Somalia of Shaabab.
This is the picture of the world certainly limited to the  Western point of view.
However, the real news in an absolute sense, even more than the described evolution of jihad, is that for the first time in absolute is the new menace carried out by the relationship between organized crime terrorism and insurgency sharing common interests even with differents goals.
This aspect is the essential point for understanding the dynamics of the Islamic State jihadi because without the support of the local tribes, who exercise control of the territories in most Islamic societies, it is not possible to further establish the caliphate as it has made in Iraq, Syria and still partly in Libya.
The control of the territory generates income essential for the Islamic State which in turn grants to local criminals the opportunity to continue in their illegal activities.
Is in this relationship and joint interest that should be identified the greatest danger posed by the Islamic State and his followers because this relationship generates resilience, i.e. ability to react and adapt to external attacks, as demonstrated by the Model Criminal Mafioso shown in previous writings.
If the territories accept this then no external intervention can remedy a factual situation as teaches Italian experience.
The question then is: why these territories should not give in to the lure of the idea advocated by the Islamic State?


giovedì 26 marzo 2015

Stato Islamico e criminalità organizzata: il Modello Sistemico Mafioso applicato al jihad.


A questo punto è giunto il tempo di fare ordine nel montante e ridondante flusso mediatico di notizie che non sempre la comunicazione trasforma in informazione.
Prima notizia, brutta: cosa va accadendo nel mondo contemporaneo è di estremo interesse nella sua dimensione globale, ma proprio a causa di  questa caratteristica il tema, ai più, appare distante dagli interessi quotidiani; non è affatto così, e lo sarà sempre meno nel futuro a noi prossimo.  
Seconda notizia, pessima: non siamo ancora preparati ad affrontarne le relative minacce poichè non ne comprendiamo la genesi, lo sviluppo e le dinamiche.
Terza notizia, incoraggiante: se ne parla.
Cercando di fare ordine partiamo dai profili generali. Il mondo contemporaneo è preda del caos e nessuno stato sovrano ha la forza di controllarne gli sviluppi globali.
Il Medio Oriente, con il collasso della Siria e dell’Iraq, è destabilizzato al punto che la situazione avrà senza meno ripercussioni ben oltre la Mesopotamia; la Libia e lo Yemen sono in preda al panico, il Libano e Israele vivono in perenne stato di guerra; le Primavere arabe non hanno apportato alcun vantaggio alle popolazioni disorganizzate che ne erano state le artefici, e che essendo state deluse possono cadere facilmente preda di movimenti d’insorgenza; Afghanistan e Pakistan possono sprofondare in un simile abisso in ogni momento; l’Europa ha la guerra ai suoi confini, e non è attrezzata per farvi fronte, anzi fa di tutto per stuzzicare il revanscismo sovietico; l’intera Africa è sotto costante pressioni sia dal suo interno, per mano delle rivolte endogene, sia dalla vorace fame di sfruttamento delle sue risorse da parte delle potenze internazionali; il Pacifico è tornato ad essere un oceano “di guerra” a causa degli interessi commerciali che scatenano appetiti di tutti i Paesi che vi si affacciano; l’Asia è sotto pressione da parte della Cina che è tornata a sentirsi minacciata dal Giappone e dalla Russia.
Questo è in sostanza il piano geopolitico a cui fanno riferimento le forze nazionali, sovranazionali ed imperiali.
Tuttavia, a produrre effetti per la sicurezza sociale è il livello inferiore delle relazioni internazionali, teatro delle tattiche messe in scena dai grandi attori. Gli interventi di questa natura, nei diversi teatri regionali di Cina, Russia, America, India, Pakistan, Iran, Turchia, Arabia Saudia, fra i principali, sono ovviamente funzionali alle rispettive priorità nazionali. 
