lunedì 26 gennaio 2015

Tribalism and the New Geografy


Who reads these pages is familiar with the concept of First Permanent War and a-polar world system from the geopolitical point of view that refer to the contemporary geopolitical dynamics without superpowers able to exercise power exclusively in which the phenomena of onset express the subversive potential in a territory by binding inescapably other actors which can control a territory.
In most cases this control belongs to the local communities with the inherent specificity -ethnographic and anthropological- which certainly are of tribal nature.
The tribes, especially in non-urbanized territories of those countries that have not experienced the results of Greek, Roman, Germanic civilization and the industrial and post-industrial effects, is still the primary form of aggregation protective and more widespread.
It follows, that the role of the tribe, decisive for the management of commercial activities in the area of belonging, of course, also has an impact in the management of criminal activities through various forms of smuggling which often represent the only source of income available.
In Iraq, for example, there are about 150 tribes and clans composed in 2000 respective areas of influence. 75% of Iraq's population belongs to a clan or has blood ties with one of these. From the base unit, the family it goes to the enlarged family and then to the clan and so to the tribe  ending with tribal organization in the form of a confederation of tribes.
This same organizational structure we identify in much of the rest of the World that once we were used to identify such as the second and third world. With the loss of national sovereignty there are an increasing number of states in crisis or in the process of bankruptcy because of the pressures that come from below in order to to maintain their territorial privileges.
These days what is going on in Yemen reveal  clearly this trend as the population Zaidi, led by tribal militia of al-Houthi, having seen betrayed the agreements made with the government of San'à has decided to occupy the centers of power claiming the direct administration of northern territories of atavistic membership, leaving the south to the administration of local tribal forces supported by AQ in Yemen.
The central role of the tribes always emerges with greater force and will be crucial even in the Libyan crisis that, as Italians, affects us more directly.
The upheaval of the borders of Iraq and Syria with the birth of the Caliphate, future claims by Kurdish, the Libyan and Malian crisis as well as the activities of insurgent Shaabab in Somalia and Boko Haram in Nigeria, to mention only the best known, are facts that are redrawing the political map belonging to the last century.
Welcome to the new Geography.

sabato 24 gennaio 2015

Tribalismo e nuova geografia.


Chi legge queste pagine è familiare con il concetto di PrimaGuerra Permanente e sistema mondiale a-polare dal punto di vista geopolitico che comunque si rifanno alle dinamiche geopolitiche contemporanee prive di superpotenze in grado di esercitare il potere in via esclusiva in cui i fenomeni d'insorgenza esprimono il potenziale eversivo in un territorio legandosi imprescindibilmente ad altri attori in grado di controllar un territorio.
Nella maggior parte dei casi questo controllo appartiene alle comunità locali con intrinseche specificità etnografiche ed antropologiche quali senz’altro quelle di natura tribale.
La tribù, in particolar modo nei territori non urbanizzati di quei paesi che non hanno sperimentato gli esiti della civilizzazione, greca, romana, germanica, industriale e post-industriale, è ancora la forma di aggregazione protettiva  elementare e più diffusa. 
Ne consegue che il ruolo della tribù, decisivo per la gestione delle attività commerciali nell'area di appartenenza, si ripercuote ovviamente anche nella gestione delle attività criminali attraverso varie forme di contrabbando che spesso rappresentano l'unica fonte di guadagno disponibile.
In Iraq, ad esempio, esistono circa 150 tribù composte da 2000 clans e rispettive zone d'influenza. Il 75% della popolazione irachena appartiene ad un clan o ha legami di sangue con uno di questi. Dall'unità di base, la famiglia si passa a quella allargata, la casata, quindi al clan ed ancora alla tribù per finire con un'organizzazione tribale in forma di confederazione di tribù.
Questa medesima struttura organizzativa sociale la individuiamo in gran parte del resto Mondo che una volta si definiva secondo e terzo rispetto a quello occidentale. Con la perdita della sovranità nazionale sono sempre più numerosi gli stati in crisi o in via di fallimento a causa delle spinte che provengono dal basso e sono finalizzate al mantenimento dei propri privilegi territoriali.
In questi giorni è lo Yemen che ripropone chiaramente questa tendenza poichè la popolazione Zaidi, guidata dalla milizia tribale di al-Houthi, avendo visto traditi gli accordi presi con il governo di Saanà ha deciso di occupare i centri del potere rivendicando l'amministrazione diretta dei territori del nord di atavica appartenenza, lasciando il sud all'amministrazione delle forze tribali locali affincate dalle componenti quaediste yemenite.
Il ruolo centrale delle tribù emerge sempre con maggiore vigore e sarà determinante anche nell'attuale crisi libica che, in quanto italiani, ci coinvolge più direttamente.
Lo sconvolgimento dei confini di Iraq e Siria con la nascita del Califfato, le future rivendicazioni curde, le crisi libiche e maaliane nonchè l'attività insorgente degli Shaabab in Somalia e Boko Haram in Nigeria, per citare solamente le più note, sono fatti che stanno ridisegnando la geografia politica appartenente al secolo scorso.

