mercoledì 9 dicembre 2015

È tutta un'altra storia: lo Stato Islamico non è il nemico: per ora.


Tutto quanto accade intorno a noi a livello internazionale ha una sola genesi: il potere. Compreso ciò, possiamo ragionare sul perché, da un periodo di tempo relativamente breve in qua, tutta l’attenzione dei media è rivolta alla minaccia terroristica, alla situazione in Siria e in particolare alle gesta dello Stato Islamico.
Brutalmente affermo che lo Stato Islamico ha poco a che fare con i giochi di potere che hanno nel Medio Oriente l’attuale campo di confronto; i radicali, perversi nella loro brutalità, sono senz’altro delle volpi che hanno compreso di potersi inserire in un meccanismo complesso sfruttando le debolezze altrui. Gli Stati Uniti d’America nel loro interesse nazionale, cinico quanto giustificabile, hanno da tempo compreso che era perfettamente inutile tentare il gioco della potenza egemone allungando la propria ombra su quei territori dando respiro agli interessi regionali di Russi, Sauditi, Iraniani e Turchi. Questa è la partita a cui si aggiungono con una certa intempestività anche i Paesi europei più influenti mettendo in luce la debolezza dell’insieme comunitario. Lo Stato Islamico sta vincendo la sua partita da fermo; si accolla le ire, a parole, di tutti i paladini del bene, tranquillo che in sostanza nessuno ha interesse a che sparisca. Lo Stato Islamico è il classico nemico che serve a giustificare tutto e il contrario di tutto. In Italia le mafie nel Mezzogiorno esercitano la propria azione sin dall’unità d’Italia, sono da sempre e da qualsiasi élites di potere indicate come il male italiano; eppure sono ancora lì, e anzi, ci dice l’ISTAT per fortuna altrimenti i dati del nostro PIL sarebbero ancora più desolanti. Digressione a parte, è chiaro che le maggiori potenze mondiali con il ridimensionamento statunitense o, se non volete definirlo tale, con il riposizionamento americano, cerchino di colmarne il vuoto di potere allungando la propria sfera di diretta influenza sui territori d’importanza strategica sia per la propria sopravvivenza sia in funzione di contenimento dei diretti antagonisti. Il Siraq oggi rappresenta questo: un territorio di conquista. Lo Stato Islamico si è inserito in questa dinamica con appoggio delle comunità locali, e senz’altro con l’aiuto esterno, soprattutto nella prima fase della sua ascesa; da chi è stato aiutato lo potete comprendere in autonomia guardando semplicemente la cartina geografica e le proxy relationships tra gli Stati.
Quindi non dobbiamo temere lo Stato Islamico! E no, non è così, per il prossimo secolo non dovrebbe farcela ad arrivare al cuore della cristianità, ma molto dipenderà dalle scelte che si vanno facendo ora. Lo Shaykh Usāmah Ibn Lādin ebbe a dire (pare, ma il concetto calza a pennello): …voi avete le armi, noi il tempo. A buon intenditore poche parole.
GEA, comme d’habitude, è alla ricerca: Insurgency, any civil violence, whatever you want to call it, revolution, rebellion, civil war, uprising—all the terminology— it’s about social conditions. I mean, at the heart of it, you get to the root of the problem, and it’s about social conditions, whether it’s land reform, whether it’s political repression, or lack of human rights, or whatever it is. And you cannot effect legitimate change in the absence of a shift in those conditions.
Questa dichiarazione non è di un ricercatore, di un accademico, di un politico ma di un militare; si tratta di un testimone diretto della successo e fallimento dell’Ambar Awakening che nel 2003-2006 aveva sottratto le popolazioni sunnite della provincia irachena all’influenza di Al-Qā’idah in Iraq, ossia il gruppo che diverrà Stato Islamico del Levante e dell’Iraq e quindi semplicemente Stato Islamico. Il maggiore Alfred B. Connable, ufficiale dell’intelligence militare al seguito della forza d’intervento dei Marines in Iraq dal 2005 al 2006, chiarisce con questa frase la radice di tutte le insorgenze e quindi terrorismi: semplicemente banale.
Quindi, forse, il nemico di fondo non è lo Stato Islamico creato per opportunismo geopolitico, quanto piuttosto l’ondata di frustrazione e avversione verso un occidente visto non come nemico per i suoi principi quanto traditore degli stessi.
Continuando con la comparazione del modello mafioso, è chiaro che periodicamente il nemico, il capo dei capi, viene arrestato, a tempo debito, per essere immediatamente sostituito da un nuovo personaggio che ne prende il posto assumendo il fardello. Sconfitto, eventualmente lo Stato Islamico, qualcuno spera ingenuamente essersi liberato del male? A memoria, la mafia siciliana ricorda un capo dei capi da almeno 150 anni. 