In questo scenario poliedrico ha trovato acqua di coltura lo Stato Islamico che, superando la strategia di al-Quaeda, della quale è comunque diretta filiazione, si va affermando quale modello avanzato per un jihad contemporaneo combattuto con le stesse armi del nemico occidentale: il messaggio mass mediatico e lo sfruttamento delle crisi regionali.
Lo Stato Islamico, a differenza di al-Quaeda, ha creato un'idea di appartenenza seducente per i giovani, non a caso i destinatari privilegiati della sua comunicazione, coniugata con una riaffermazione dello spirito originario di un Islam unito come nel periodo aureo dei primi quattro califfi -ben guidati-. 
Sotto il profilo strategico è stato il siriano Abu Musab al-Suri (siriano naturalizzato spagnolo formatosi a Londra alla scuola ideologica del palestinese Abu Qatada prima di raggiungere i combattenti qaedisti in Afghanistan) a delineare le linee guida per un jihad basato non più su un'organizzazione rigida quanto articolato sulla costruzione di una rete flessibile. Ricorro, nel tentativo di una rappresentazione evocativa, alla metafora della tela del ragno che, quand'anche venisse meno un filo della trama non perderebbe il suo potenziale mortale dell'insieme. E' in quest'ottica che vanno letti gli attentati degli ultimi tempi realizzati da "singoli fili" di questa imponderabile ragnatela tessuta dallo Stato Islamico. 
Questi attentati -realizzati artigianalmente- rappresentano il primo passo verso la destabilizzazione di un territorio al fine di generarespinte locali d'insorgenza contando sulle specificità locali come avvenuto in Iraq e Siria ieri, oggi in Libia e forse in Tunisia, e probabilmente in queste ore anche nello Yemen. 
Corollario della seduzione esercitata dallo Stato Islamico è il crescente movimento dei foreign fighters, fenomeno ancora non ben definito, ma senza meno di estrema periclosità in relazione al potenziale effetto moltiplicatore delle adesioni.  
Infine, l'idea di questo nuovo Jihad, ben si presta ad essere sposata da realtà locali in ragione delle proprie specifiche esigenze per cui organizzazioni radicali islamiche locali rivendicano l'appartenenza al califfato di al-Baghdadi creando di fatto una "Dorsale Nera" che oggi si estende dall'Iraq del nord, alla Libia di Ansar al Shari’ah della provincia di Derna (dov'è nato un movimento jihadista giovanile), ma che si spinge alla Nigeria dei Boko haram ed alla Somalia degli Shaabab.
Questo è il quadro d'insieme del mondo che fa dal nostro, senz'altro limitato, punto di vista occidentale.
Tuttavia, la vera novità in senso assoluto, ancor più della descritta evoluzione del jihad, è che per la prima volta in senso assoluto terrorismo/insorgenza e criminalità organizzata condividono strategie ed interessi. 
Questo rapporto è il fulcro imprescindibile per comprendere le dinamiche jihadiste dello Stato Islamico poichè senza l'appoggio delle tribù, che esercitano il controllo dei territori nella maggior parte delle società islamiche, non è possibile il radicamento del califfato per come si è realizzato in Iraq, Siria ed ancora in parte in Libia. 
Il controllo del territorio genera -profitto- indispensabile per lo Stato Islamico che a sua volta concede alle realtà locali criminali la possibilità di continuare nelle proprie attività illecite.
E' in questa relazione e cointeressenza che deve essere individuato il pericolo maggiore posto dalla Stato Islamico e dai suoi epigoni poichè questa relazione genera relisilienza, ossia capacità di reazione e adattamento ad attacchi esterni, come dimostrato dal Modello Criminale Mafioso illustrato in precedenti scritti.
Se i territori cedono, allora nessun intervento esterno potrà porre rimedio ad una situazione di fatto come insegna l'eperienza italiana nelle regioni ad alto tasso di mafiosità. 
La domanda quindi è: perchè questi territori non dovrebbero cedere alle lusinghe dell'idea propugnata dallo Stato Islamico? 

giovedì 5 marzo 2015

The Sicilian Mafia and the Libyan crisis.