venerdì 16 gennaio 2015

Crime and terrorism: the dirty entanglement.


The evolution of investigations about the Paris attacks confirm that it is not at all an act of war direct to the West (war that is already going on for decades now), but the action of a new model of jihadists fighters the latest generation born perhaps even unconsciously, from the theory of Abu-Musab al-Suri who has promoted the concept of resistance without leadership; a kind of liquid terrorism based on jihadist resourcefulness tactic of individuals or small groups of fighters as in the case of the Paris’ attack. Waned experience jihadist conducted personally by Osama Bin Laden has gone to fight in franchising under the brand -al-Qaeda to arrive at this further and more dangerous evolution.
The devastating danger of this kind of terrorism comes from the ease of preparation and execution as the case of the brothers Kouachi and Coulibali shows for which the structures of prevention are not prepared so far.
First of all should be resized and better evaluated  the professionalism of its military preparedness the Paris perpetrator as the only living in Yemen seems to have extended for only three days: not so much time preparation for a military type. It is also hard to believe that an attack planned and prepared for a long time may have been entrusted to subjects who loved show up on social networks armed with clear warlike intentions; finally the weapons to the two massacres were purchased on the black market by one of the brothers Kouachi thanks to its friendships acquired by virtue of his criminal past and were paid with money from a bank loan of about EUR 20,000.
So the whole thing has yet to be analyzed with professionalism.
Instead, certainly much more interesting is the role of organized crime in helping the organization of these massacres and in general any terrorist activity.
For years now has been confirmed the role that organized crime and corruption play in making possible terrorist individuals, and more generally the creation and strengthening of the phenomena of onset. The majority of the terrorist acts of recent years and the most violent had the direct or indirect complicity of organized crime: even the September 2001 attacks in America have not escaped this logic as Muhammed Atta, the alleged organizer, for finance, said of 'German intelligence, smuggled antiquities from the Middle East.

The future challenge in the approach to the phenomena of terrorism and onset passes through the understanding of the relationship between crime, corruption and terrorism. And, especially in Italy, in this area we have a long way behind.

giovedì 15 gennaio 2015

Criminalità e Terrorismo: lo sporco intreccio.


L'evoluzione delle ricerche sui fatti di Parigi confermano che non si é trattato affatto di un atto di guerra all'occidente (quella é già in corso da decenni oramai), ma dell'azione di un nuovo modello di combattenti jihadisti di ultima generazione nati, forse anche inconsapevolmente, dalle teorizzazioni oramai decennali di Abu-Musab al-Suri che ha promosso il concetto di resistenza senza leadership; una sorta di jihadismo liquido che si basa sull'intraprendenza tattica di singoli o di contenuti gruppi di combattenti fai-da-te come nel caso dell'attacco di Parigi. Tramontata l'esperienza jiadista condotta personalmente da Osama Bin Laden si è passati alla lotta in franchising sotto il brand di -al-Quaeda per giungere a questa ulteriore e molto più pericolosa evoluzione.
La devastante pericolosità di questo genere di atti terroristici deriva dalla estrema semplicità di approntamento ed esecuzione come il caso dei fratelli Kouachi e di Coulibali dimostra che trova impreparate le strutture di prevenzione sebbene, ma solo a posteriori, emergano sempre chiare indicazioni della pericolosità dei soggetti.
Innanzi tutto va ridimensionata la professionalità e relativa preparazione militare degli attentatori di Parigi poiché l'unico soggiorno in Yemen pare si sia prolungato per soli tre giorni: pochini per una preparazione di tipo militare. Inoltre é difficile pensare che un attacco pensato e preparato da tempo possa essere stato affidato a soggetti che amavano presentarsi sui social network armati e con chiare intenzioni bellicose; infine le armi per le due stragi sono state acquistatesul mercato illegale da uno dei fratelli Kouachi grazie alle sue entrature acquisite in virtù del suo passato criminale e sarebbero state pagate con il denaro di un prestito bancario di circa 20.000 euro.
Insomma l'intera faccenda deve essere ancora analizzata con professionalità.
Invece, certamente molto più interessante é il ruolo della criminalità organizzata nel favorire queste stragi ed in genere ogni attività terroristica.
Oramai da anni è conclamato il ruolo che la criminalità organizzata e la corruzione giocano nel rendere possibili attentati terroristici singoli, e più in generale la nascita ed il potenziamento dei fenomeni d'insorgenza. La maggioranza degli atti terroristici degli ultimi anni e più violenti hanno avuto la complicità diretta o indiretta della criminalità organizzata: persino gli attentati del settembre 2001 in America non sono sfuggiti a questa logica poichè Muhammad Atta, il presunto organizzatore, per finanziarsi, a detta dell'intelligence tedesca, contrabbandava antichità provenienti dal Medio Oriente.