martedì 1 dicembre 2015


Let us start thinking about the fact that the era in which we live is looking for its own world order that contains and limits the side effects of the chaos caused by the liquefaction of the geopolitical categories of the twentieth century.
Now, order the chaos is not easy and require without no doubt to acquire new interpretative keys to understand the global interests, international, regional and local.
This is the first step and best possible prospective to decipher the daily events that now and for the future will affect us.
Our primary political and strategic interest is contained in the geographic space that goes from the Middle East to the Balkans until the Maghreb, and extends until the Turkey and southern shores of the Mediterranean to the Atlantic, for obvious reasons, economic and trade. So, the first point concerns the Islamic State, a problem we are forced to confront that will involve us in terms of political choices - internal and foreign - with implications that we must prepare to face.
The Islamic State is not simply and solely a terrorist organization.
In September, President U.S.A. Barak Obama, in a speech to the nation defined the Islamic State: a terrorist organization, pure and simple. This is an  error: the Islamic State in any way can be finite in this category, and the American president obviously is aware of it. However, we know that in today's world the masses need to be quickly addressed throughout slogans and often, unfortunately, plagiarized. Slogans are functional to locate the enemy and justify any action will be taken against him. 
The fact is that the Islamic State uses terrorism as a tactic - often merely claim actions brought to completion by others - but this is nothing compared to being a terrorist organization pure and simple, as it could well be called al-Qaida . The latter starting from the name - the base - with centrifugal action from its core in Afghanistan, projected its effects abroad, had only a few thousand organic, non-occupied a territory, hitting civilians, including Muslims ( error that will pay dearly in terms of alienation of the vote and sympathies in the Muslim world) and could not compete in the open field with an army. The Islamic State, on the contrary, first of all occupied a territory, counting on forces militarily framed with a lot of command line, does not affect the Muslim brothers, but "only" apostates and infidels making a massacre, has to deal with armies in open field battle, check the arteries of communication, organizes the life of the population under its control and is financed in various ways taking advantage of the resources available. The Islamic State is a proto-state is a different thing that I would call: LA COSA NUOVA (a proto-state mixed with a kind of mafia type organization e.g. the American La Cosa Nostra) 

The Islamic State is a subversive organization.
In Italy for twenty years we have faced domestic terrorism of the extreme right and the left who wanted to change, each in its own way, the constitutional order of our country. We set ourselves the conceptual categories, and rules on penalties, to clarify what needs to be understood for subversion and terrorism. So I find it useful to rely on them to understand their differences and projecting that philosophy on terrorist and insurgent international context because these concepts are essentially universal.
For our sensitivity the Italian Penal code defining a subversive association protects the integrity of the State against internal attacks that tend to violently subvert the legal system, thus guaranteeing the essential interests of conservation and therefore, protects the inner personality and, consequently, the international one. While, for the Acts of Terrorism our penal code punishes the associations aimed at committing acts of violence for the purposes of terrorism both within the state Italian and international, or subversion of the constitutional purposes Italian.
In the first case the core is the association, an entity already structured, while in the second the emphasis is on actions, terrorist acts preparatory to a later stage still unrealized. This setting is reflected, of course, directly on the resulting policies to combat because it identifies departing the kind of enemy to deal with an organization already in there with his subversive program, or an association that, due to terrorist acts, seeks his own statement.
However, it is the practical experience to teach that organizations with subversive purposes, which have in their genetic code to subvert the will of the State structures using violence, start their own business performing acts of terrorism such as tactical operations aimed at affect the population, weakening the state structures, proselytize and accreditation as a partner claiming their existence in the political landscape. Once you reach that goal, having gained a relative military strength and bargaining, subversive or insurgent activity (according to the Anglo-Saxon lexicon) is diversified by resorting to operations of a political nature. History is full of examples.
Al-Qaida has never had the insurgents characteristics, but only of a terrorist nature; the same, as is evident, cannot be said for the Islamic State even if it claims the attacks carried around the world in his name, more or less.
This difference is not trivial and allows us to frame the problem in its true dimension as well as conceptual especially practical. Al-Qaida is financed through funds from proxy countries, private donations, the personal assets of its leaders, kidnapping and little else. American intelligence has been able to stop this flow of money, thanks to the revelations of the captured members of the organization and then draining the money which resulted in less real power. The Islamic State is not subsidized from the outside, at least not in this second phase, it uses and manages assets, licit and illicit, land resources under its direct control, and foreign states little they can do; Indeed there are many who contribute to its economic health through the sale of weapons or purchase of crude oil sold at competitive prices.
One thing is a terrorist organization, other one is a subversive organization. The Islamic State is already in the second phase, but not only, is already much further: it is a criminal organization of the mafia-type, advanced towards the formation of a state, is: La Cosa Nuova.