Recently the Italian Minister of Interior has reported to the Parliament on the activities undertaken in 2014 by the Anti-Mafia Investigation Department, the operating tool to combat organized crime; he has pointed out that  foreign organized criminals networks in Italy  are structured according to the characteristics related to the common criminal association accordingly to Italian penal code  and is mainly devoted to drug trafficking and crimes against property in general. 
Furthermore that foreign criminals organizations who act on Italian territory are characterized by specialization in certain areas and congenial criminal activities, establishing ethnic relations aimed at the creation illegal activities. Albanian and Chinese emerge, by number and obstinacy, in the achievements of criminal activities, while, at a lower level, are classified Nigerian ones, and then the Eurasian.
So far the Minister.
For me it is interesting to note that for the first time it has been declared the ability of alien criminal organizations to forge, not only merely occasional relationships with Italian organized even with the of mafya-type ones; this is a very interesting phenomenon because it is in via of expansion and evolution from the criminology point of view. In particular, in  Sicily have long been evident the increasing number of links that associate Italian and foreign mafia organizations networks  in particular the provinces of Syracuse and Agrigento.
So in this respect, it is confirmed what has already been extensively described, and essentially in line with the evolutionary process of criminal mafia-type operating in the south of Italy. since the second half of the Nineties the Mafias, and the Sicilian one in particular, have started a slow but steady transformation over time. The 'ndrangheta has finally projected its interests n the international market of drugs; the Camorra has returned to the level that is more congenial to itself, the control local criminal activities, even low-profile ones, and the Sicilian Mafia is still engaged in the process of restructuring. However, all, as common factor, are engaged in the reconquest of their respective territories; mafias, with the collapse of the established political and business ties are forced to regenerate in entities more close to the times.
Within this general framework, the element that more than any other should lead to a careful consideration is the welding of criminal interests converged between Italian and foreign criminal organizations.
In the past, Romanians, Georgians, Pakistanis and Eritreans, to give just a few examples, were considered of little criminal ethnic profile underestimating their relational capacity, the construction of logistics networks and transnational marked feature. While attention was focused on Albanian, Chinese and Nigerians, of course  with greater criminal background, other ethnic groups laid the groundwork to carry out their criminal activities not in alternative, but in addition to them.
In essence, the process of restructuring the criminal mafias homegrown, the economic downturn and the globalization of world flows, encourage interaction between the Italian and the foreign criminal creating a further source of concern for the security and public order.
In conclusion, it should be denounced the urgent need to act promptly, before these links take characters resilient, rethinking the approach to these forms of crime framing it primarily in a markedly transnational context using the investigative tools provided by the specific aggravating envisaged by the Italian penal code.standard criminal hitherto under consideration.
It will be essential a completely new approach to these criminal phenomena completely changing the point of view of the evolution in the understanding that nowadays to tackle even internal organized criminal networks must have the  knowledge of the dynamics of global criminal activities and evolution.
For example, if you do not know the criminal situation in Libya, and its weight in domestic politics, you can not understand if, and in what, way Sicilian criminal organizations will benefit from the flow of migrants and illicit trafficking that from that country invest the whole of Europe through Italy.
Changing perspective is of a tremendous helps to design different and possible scenarios.

mercoledì 4 marzo 2015

Le nuove mafie, cambiare punto di vista.