La sfida futura nell'approccio ai fenomeni di terrorismo ed insorgenza passa attraverso la conoscenza delle relazioni tra criminalità, corruzione e terrorismo. E, soprattutto in Italia, in questo campo abbiamo una lunga strada alle spalle.

venerdì 9 gennaio 2015

Why Paris and why now.


As I argued we are at war and the massacre of Paris is the tragic confirmation. However, despite what many observers continue to repeat, this is not a war of civilizations. This concept was consistent with the reality and had his theoretical foundation in the 11/09 period, but today the world has totally changed and have changed especially the powerful actors involved.
The first mistake not to do is overlay the argumentative plans: one thing is the relationship between the Muslim world and the West, other is the relationships within the radical Islamic galaxy. First, in the West, and Europe in particular, inter-ethnic melange  is the future -like it or not- commingling we/they can not be stopped and so it should be managed; second: fideist terrorism contends the primacy of radicalism to monetize the despair of millions of Muslims.
At this premise should be added that while the West is still organized on national State basis the Islamic world for the most part is run by politically weak entities not representative of a strong national unity. This weakness allows various radical organizations to develop terrorist actions in order to prepare the next quantum leap becoming insurgents and then occupy the territories where the states fail to exercise sovereignty, just for example, as in Syria, Mali , Libya, Nigeria, Iraq, just to talk about the best-known reality.
That of Paris is not an act of war to the West but a strong showing in the clash between the two radicalism of Al-Qaeda and the Islamic State to claim the lead in the fight against the infidels and thus a very precise role of reference for all Muslims radicalized by grievances and hatred towards the opulent West.
It is the worst terrorist attack in the last 20 years and exceeds the number of victims of the terrorist campaign in 1995/1996 and even that of the mid-80s and 70s. Moreover, this is fundamentally different from recent attacks in Australia, Canada and New York, which have been perpetrated by a so-called "lone wolf"; the perpetrators of Paris have been trained, are disciplined and had a plan that they are performing.
However, I would focus not on the chronicle of events, which we see is suffering from schizophrenia, but rather on the fact that the intelligence services are not able to predict this kind of threat for the simple reason that are trained to fight an enemy who "speaks their own language" and then is organized in the same way; today that the nation-states are in obvious crisis of sovereignty and the players involved in the big game have multiplied and, thanks to the phenomenal economic and technological globalization, are able to create a political agenda that provides the use of violence.
Among these actors emerge due to the to the inherent danger those who can take advantage of the intertwining business created by terrorism-crime-corruption. Amid this is increasingly the key element to understand in its dynamics to address a threat multifaceted influence with increasing force in the dynamics of international relations no longer exclusive of national states but also and more and more evidence of non-state entities or anti -state ones.
When a state does not exercise control on its territory is logical that the resulting power vacuum will be filled immediately by local communities, superseding it, them will exercise the prerogatives regulating economic activities both  licit and criminals. This is possible if politics, the economy and local crime, make an osmotic relation in the common interest and convergent management of local power. When this phenomenon is realized in the West takes the form of the Mafioso System that is well known, when it materializes in countries with weak sovereignty it creates the phenomena of terrorism and insurgency.
In the final analysis is no longer credible to talk about geopolitical agenda without the knowledge of the relationship between terrorism-crime-corruption.