Why the Islamic State is an organization of the mafia type.
It is pretty obvious: the fundamental concept that differs a mafia criminal association is that it achieve its own scope, the illicit enrichment,  throughout the power of intimidation that comes from its membership commitment. And this is the starting point. Mafias project this intimidating power over a territory they control, and this Islamic state does very well. Mafias have international relations, and this seems obvious to the Islamic State. Mafias necessarily have relations with other powers that are present in the same territory: political, economic and religious, and here we are. The Islamic State without the support of the real power of the tribe of al-Ambar province, where everything is born, cannot exist; in fact, without giving guarantees about the continuation of smuggling he would have not had from them the green light. Let's say that between the Islamic State and tribal community of al-Ambar has made the deal that many try to demonstrate but that in fact in my opinion is self-evident and obvious if we proceed on the big picture and then, in the end, get to the particular and not vice versa; at least from the point of view of history if not historiography.
Religion, bonding ritual for the gangs to the Islamic State is an equally powerful factor of aggregation in which the shape and to which the weak cling to overcome their disadvantaged size and the human condition to go to the extreme enough to blow themselves up in hope of exorcising this idea averse to a better future.
But above all, the gangs to assert its power real resort to extortion, pure and simple that has a direct impact on people's lives and therefore of society. The Islamic State, in the territories that conquest, requires, in the form of donation with religious roots, what we call our latitude Pizzo: in practice a sum to carry out any activity or access any service. The al-Ambar is a border province through which - as always - flourishing illegal trafficking of all kinds much from east to west or vice versa under the control of the local tribes without whose support nothing would be possible to realize even the affiliates Islamic State.
A traveler of the early nineteenth century Italian-Swiss, Marc Monnier, arrived in Naples, the capital of the Bourbon kingdom, to describe the Camorra in the opening of his namesake volume dedicated to it says that the Camorra might be called extortion organized whose end is evil.
But to clarify why the Islamic State behaves and acts as an organization of the mafia type I resort to the words of Italia writers Leonardo Sciascia, who knew what it was about. To the question: What do you think is the Mafia, he responded: ... a criminal organization, with the purpose of enrichment for its members, which has as its brokerage parasitic, and sets by means of violence, including the property and work, between production and consumption, between the citizen and the State. Clearer than that?
Obviously the Islamic State is not only this and that is why it is La Cosa Nuova. Is a proto-state that unites the mafia in one dimension and international projection in an extremely sensitive area from a geopolitical to the many interests that reflect the national priorities of a dozen states leading international arena.
The Islamic State is La Cosa Nuova since in the past have had similar experiences different outcomes from the French Revolution up to the experience of Hizb Allah that although it is still a terrorist organization for many, but in fact, is a political actor in Lebanon.
The Islamic State is the perfect result of the economic and international policies in this period are looking for a new world order: it acts as a state (population, territory and structure), but is not a state, is banned by the international community but most of the actors who are part, directly or indirectly, will fuel the vitality through economic relations unofficial acts as any criminal organization of the mafia type finally, it is a religious organization, but is not worldwide recognized as such. 

Conclusions
Certainly I do not pretend to answer but only to raise doubts prompting reflections.
The Islamic State in this context is certainly a very interesting starting point for a research because as being La Cosa Nuova clearly highlights the differences with the past to which we are accustomed and which we also unintentionally reference. These differences reveal the instruments suitable to contain the threat that unfortunately anyone who invests, directly if not today, certainly soon.
Geocrime Education Association is working to help to understand what is happening and what will come.
GEA

mercoledì 25 novembre 2015

LO STATO ISLAMICO: La Cosa Nuova. Non uno Stato, ma quasi, non una mafia, ma quasi.


Iniziamo con il riflettere sul fatto che l’epoca in cui viviamo è alla ricerca di un suo ordine mondiale che contenga e limiti gli effetti indesiderati del caos generato dalla liquefazione delle categorie del Novecento. Ora, ordinare il caos non è cosa semplice ma, tutto sommato, possibile a patto di acquisire rapidamente le nuove chiavi interpretative che regolano gli interessi globali, internazionali, regionali e locali.  
Questa è la miglior prospettiva possibile per decifrare gli accadimenti quotidiani che oramai - anche se lontani - hanno comunque ripercussioni a noi prossime. 
Il Nostro primario interesse politico e strategico è contenuto nello spazio geografico che va dal Medio Oriente ai Balcani sino al Maghreb, e si estende di riflesso fino alla Turchia e dalla sponda sud del Mediterraneo fino all’Atlantico, per evidenti ragioni economico-commerciali, e anche senz’altro di politica energetica. Quindi, primo punto: lo Stato Islamico è un problema che dobbiamo affrontare, che ci riguarda, e che ci coinvolgerà in termini di scelte politiche - interne ed estere - con le relative conseguenze che dobbiamo prepararci ad affrontare.

