martedì 17 febbraio 2015

Crime, terrorism and insurgency, how does this dirty entanglements works also in the ongoing Libyan crisis.

When you throw a stone in a pond, the entire ecosystem gives a start, and defends itself from any possible danger, just pausing to decide what moves it needs to take. After the fall of the Berlin Wall, the whole ecosystem of international relations was uncertain what the future held, and simply reacted to individual episodes that required short-term responses. Then, with the passage of time, the inhabitants of the pond world slowly resumed their everyday activities, re-engaging in a scenario which was, however, already greatly changed.
Globalization has weakened those nation states created by the Peace of Westphalia in 1618, setting loose subversive forces such as organized crime, terrorism and insurgency.
The weakening of these nations clearly has a variety of causes, related to the specific features of each individual context. Western democracies are afflicted as well as North African and Latin American nations, the authoritarian states of the Caucasus and those of the Indian continent. The result, however, is similar in all these different cases: a strengthening of the relationships between crime, terrorism and insurgency.
Meanwhile something else has happened. First of all, we need to clarify certain facts: that the Cold War never really ended, a situation evident even to the least attentive; that the Pacific is back at the centre of international geopolitical interests; that the Muslim world is still in the grip of civil strife; that the world economy is suffering a systemic crisis; that the north-south divide and inequality between social classes is becoming ever more pronounced, and, finally, that there are now many more geopolitical players able to influence international politics. 
The waves caused by the stone thrown in the pond (with the end of domination by the two superpowers, the USA and USSR) have now dispersed, and the inhabitants of the pond have returned to living dangerously. 
In this general context, the dark relationship which links the interests of organised crime interests to those of terrorism and the increasing incidences of insurgency, has acquired an intrinsic geopolitical importance and strength.
Therefore, it is now essential to talk of terrorism and insurgency by recognizing the profound influence that organized crime has on these phenomena, in its local, international and transnational versions.
A study of these various players (considered individually but also in terms of their interconnections) is crucial to understanding their deeper nature, predicting their evolution and determining effective policies to oppose them.
When a state does not exercise control over its own territory, it is logical that the resulting power vacuum will be filled immediately by local communities, which will supersede it and exercise its prerogatives, controlling both legal and criminal activities. This regulatory activity is only possible if the parties come to terms: with politics, economics and local crime forming relationships based on their common interest in local power management. When this phenomenon arises in the West, it takes the form of the well-known Mafia system; when it materialize in countries with weak governments, it increasingly gives rise to the phenomena of terrorism and insurgency.
In the final analysis, it is no longer credible to talk about geopolitics without also acknowledging the relationship between terrorism, crime, and corruption.

Criminalità, terrorismo ed insorgenza, come funziona questa sporca relazione, anche nella crisi in Libia.


Quando si getta un sasso in uno stagno l'intero ecosistema ha un sussulto e si difende dall'eventuale pericolo fermandosi per comprendere quali mosse intraprendere. Dopo la caduta del Muro di Berlino l'intero ecosistema delle relazioni internazionali si è interrogato sul futuro limitandosi a reagire a singoli episodi che richiedevano risposte a breve termine. Poi, con il tempo, gli esseri viventi dello stagno mondiale piano piano hanno ripreso la quotidiana attività rimettendosi in gioco in uno scenario che tuttavia era di già molto mutato.
La globalizzazione ha indebolito gli stati-nazionali figli della pace di Westfalia del 1618 liberando forze eversive quali la criminalità organizzata, il terrorismo e l'insorgenza.
L'indebolimento degli Stati ovviamente ha cause diverse in relazione alle specificità di ogni realtà; ne soffrono le democrazie occidentali come anche quelle nord africane e dell'america latina, quegli stati autoritari del caucaso come quelli del continente indiano. Il risultato comunque, comune a tutte queste  diverse esperienze, è il rafforzamento della relazione tra criminalità-terrorismo-insorgenza.
Nel frattempo altro è accaduto. Prima di tutto va chiarito che la guerra fredda non è si mai conclusa, ed oggi è evidente anche ad i meno attenti; che il Pacifico è tornato al centro degli interessi geopolitici internazionali, che il mondo Musulmano è ancora in preda a lotte intestine, che l'economia mondiale è in crisi sistemica, che la sperequazione nord-sud e tra le classi sociali è sempre più accentuata e, per concludere, che si sono moltiplicati gli attori geopolitici in grado di influenzare la politica internazionale. 
Le onde provocate dal sasso lanciato nello stagno con la fine dell'egemonia delle due super potenze USA e URSS si sono rareffatte e gli abitanti dello stagno hanno ripreso at  vivere pericolosamente. 
In questo contesto generale la - sporca relazione - che lega gli interessi della criminalità organizzata a quelli dei terrorismi e dei sempre più numerosi fenomeni d'insorgenza ha acquisito una forza ed un valore geopolitico intrinseco.
Oggi è quindi imprescindibile parlare di terrorismo ed insorgenza conoscendo la profonda relazione ed effetto che ha su di questi fenomeni la criminalità organizzata nelle sue versioni, locale, internazionale e transnazionale.
Lo studio di questi attori, considerati singolarmente ma analizzati negli aspetti sinergici, è decisivo per comprenderne la natura profonda, prevederne l'evoluzione e determinare efficaci politiche di contrasto.
Quando uno stato non esercita il controllo del proprio territorio è logico che il derivante vuoto di potere verrà immediatamente riempito dalle comunità locali che, sostituendosi ad esso, ne eserciteranno le prerogative regolando le attività economoniche lecite e criminali. Quest'attività di regolamentazione è possibile solamente se scendono a patti: la politica, l'economia e la criminalità locale dando vita a rapporti osmotici nell'interesse comune e convergente di gestione  del potere locale. Quando questo fenomeno si concretizza in occidente prende la forma del Sistema Mafioso che ben si conosce, quando si materializza nei paesi a debole sovranità sempre più spesso nascono i fenomeni di terrorismo ed insorgenza.
In ultima analisi non è più credibile parlare di geopolitca senza avere in agenda la conoscenza della relazione che intercorre tra terrorismo-criminalità-corruzione.

giovedì 12 febbraio 2015

The new world order and small wars ahead. The Pandora's box.