Perché Parigi e perché ora.


Torno a ripetere che siamo in guerra e la strage parigina ne è la tragica conferma; tuttavia, nonostante quanto molti osservatori continuano a ripetere, questa non è una guerra di civiltà. Questo concetto era aderente alla realtà ed aveva un fondamento teorico condivisibile a cavallo dell'11/09, ma oggi il mondo è totalmente cambiato e sono cambiati soprattutto gli attori coinvolti. 
Il primo errore da non fare è sovrapporre i piani argomentativi: una cosa è il rapporto del mondo musulmano con l'occidente, altro sono i rapporti all'interno della galassia radicale islamica. Primo: in occidente, ed in Europa in particolare, il meticciato è il futuro -piaccia o no- la commistione noi/loro non può essere fermata e quindi va gestita; secondo: il terrorismo fideista nelle sue sfaccettature si contende il primato del radicalismo per monetizzare la disperazione di milioni di musulmani.
A questa premessa va ancora aggiunto il dato che mentre l'occidente è ancora fatto di stati ed organizzazioni sovranazionali rappresentative, il mondo islamico per la maggior parte è gestito politicamente da stati deboli e comunque non rappresentativi di una forte unità nazionale. Questa debolezza consente alle diverse organizzazioni radicali di sviluppare azioni terroristiche al fine preparare  il successivo salto di qualità divenendo insorgenti e quindi occupare i territori nei quali, appunto, gli stati non riescono ad esercitare la propria sovranità, basti ad esempio citare la Siria, il Mali, la Libia, la Nigeria, l'Iraq, solo per restare alle realtà più note.
Quello di Parigi non è un atto di guerra all'occidente ma una dimostrazione di forza nello scontro tra i due radicalismi di Al-Qā‘ida e dello Stato Islamico per rivendicare il primato nella lotta agli infedeli assumendo quindi un ruolo ben preciso di riferimento per tutti i musulmani radicalizzati da motivi di scontento e odio nei confronti dell'opulento occidente.
Quello di Parigi è il peggior attacco terroristico negli ultimi 20 anni e supera il numero di vittime della campagna terroristica in 1995/1996 e perfino di quella di metà degli anni '80 e '70. Inoltre questo è fondamentalmente diverso anche dai recenti attacchi in Australia, Canada e New York, che sono stati perpetrati da un cosiddetto "lupo solitario"; gli autori dell'attacco di Parigi sono stati addestrati, sono disciplinati e avevano un piano che hanno eseguito.
Tuttavia, mi concentrerei non sulla cronaca dei fatti, che come vediamo soffre di una schizzofrenia tipica del modo di fare informazione contemporanea, quanto piuttosto sul dato che i servizi d'informazione non sono in grado di prevedere questo tipo di minaccia per la semplice ragione che sono formati per contrastare un nemico che parla il loro stesso linguaggio e quindi si organizza nello stesso modo; oggi che gli stati nazionali sono in evidente crisi di sovranità gli attori in gioco si sono moltiplicati e, grazie ai fenomeni economici e tecnologici globalizzati, sono in grado di crearsi un'agenda politica ben precisa che prevede il necessario uso della violenza. 
Tra questi attori emergono per l'intrinseca pericolosità quelli che riescono a sfruttare l'intreccio affaristico terrorismo-criminalità-corruzione.  Quest'intreccio è via più l'elemento cardine da comprendere nelle sue dinamiche per affrontare una minaccia poliedrica che influirà con sempre maggiore forza nella dinamica delle relazioni internazionali non più esclusiva degli stati nazionali ma anche e sempre con maggiore evidenza di entità non statali o anti-statali.
Quando uno stato non esercita il controllo del proprio territorio è logico che il derivante vuoto di potere verrà immediatamente riempito dalle comunità locali che, sostituendosi ad esso, ne eserciteranno le prerogative regolando le attività economoniche lecite e criminali. Quest'attività di regolamentazione è possibile solamente se scendono a patti: la politica, l'economia e la criminalità locale dando vita a rapporti osmotici nell'interesse comune e convergente di gestione  del potere locale. Quando questo fenomeno si concretizza in occidente prende la forma del Sistema Mafioso che ben si conosce, quando si materializza nei paesi a debole sovranità nascono i fenomeni di terrorismo ed insorgenza.
In ultima analisi non è più credibile parlare di geopolitca senza avere in agenda la conoscenza della relazione che intercorre tra terrorismo-criminalità-corruzione.