Lo Stato Islamico non è un’organizzazione semplicemente ed esclusivamente terrorista
In settembre, il presidente U.S.A. Barak Obama, in un discorso alla nazione definisce lo Stato Islamico: un’organizzazione terroristica pura e semplice. Errore, lo Stato Islamico in alcun modo può essere fatto rientrare in questa categoria, e il presidente americano ovviamente ne è consapevole. Tuttavia, sappiamo bene che nel mondo contemporaneo le masse hanno bisogno di slogan per essere rapidamente indirizzate e spesso, purtroppo, plagiate. Questo slogan è funzionale a  individuare il nemico e giustificare qualsiasi azione verrà presa nei suoi confronti, ma non solo nei suoi. Siamo sulla scia concettuale degli Stati Canaglia o dell’Asse del Male e via slogheggiando, cercando pretesti per poi, come recentemente è accaduto all’ex Premier Britannico Tony Blair, ammettere candidamente che si, in realtà “…ci siamo sbagliati…”. Ma se lo ha fatto persino la Chiesa con Galileo possiamo certo essere altrettanto benevoli con simili epigoni. 
Fatto è che lo Stato Islamico usa il terrorismo come tattica - spesso limitandosi a rivendicare azioni portate a compimento da altri - ma questo è altro rispetto all’essere un’organizzazione terroristica pura e semplice, come invece poteva essere senz’altro definita al-Qaida. Quest’ultima partendo dal nome - la Base -, con un’azione centrifuga dal suo core in Afghanistan, proiettava i suoi effetti all’estero, non aveva che qualche migliaio di organici, non occupava un territorio, colpiva i civili, anche mussulmani (errore che pagherà caro in termini di alienazione dei consensi e simpatie nel mondo mussulmano) e non poteva confrontarsi in campo aperto con un esercito. Lo Stato Islamico, al contrario, innanzi tutto ha occupato un territorio, conta su forze inquadrate militarmente con tanto di linea di comando, non colpisce i fratelli mussulmani, ma “solo” apostati ed infedeli facendone strage, si confronta quotidianamente con eserciti in aperto campo di battaglia, controlla le arterie di comunicazione, organizza la vita della popolazione sotto il suo controllo e si finanzia in vario modo sfruttando le risorse a disposizione. Lo Stato Islamico è un proto-stato è una cosa diversa che definirei: La Cosa Nuova. 