Those familiar with my pages are accustomed to the concept of First Permanent War and a-polar world system. However, to this vision of modernity must be added another variant that finds its foundation, in particular, and once again, in US foreign policy; since the nineties with the support the Ukrainian Orange Movement and furthermore sustain to the demands for independence of the Serbian province of Kosovo, have highlighted the US intention to weaken both the European Union and Russia exploiting the claims of Ukrainian, Georgian and Kosovo. Kosovo, in particular, is the keystone that holds the entire US foreign policy after the season supported of land invasions of Afghanistan and Iraq.
The strong acceleration to the new strategic course was the approach - in economic terms - of Germany to Russia and China to the latter; so push the accelerator bordering Russia on defensive positions forcing her into a state of psychological encirclement clearly falls into this strategy.
I said of Kosovo as a turning point in international relations obviously referring to its proclaimed independence from Serbia in 2008, strongly supported by the United States and recognized by a number, not all, European countries. The question of legitimacy of this turn-independence Kosovo has been brought to the attention of the International Court of Justice which stated that the self-proclaimed state of Kosovo did not violate any international standard. This decision - downward - in the absence of a multilateral international treaty on the subject, opened the way to the movements independent thus creating a precedent to which appeal. So much so that will follow the Russian annexation of Abkhazia and Ossetia and the renewed willingness to form a sovereign state in the Palestinian territories.
Essentially the desire for autonomy that are not lacking in the world have become a tool of foreign policy to weaken or otherwise strengthen strategic positions in the international arena.
The Crimea issue, of course, cannot be alien to this mechanism, and in fact it is certainly seen that President Putin has claimed the right of these peoples to self-determination.
But even further, and this is another strong theme in recent months, with what interpretative fairness and conduct will be denied to people who support the Islamic State, or even to those who see in Boko Haram the lesser evil compared to a central corrupted administration to create their own State, read Caliphate?
The new era does not promise much good, but now the Pandora’s box was foolishly or perhaps willingly uncovered.

mercoledì 11 febbraio 2015

Quale guerra farà ed i califfati


Chi ha familiarità con le mie pagine è aduso al concetto di Prima Guerra Permanente e di sistema mondiale a-polare; entrambi, dal punto di vista geopolitico, rappresentano il portato delle dinamiche internazionali contemporanee prive dell'influenza determinante delle due ex superpotenze - USA e URSS - in grado di condizionare il panorama internazionale in via esclusiva.
Tuttavia, a questa visione della contemporaneità deve essere aggiunta un'ulteriore variante che trova il suo fondamento, in particolare ed ancora una volta, nella politica estera statunitense; a partire dagli anni Novanta il sostegno al movimento Arancione ucraino e alle rivendicazioni indipendentiste della provincia serba del Kosovo hanno fatto emergere l'intenzione americana d'indebolire contemporaneamente l'Unione Europea e la Russia sfruttando le rivendicazioni ucraine, kosovare e infine georgiane.
Il Kosovo, in particolare, rappresenta la chiave di volta che sorregge l'intera politica estera americana successiva alla stagione delle invasioni terrestri supportate dalle diverse coalizioni di volenterosi in Afghanistan ed Iraq. Ad imprimere una forte accellerazione al nuovo corso strategico ha concorso l'avvicinamento - in termini economici - della Germania alla Russia e di quest'ultima alla Cina.
Spingere l'accelleratore confinando la Russia su posizioni difensive costringendola in uno stato psicologico di accerchiamento rientra evidentemente in questa strategia.  
Dicevo del Kosovo come momento di svolta nelle relazioni internazionali riferendomi ovviamente alla sua proclamata indipendenza dalla Serbia nel 2008 fortemente sostenuta dagli Stati Uniti e riconosciuta da una parte, non tutti, i Paesi europei. La questione di legittimità di questa svolta indipendentista kosovara è stata portata all'attenzione della Corte  Internazionale di Giustizia che si è pronuniciata asserendo che l'autoproclamato stato kosovaro non violava alcuna norma internazionale. Questa decisione - al ribasso -, in mancanza di un trattato internazionale multilaterale sul tema, ha aperto la strada ai movimenti indipendensti creando così un precedente a cui fare appello. Tanto è vero che seguiranno l'annessione russa della Abkazia e dell'Ossezia e la  rinnovata volontà di costituirsi stato sovrano dei territori palestinesi.
In sostanza le volontà autonomiste che certo non mancano a livello mondiale sono divenute uno strumento di politica estera a cui ricorrere per indebolire o al contrario rafforzare posizioni strategiche nell'agone internazionale. 
La Crimea, ovviamente, non può essere estranea a questo meccanismo,  e infatti non lo è di certo visto che il presidente Putin ha rivendicato il diritto di quelle popolazioni all'autodeterminazione anche semplicemente a seguito di un referendum popolare.
Ma ancora più in là, ed è questo l'altro tema forte di questi mesi, con quale equità interpretativa e d'azione si negherà alle popolazioni che sostengono lo Stato Islamico o anche a quelle che vedono in Boko haram il male minore rispetto ad uno stato centrale corrotto, di creare un loro stato, leggasi califfato? 
L'era che si affaccia non promette molto di buono, ma oramai il vaso  Pandora è stato stupidamente o fors'anche scientmente scoperchiato.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...