giovedì 8 gennaio 2015


The future is this: a permanent war characterized by a variable geometry and fought by actors, mostly defined as insurgents and terrorists who are opposed not by armies in the classic sense but by their evolved form. Besides, even the very concept of war as a form of conquest or defense, has changed and adapted to the contemporary world.
The regular armies can now rely on technological assets that permit to carry out acts of war at distance without direct involvement: the drones and the contractors, sophisticated term which replaces the less polite mercenaries.
Armies and mercenaries, however, does not represent a key element of the First Permanent World War being mere instruments operating in contrast to the onset groups that are the real stars of this evolving geopolitics framework.
The today’s insurgent are the subversive of yesterday; it is always matters to overturn an established power in order to replace it with something new and different.
In essence, those who, generally and generically, are defined terrorists, now as then, are insurgents, revolutionaries, who may have started their own war through acts of terrorism but that, over time, seek to structure and establish giving rise to militant organizations most articulate.
This distinction is crucial in dealing with the present global geopolitical situation as it enables us to understand the operational dimension of the main actor in the First Permanent World War: the insurgency.
Terrorists and insurgents; let me point out the main difference before proceeding further.
A terrorist group is an entity which has in itself the precursors to develop into a subversive militia once  circumstances permit, while a subversive group, revolutionary or insurgent, has already achieved this higher stage characterized by more complex  military capabilities, economic and policy power.
Such a movement needs to be structured to operate in a given area, and most importantly with the requirement to escape the meshes of the power that it opposes. For this reason it is inevitable build a logistical capacity adequate to manage militants, equipment, ammunition and supplies in general; all this takes place on a specific   territory and involves huge costs. Here, these two aspects are already indicators of the importance and inevitable need for any form of insurgency to come into contact with organized crime anywhere in the world due to the fact that it always controls the channels of illegal trade -the smuggling routes- thanks to which you can find and get any goods, move everything you need and even do business with it directly in order to finance the huge costs the insurgency.
And it is, as I will analyze in detail in the future, in this general framework that realizes the synergy of interests between illegal insurgents, criminals, profiteers and opportunists of various kinds of profession.
In substance and in summary, the USA, is no longer the sole arbiter of world equilibrium because it has to deal with other powers of different levels and weight, such as China, Russia, India, Japan, Pakistan and more closely with the countries of Latin America.
Today the actors are many and the only way that the United States, but also other countries, including emerging, have for survive is to ensure that none of the big players at the international table prevail. To achieve this result as were used to the Roman divide et impera,  divide and rule. 
It is starting from this need that logically makes sense the concept of the First Permanent World War: great powers have only one way to fight others: destabilize the geopolitical world sensitive theaters engaging the rival powers in terms of cost economic and political equilibrium.


So in this new world the insurgents and crime will work closely together and are intended to have a bright future.

domenica 4 gennaio 2015

We are at war aren't we?