Lo Stato Islamico è un’organizzazione eversiva.
Noi qualcosa di terrorismo ed eversione ne sappiamo; per un ventennio ci siamo confrontati con il terrorismo domestico di estrema destra e sinistra che avrebbero voluto modificare, ciascuno a suo modo, l’assetto costituzionale del nostro Paese. Ci siamo dati delle categorie concettuali, e relative regole penali, per chiarire cosa deve essere inteso per eversione e cosa per terrorismo: trovo utile farvi ricorso per comprendere le relative differenze proiettandone la filosofia sul contesto terroristico ed insorgente internazionale poiché sono concetti sostanzialmente universali.
Per la nostra sensibilità giuridica Il delitto di Associazione Sovversiva tutela l'integrità dello Stato nei confronti di aggressioni interne che tendono a sovvertirne violentemente l'ordinamento, così garantendone gli interessi essenziali di conservazione e conseguentemente tutelandone la personalità interna nonché, di riflesso, quella internazionale. Mentre, per gli Atti di Terrorismo il nostro codice penale punisce le associazioni che si propongono il compimento di atti di violenza con finalità terroristiche tanto interne allo Stato italiano quanto internazionali, ovvero finalità eversive dell'ordine costituzionale italiano.
In sostanza: una cosa è associarsi per sovvertire uno Stato, altro è compiere atti di violenza per anche se per lo stesso fine. Può sembrare una questione di lana caprina per azzeccagarbugli ma non è così. Nel primo caso al centro è posta l’associazione, quindi un’entità già strutturata, mentre nel secondo l’accento è posto sulle azioni, gli atti terroristici propedeutici ad una fase successiva ancora non realizzata. Questa impostazione riverbera, ovviamente, direttamente sulle conseguenti politiche di contrasto poiché si individua in partenza il genere di nemico da fronteggiare: un’organizzazione già in la con il suo programma eversivo, oppure un’associazione che, grazie ad atti terroristici, cerca la propria affermazione. 
Comunque, è l’esperienza pratica ad insegnare che le organizzazioni con finalità eversive, che hanno nel proprio codice genetico la volontà si sovvertire le strutture di uno Stato ricorrendo alla violenza, iniziano la propria attività compiendo atti di terrorismo quali operazioni di natura tattica finalizzate a influenzare la popolazione, indebolire le strutture statali, fare proseliti e accreditarsi quale interlocutore rivendicando la propria esistenza nel panorama politico. Una volta raggiunto questo scopo, avendo acquisita una relativa forza militare e contrattuale, l’attività eversiva o insorgente (secondo il lessico anglosassone) si diversifica ricorrendo ad operazioni di natura prettamente politica. La storia è piena di esempi.
Al-Qaida non ha mai avuto le caratteristiche insorgenti, ma solo di natura terroristica; lo stesso, com’è evidente, non è possibile affermare per lo Stato Islamico anche se rivendica gli attentati compiuti in giro per il mondo in suo nome, più o meno.
Questa differenza non è di poco conto e ci consente d’inquadrare il problema nella sua reale dimensione oltre che concettuale soprattutto pratica. Al-Qaida si finanziava attraverso i fondi provenienti dai paesi proxy, le donazioni private, il patrimonio personale del suo leader, i sequestri di persona e poco altro. L’intelligence americana è riuscita ad interrompere questi flussi di denaro, grazie alle rivelazioni dei membri dell’organizzazione catturati e quindi prosciugando il fiume di denaro su cui contava e depauperandone il potere reale. Lo Stato Islamico non è sovvenzionato dall’esterno, non in questa seconda fase, ma sfrutta e amministra le attività, lecite e illecite, le risorse del territorio sotto il suo diretto controllo, e gli Stati esteri poco possono farci; anzi sono in molti a contribuire alla sua salute economica attraverso la vendita di armi o l’acquisto del greggio venduto a prezzi concorrenziali.
Una cosa è un’organizzazione terroristica altro un’organizzazione eversiva. Lo Stato Islamico è già in questa seconda fase, ma non solo, è già ben oltre: è un’organizzazione criminale di tipo mafioso, avanzata verso la formazione di uno Stato, è: La Cosa Nuova.