In questi giorni il Ministro dellInterno ha relazionato il Parlamento sullattività svolta nel 2014 dalla Direzione Investigativa Antimafia, strumento operativo di contrasto alla grande criminalità; il responsabile della sicurezza ha evidenziato che la criminalità straniera nel nostro Paese è strutturata secondo le caratteristiche riconducibili allassociazione criminale comune ed è in prevalenza dedita al traffico di sostanze stupefacenti ed ai reati in genere contro il patrimonio. Ha proseguito denunciando che le diverse organizzazioni criminali straniere sul territorio italiano si caratterizzano per la specializzazione in determinate aree e congeniali attività criminali, in autonomia o anche in relazione operativa, stabilendo relazioni interetniche tese alla realizzazione di traffici ed attività illecite. Albanesi e cinesi emergono ancora, per numero e pervicacia, nella realizzazione delle attività criminali, mentre, ad un livello inferiore, vengono classificate quelle nigeriane, e quindi quelle euroasiatiche.
Fin qui il Ministro.
Einteressante notare che per la prima volta si è dichiarata la capacità delle organizzazioni criminali allogene di stringere rapporti, non solo meramente saltuari, con la criminalità organizzata italiana anche mafiosa; fenomeno questo interessante in quanto in via despansione ed evoluzione sotto il profilo criminologico. 
Rammento che nel trattare della Sicilia e della sua criminalità organizzata sono già da tempo evidenti i sempre più numerosi legami che associano le organizzazioni mafiose, in particolare delle provincie di Siracusa e di Agrigento, a quelle straniere.
Quindi, sotto questo profilo si conferma quanto già ampiamente descritto ed essenzialmente in linea con il processo evolutivo delle organizzazioni criminali di tipo mafioso operanti nel sud del Paese. 
Verso la seconda metà degli anni Novanta le mafie hanno avviato una lenta ma costante trasformazione. La ‘ndrangheta si è definitivamente proiettata sul mercato internazionale degli stupefacenti; la camorra è ritornata al livello che più le è congeniale di controllo delle attività criminali locali, anche di basso profilo, mentre la mafia siciliana è ancora impegnata nel suo processo di ristrutturazione interna alla ricerca di nuovi equilibri ed aree d'intereese criminale. Tuttavia, tutte, a fattor comune, sono focalizzate nella conservazione o riconquista dei rispettivi territori; le mafie, con il crollo dei consolidati legami politico-imprenditoriali e conseguente perdita delle relative protezioni, sono costrette a rigenerarsi in entità aderenti ai tempi.
In tale quadro generale, lelemento che più di ogni altro deve indurre ad una attenta riflessione è la saldatura dinteressi criminali convergenti tra le organizzazioni criminali italiane e quelle straniere.
In passato, rumeni, georgiani, pachistani ed eritrei, per fare solo alcuni esempi, sono state considerate etnie di scarso profilo criminale sottovalutandone la capacità relazionale, quella di costruzione di reti logistiche e la spiccata caratteristica transnazionale. Mentre lattenzione era focalizzata su albanesi, cinesi e nigeriani, certo dotati di maggiore spessore criminale, le altre etnie ponevano le basi per svolgere le rispettive attività criminali non in alternativa, ma in aggiunta alle più note, e questo è il dato di maggiore allarme sociale.
In sostanza, i processi di ristrutturazione criminale delle mafie nostrane, la congiuntura economica negativa e la globalizzazione dei flussi mondiali, favoriscono linterazione tra la criminalità italiana e quella straniera creando un ulteriore motivo di preoccupazione per la sicurezza e lordine pubblico.
In conclusione, va denunciata l'urgenza di agire prontamente, prima che questi legami assumano caratteri resilienti, ripensando lapproccio a queste forme di criminalità inquadrandola innanzi tutto in un ambito marcatamente transnazionale ricorrendo, sotto il profilo giudiziario-investigativo, agli strumenti previsti dalla specifica aggravante penale fino ad oggi negletta.
E' imprescindibile un approccio completamente nuovo a questi fenomeni criminali, anche interni, superando la stantia, ma comoda, antimafia, sempre più spesso marcatamente definibile in -mafia dell'antimafia- cambiando completamente il punto di vista nella comprensione dell'evoluzione criminologica che oggigiorno deve essere caratterizzato dalla conoscenza delle dinamiche criminali mondiali.
Ad esempio, e a titolo di provocazione, se non si studiano e comprendono le dinamiche della criminalità in Libia, ed in particolare il suo peso in quasta fase politica, non è possibile comprendere -se ed in che modo- le organizzazioni criminali italiane potranno avvantaggiarsi dal flusso di migranti e traffici illeciti che da quel Paese investono l'intera Europa passando dall'Italia.
Prendere in esame nuovi punti di vista aiuta a confutare teorie errate o a confermarne la validità, ma soprattutto aiuta a crescere.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...