Someone has not really noticed yet, but we are at war.
It must be said that it was no declared with any official statement by the "big monster" of international speculators who have for long time “ripped strips of flash from the body of this country” which continues to think it can solve its problems closing in itself and with a political arena asphyxiated and such “small”.
But this economic war is not only about finance, which is seen more as a tool, but undoubtedly about the -future world order- designed by the international actors intents on protecting its national interests.
Only a few reflections allow us to open new scenarios and probably illuminate ways out at the time unthinkable clarifying the concept of “undeclared war” and then to make it less apocalyptic starting from the speech given by Russian President December 4 to the Russian Federal Assembly in which he referred to the roots of the Motherland no longer identifying them with the Rus', the ancient principality of Ukraine in Kiev, but even more far in the centuries in the mythical city of Kherson on the Black Sea and so in Crimea. The story teaches us not to humiliate the today’s losers as these will be the winners of tomorrow.
The Holy Mother Russia as a wounded bear defends its territory and leads paw ferocious often heedless of the effects even forherself. And then, after that NATO has created the Kosovo, Putin, young Prince Vladimir, in 2008 decided to gain access to the Black Sea in bringing under its direct sphere of influence Abkhazia (and its ports) and recently Sevastopol with its important military arsenal.
The Russians are defending their homeland, its national sovereignty and their living space.
A new game is in progress boundaries -the limes- that in the period of the Cold War was based on the agreements of Yalta was defined. Today the all is under discussion: first in Georgia and then in the Crimea, and recently in the Donbass, and again tomorrow definitely in Moldova, Russia mark their territory and does it with the usual lever.
This is the geopolitical picture, but the crime what got to do with all this?
Well, as matter of facts today as the events suggests and continue to confirm, is a geopolitical tool, very effective in this historical period; in every area of crisis phenomena of organized crime are decisive as these organizations have the direct management of the territories and resources, legal and illegal, and have physical and relational networks capable of supporting any initiative type insurgency. By now, no form of insurgency can avoid links with local crime.
The Donbass province is crucial for Russia in the effort to create a buffer zone, the  New Russia, encompassing the Ukrainians south-eastern territories to joining the Crimea and the Black Sea secular staple in Russian geopolitical strategies.
First of all it should be clarified that the situation seems now well established: Moscow lost Kiev, increasingly -felt- under American influence and NATO, Kiev lost the opportunity to play the role of pars inter partes such as Turkey has built onto the east.The history repeating, so it happens exactly what we have already seen with the formation and development of the Islamic State in Iraq: mercenaries, both Russian and American, criminals and soldiers engaged in supporting the onset or to contain it. We still have in mind the green man (for those who recalled the images coming from) without badges of identification but evidently soldiers in support of separatists flanked by youth recruited from the labor force of the mines of the Donbass by the minig oligarchies.The region is rich in coal that is mined legally and illegally but in any case with the old Soviet technology that it is still at work. The only source of income in the Donbass is the work in the mines both legal or illegal depending on your fortune. Contemporary wars are certainly no more as before but simply aimed at destabilization. For each State, in foreign policy rather than gain positions is crucial not to lose them but, even more important is the weakening of anyone is a threat; it is no coincidence if Europe, yet not accomplished under the point of view of foreign policy, is the only entity having not a clear line of action. All powers, large, medium or small, have an international policy while European countries jointly and individually have no strength.
Energy and territories count much more than the gold reserves but even more has value. It 'a simple game: who is worth betting?

venerdì 2 gennaio 2015

La guerra negata.