La Cosa Nuova: lo Stato Islamico è un’organizzazione di tipo mafioso.
E’ abbastanza ovvio: il concetto fondamentale e dirimente che differenzia un’associazione criminale da una mafiosa è che questa ricorre, per realizzare i propri fini - l’arricchimento illecito - alla forza d’intimidazione che deriva dal suo vincolo associativo. E questo è il punto di partenza; ma non è tutto. Le mafie proiettano questa forza intimidatrice su di un territorio che controllano, e anche questo lo Stato Islamico lo fa egregiamente. Le mafie hanno relazioni internazionali, e anche questo mi pare evidente per lo Stato Islamico. Le mafie hanno necessariamente rapporti con gli altri poteri che sono presenti nel medesimo territorio: politico, economico e religioso, e anche qui ci siamo. Lo Stato Islamico senza l’appoggio del potere reale delle tribù della provincia di al-Ambar, dove tutto è nato non esisterebbe; infatti, senza aver dato garanzie circa la prosecuzione delle attività di contrabbando non avrebbe avuto da esse il via libera. Diciamo che tra Stato Islamico e comunità tribale dell’al-Ambar si è realizzata quella trattativa che molti cercano di dimostrare ricorrendo a faticosissime, e spesso frustranti attività, ma che in effetti sarebbe evidente se si partisse dal quadro generale per poi, in fine, arrivare al particolare e non viceversa; almeno dal punto di vista storico se non storiografico.
La religione, collante rituale per le mafie per lo Stato Islamico rappresenta un’altrettanto potente fattore aggregativo in ragione del quale e al quale i deboli si aggrappano per superare la propria disagiata dimensione e condizione umana fino a spingersi alle estreme conseguenze tanto da farsi esplodere nella speranza di un’idea esorcizzando il presente avverso per un futuro migliore.  
Ma soprattutto, le mafie per affermare il proprio potere reale ricorrono all’estorsione pura e semplice che incide direttamente sulla vita delle persone e quindi delle società. Lo Stato Islamico, nei territori che conquista, richiede, sotto forma di donazione con matrice religiosa, quello che alla nostra latitudine chiamiamo pizzo: in pratica una somma per svolgere qualsiasi attività o accedere a qualsiasi servizio. Lo stato Islamico chiede denaro per lo svolgimento di qualsiasi attività, soprattutto illecite; perchè ricordiamocelo bene al- Ambar è una provincia di confine attraverso la quale - da sempre - fioriscono traffici illeciti di qualsiasi natura tanto da oriente verso occidente che viceversa sotto il controllo delle tribù locali senza il cui appoggio niente sarebbe possibile realizzare neanche per gli affiliati allo Stato Islamico.
Un viaggiatore italo-svizzero dei primi dell’Ottocento, Marc Monnier, giunto a Napoli, capitale dei regno borbonico, per descrivere la Camorra nell’incipit del suo omonimo volume ad essa dedicato dice: la Camorra potrebbe essere definita l’estorsione organizzata il cui fine è il male
Ma a chiarire definitivamente perchè lo Stato Islamico si comporta ed agisce come un’organizzazione di tipo mafioso ricorro alle parole di Leonardo Sciascia, che sapeva bene di cosa parlava. Alla domanda: secondo lei cos’è la mafia, rispondeva …un’associazione per delinquere, con fini di arricchimento per i propri associati, che si pone come intermediazione parassitaria, e imposta con mezzi di violenza, tra la proprietà e il lavoro, tra la produzione ed il consumo, tra il cittadino e lo Stato. Più chiaro di così?
Ovviamente lo Stato Islamico non è solo questo ed è per questo che è La Cosa Nuova: è un proto-stato che unisce in sé la mafiosità ad una dimensione e proiezione internazionale in un’area estremamente sensibile sotto il profilo geopolitico per gli innumerevoli interessi che rispecchiano le priorità nazionali di una decina di Stati di primo piano nell’agone internazionale. 
Lo Stato Islamico è La Cosa Nuova poiché in passato esperienze similari hanno avuto esiti differenti a partire dalla Rivoluzione Francese sino all’esperienza di Hizb Allah che sebbene sia ancora un’organizzazione terroristica per molti, di fatto è un attore politico in Libano. 
Lo Stato Islamico rappresenta l’esito perfetto delle dinamiche economiche e politiche internazionali che in questo periodo sono alla ricerca di un nuovo ordine mondiale: agisce come uno Stato (popolazione, territorio e struttura), ma non è uno Stato, è bandito dalla comunità internazionale, ma gran parte degli attori che ne fanno parte, direttamente o indirettamente, ne alimentano la vitalità attraverso le relazioni economiche non ufficiali, agisce come una qualsiasi organizzazione criminale di tipo mafioso, ma supera questo concetto tendendo ad assumere caratteri statuali, infine, è un’organizzazione a carattere religioso, ma non è riconosciuta in quanto tale: é La Cosa Nuova.

Conclusioni
Certamente non ho la pretesa di dare risposta ma solo quella di sollevare dubbi spingendo a riflessioni.
Non è solamente Lo Stato Islamico in sé stesso, ma le dinamiche mondiali, che quotidianamente si mutano in un processo talmente rapido a disorientare anche l’osservatore più attento, che hanno bisogno di essere individuate e possibilmente comprese. 
Lo Stato Islamico in questo contesto rappresenta senz’altro un interessantissimo punto di partenza in questa ricerca perché in quanto essendo La Cosa Nuova evidenzia chiaramente le differenze con il passato a cui siamo avvezzi e a cui facciamo anche involontariamente riferimento. Queste differenze svelano gli strumenti idonei a contenere la minaccia che purtroppo investe chiunque, se non oggi direttamente, senz’altro a breve.
Gea è al lavoro per aiutare a comprendere cosa accade e cosa c’investirà.
GEA

giovedì 12 novembre 2015

Palermo-Benin City: le mafie e il crimine globalizzato


Ci sono delle frasi, delle indicazioni, delle affermazioni, che inevitabilmente -nel tempo- riaffiorano tra i nostri pensieri. Dell’uomo Giovanni Falcone ricordiamo questa, tra le altre: la mafia è un fenomeno umano e quindi è destinato a finire. Non ne siamo mai stati convinti, e perseveriamo. Si riferiva, forse, alla mafia avendo in mente i corleonesi di Luciano Leggio detto Liggio, di Salvatore Riina e Bernardo Provenzano, nemici del momento, e non certo al fenomeno nel suo aspetto sociologico e criminologico.
Di una cosa, invece, siamo fermamente convinti: il modello criminale mafioso si adatta nel tempo e in relazione ai tempi. Quella che conoscevamo come la mafia siciliana fino alla stagione delle stragi del 1993 non esiste più; sarebbe anacronistica in relazione al mondo che nel contempo è cambiato e cambia con una velocità impressionante. Diciamo che il periodo della mafia corleonese vincente si conclude, e non a caso, in perfetta concomitanza con la fine della c.d. Prima Repubblica. Per comprendere quanto profonda sia la relazione tra questi due fenomeni suggeriamo la lettura di un libro da poco disponibile nelle librerie di Roberta Ruscica, I Boss di Stato, edito da Sperling & Kupfer, che propone una visione, altra, rispetto alla consuetudine, circa i comportamenti dei soggetti, sulle dinamiche e in linea generale u quel periodo della nostra storia patria. Le famiglie mafiose che fino ai primi anni 90 si erano ritrovate, per forza o per amore, ma senz’altro per convenienza, riunite sotto il regime corleonese oggi sono in difficoltà a causa degli arresti, del difficile cambio generazionale, ma soprattutto per la mancanza di soldi a causa della crisi economica generale che sottrae fondi alla spesa pubblica e che quindi non genera più il fiume di capitali da gestire in regime di spartizione clientelare. Oggi le famiglie tutt’al più riescono a controllare, e non senza difficoltà, i rispettivi territori. Nel decennio trascorso i fuoriusciti, gli esiliati, i perdenti della guerra vinta dai corleonesi hanno fatto rientro in Sicilia senza incontrare resistenze da parte degli eredi dei vincenti della guerra di mafia che ha visto prevalere i corleonesi di Salvatore Riina. Ma non basta, quest'ultimi hanno perso la brillantezza criminale di un tempo e sono ridimensionati al punto che oggi sono costretti a farsi rispettare dai turchi come a Palermo vengono chiamate le persone di colore. La locuzione farsi rispettare sta per: sono costretti, non potendo fare altrimenti, a scendere a patti con le organizzazioni criminali nigeriane che si sono prese il centro di Palermo.
La mafia nigeriana è padrona di Ballarò, che rientra nel mandamento mafioso di Porta Nuova, spaccio e prostituzione sono cosa loro nel quartiere palermitano con il beneplacito dei boss. Non è il caso, in questo contesto, di approfondire la conoscenza di questa mafia oramai consolidata -a livello mondiale -grazie alle sue ramificazioni sul genere strutturale della ‘ndrangheta. Basti rammentare che quando si sono insediati, gestendo sempre spaccio e prostituzione, lungo il litorale Domizio e Flegreo, la Camorra, nonostante una campagna militare stragista, non è stata in grado di prevalere preferendo, alla fine, un più lucroso accordo cointeressenza criminale. Oggi la Procura di Palermo imputa alla mafia nigeriana, che opera a Palermo, i crismi dell’associazione mafiosa secondo la definizione giuridica del nostro codice penale.
In questo senso Giovanni Falcone aveva ragione: la mafia è un fenomeno umano destinato a finire. Questa è in effetti la fine ingloriosa dell'epopea corleonese che con la  trattativa, qualsiasi ne siano gli effettivi contorni, hanno cercato di assicurarsi quantomeno la sopravvivenza nel mondo futuro che si andava chiaramente delineando come dimostra chiaramente la cronaca di cui parliamo. Era chiaro ai più che la fine degli equilibri politici del 1994, con l'operazione Mani Pulite, avrebbe scatenato forze di ogni genere e che, in ogni caso, i futuri padroni della scena sarebbero stati altri rispetto al passato. La stagione delle stragi dimostra e testimonia questo passaggio: Cosa Nostra siciliana nel 1993 negozia il presente non certo il futuro. Ed infatti arriveranno i nigeriani a Palermo.
Il mondo criminale internazionale è cambiato, i rapporti di forza di un tempo sono saltati, le dinamiche geopolitiche hanno influenzato l’evoluzione di nuove organizzazioni  criminali prevalentemente a base etnica, capaci di radicarsi in un territorio per sfruttarne le opportunità. I nigeriani rappresentano uno degli esempi didascalici, ma non certo l’unico; gli albanesi, ma anche i moldavi, i georgiani, i pachistani, i filippini operano, e non certo solamente nel nostro paese, secondo il classico schema per cui iniziano prevaricando la proprio comunità per poi stringere accordi con le altre organizzazioni finché, con il tempo, riusciranno ad acquisire la forza per assumere un ruolo egemone. Ancora una volta niente di nuovo; le politiche d’immigrazione dei primi del Novecento in America hanno determinato lo sviluppo della criminalità italiana, prima nella sua forma embrionale intra etnica con la Mano Nera, dedita alla vessazione degli immigrati italiani a New York, per poi, grazie alle contingenze favorevoli, in particolare al proibizionismo, assumere un ruolo egemone, sulle coeve irlandese, russa ed ebrea.
Il fenomeno migratorio, a dispetto di quanto in assoluta malafede si va raccontando, è inarrestabile, difficilmente gestibile e quindi destinato a durare nel tempo.  Le mafie ne sfruttano le potenzialità in quanto fonte di lucro, ma anche, e in alcuni casi soprattutto, per penetrare nuovi territori attraverso lo sfruttamento della prostituzione. Gli esempi a noi vicini, riguardano le organizzazioni criminali albanesi e nigeriane. Entrambe hanno iniziano la conquista di nuovi territori piazzando e gestendo le ragazze in strada; quindi, dopo aver stretto legami, soprattutto attraverso i rapporti nelle carceri, con la criminalità locale, hanno differenziato il portafogli criminale assumendo un ruolo di primo piano livello locale divenendo, come in questi due casi specifici potenze criminali mondiali.
Quest'ultima digressione ci permette di evidenziare il fatto che esistono dinamiche di tipo mafioso che operano con successo indipendentemente dal tempo e dal luogo.
GEA è pronta ed è qui per dimostrare che le mafie - ovunque e da sempre - altro non sono che lo strumento a cui il potere, o chi al potere anela,  ricorre per i propri fini scaricando sulla criminalità la responsabilità oggettiva.
Mariano Arena