Qualcuno non se n'é ancora accorto ma siamo in guerra. Bisogna pur dirlo: senza che sia stata consegnata alcuna dichiarazione ufficiale il "grande mostro" della finanza internazionale, gli speculatori che da tempo strappano lembi di carne a questo Paese (che continua a pensare di poter risolvere i propri problemi chiudendosi ulteriormente in sé ed in un agone politico asfittico e piccolo piccolo) hanno dichiarato una guerra senza quartiere a qulasiasi stato sia debole al punto di risultare appetibile per operazioni sui debiti sovrani. Ma questa guerra economica non riguarda solamente la finanza, che rappresenta più che altro uno strumento, quanto senz'altro i futuri assetti mondiali e quindi gli attori internazionali intenti a tutelare i propri interessi nazionali.
Solo poche riflessioni ci permettono di aprire nuovi scenari e probabilmente illuminare vie d'uscita al momento impensabili, chiarendo il concetto di guerra non dichiarata, e quindi per rendere la cosa meno apocalittica partirò dal discorso tenuto dal presidente russo il 4 dicembre all'Assemblea Federale in cui ha fatto riferimento alle radici della Madre Patria non più individuandole nella Rus', l'antica Ucraina del principato di Kiev, ma addirittura più in la nei secoli nella mitica città di Kherson sul mar Nero ripartendo quindi dalla Crimea. La storia insegna a non umiliare i vinti di oggi poichè questi saranno i vincitori del domani; tuttavia, pare proprio che le lezioni di storia non godano di molto seguito e siano sempre più numerosi gli assenti soprattutto giustificati. Ed allora la madre patria -la Santa Madre Russia- come un'orsa ferita difende il proprio territorio e mena zampate feroci spesso incurante degli effetti finanche per se stessa. Ed ecco che, dopo che la Nato ha creato il Kosovo, Putin, novello principe Vladimiro, ha pensato di riprendersi, nel 2008 l'accesso al mar Nero riportando nella diretta sfera d'influenza l'Abkazia (e i suoi porti) e l'Ossezia sottraendole ai georgiani e, recentemente, la Crimea con Sebastopoli importantissimo arsenale militare. 
I russi difendono la propria patria, la propria sovranità nazionale e il proprio spazio vitale.
Già da tempo é in corso un nuovo gioco dei confini -il limes- che nel periodo della guerra fredda era fondato sugli  accordi di Yalta e successive crisi, ma che era comunque definito. Oggi prima in Georgia e poi in Crimea, e recentemente nel Donbass, ed ancora domani sicuramente in Moldavia, la Russia marca il proprio territorio e lo fa con la solita leva (funziona perlomeno da quando  
Questo è il quadro geopolitico, ma la criminalità che c'entra? Beh, come i fatti contemporanei continuano a confermare, è uno strumento geopolitico molto efficace in questo periodo storico; in ogni area di crisi i fenomeni di criminalità organizzata rivestono un ruolo determinante poichè queste organizzazioni  hanno la gestione diretta dei territori e quindi delle risorse, lecite ed illecite e dispongono di reti fisiche e relazionali in grado di sostenere qualsiasi iniziativa di tipo insurrezionale. Oramai, nessuna forma d'insorgenza è disgiunta da cointeressenze con la criminalità locale.
La regione del Donbass per la Russia è fondamentale nello sforzo di creare un'area cuscinetto - la Nuova Russia- che comprenda i territori sud-orientali ucraini e, unendosi alla Crimea, inglobi il mar Nero secolare punto fermo nelle strategie geopolitiche russe.
Innanzi tutto va chiarito che la situazione sembra oramai consolidata: Mosca ha perso Kiev, sempre più -caduta- sotto l'influenza americana e della Nato, Kiev ha perso, la possibilità di svolgere il ruolo di pars inter partes che la Turchia si è costruita ad oriente. 
Sul campo accade esattamente quello che abbiamo già riscontrato con la formazione e sviluppo dello Stato Islamico in Iraq: mercenari, tanto russi che americani, criminali e militari impegnati nel sostenere l'insorgenza o nel contenerla. Abbiamo ancora in mente gli uomini verdi (per chi rammenta le immagini provenienti dall'area) senza emblemi di riconoscimento ma evidentemente soldati a sostegno dei separatisti coadiuvati da giovani reclutati tra la forza di lavoro delle miniere del Donbass da parte delle oligarchie minerarie. La regione è ricca di carbone che viene estratto legalmente ed illegalmente, ma in ogni caso con la vecchia tecnologia sovietica che se è vero non rappresenta l'avanguardia tecnologica per lo meno, dicono da quelle parti, durerà in eterno. L'unica fonte di reddito nel Donbass è il lavoro in miniera; se lavori legalmente hai qualche privilegio -la pensione da fame- se non hai le giuste conoscenze ti devi rivolgere alle organizzazioni criminali che ti impiegano nelle loro miniere ovviamente senza alcuna tutela. 
Le guerre contemporanee non sono certo più quelle campali o di posizione, ne di larga scala, e neanche più "umanitarie" di peacekeeping o peacebulding, ma semplicemente di destabilizzazione. Per ogni Stato, in politica estera più che guadagnare posizioni è fondamentale non perderne, ma ancor di più l'importante è indebolire chiunque rappresenti una minaccia e non è un caso se l'Europa, ancora non compiuta sotto il punto di vista della politica estera, sia l'unico soggetto a non essere attivo con una linea chiara d'azione. Tutte le potenze, grandi, medie o piccole, hanno una politica internazionale mentre i paesi europei unitariamente non esistono e singolarmente non hanno forza. 
Bel dilemma; stiamo li  fermi a guardare ma questo non vuol dire che la guerra non sia già in casa nostra a meno che si vogliano inquadrare gli attacchi economici quale una mera questione speculativa fine a se stessa. 
Energia e territori contano molto di più delle riserve auree, ma ancor di più ha valore l'affidabilità e la scomessa che su di un paese di può azzardare. E' un gioco semplice: su chi vale la pena scommettere? 
Si dice che il campione si vede già alla partenza ed allora su chi scommettere?
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...