mercoledì 21 ottobre 2015

GEA, Geocrime Education Association. Comprendere i fatti del mondo studiando mafie e criminalità, terrorismo e insorgenza.


E' nata.

Geocrime Education Association ha la pretesa di fornire chiavi innovative per la comprensione dei fenomeni criminali e terroristici che operano nell’ampio quadro geopolitico internazionale, influenzandone gli assetti.
Prendendo le mosse da una consolidata esperienza pratica, corroborata dalla lettura storiografica di questi fenomeni, avvia un processo d’analisi che affonda nella contemporaneità allo scopo di comprenderne le dinamiche delineandone i possibili esiti.
GEA, ricorre ad un approccio scientifico, sotto il profilo del rigore dell’analisi, empirico nella ricerca ed esposizione dei fatti, geopolitico, nella sua visione, ma soprattutto chiaro e sterilizzato, nel fornire ipotesi interpretative propedeutiche alla riflessione e quindi formazione di un proprio punto di vista sulla cronaca internazionale, con particolare riferimento al rapporto criminalità organizzata & terrorismo.
A dispetto di quanto la cronaca quotidiana denuncia, questo campo di studi, che all’estero è oggetto di approfondimento e discussione, in Italia viceversa è ancora un argomento di nicchia, raramente protagonista nella produzione informativa, pubblicistica, accademica e finanche mediatica, nell’ottica di intervenire sempre e solo su conseguenze ed effetti che un fenomeno produce nella società (affidandosi quindi al meccanismo sanzionatorio), piuttosto che agire in via preventiva.
Quest’ultimo aspetto per la sua specifica natura richiede sforzi condivisi di comprensione circa i meccanismi e le variabili che facilitano e influenzano il perverso rapporto criminalità & terrorismo.
Il suo studio, attraverso l’acquisizione di un metodo interpretativo adeguato ai tempi, travalica il semplice aspetto delinquenziale per riverberarsi con efficacia sul vissuto a noi tutti comune.

martedì 29 settembre 2015


TERRORISM AND MIGRANTS
While our attention is understandably and rightly facing south and east, with particular attention to the contrast of terrorism and attempt to fight it, although belatedly, recognized as generational migration, Central America and Latin America continues its fight against organized crime now mistress of vast territories.
Well known is definitely the war that the Mexican government,  for more than a decade now, has undertaken against organizations of drug traffickers involved in the smuggling of the cocaine produced in the triangle Bolivia, Peru and Colombia; less known is what happens in Central America, a key area as a hub of trafficking northward towards continental and international markets of consumption.


EL SALVADOR UP LEVEL CLASH
Recently the Supreme Court of El Salvador stated that the two major criminal organizations, the gangs Mara Salvatrucha and Barrio 18, are terrorist organizations.
This new categorization is obviously very significant as it allows verification of the criminal responsibility of leaders, members, associate and "apologists". This step in the fight against organized crime in El Salvador is certainly dictated by the need for a further step forward in the fight against these criminal forms using tools even more effective.

REPRESSION EXTRAJUDICIAL
Now, if on the one hand the aim is clearly to strengthen the repressive powers, recognizing organized crime as a power capable of undermining justice, the free coexistence of the population and its development, on the other hand he admits powerlessness of preventive and repressive policies implemented in decades. Not only that, authorities will be exposed to further criticism about  the use of repressive force well beyond the criteria generally tolerated in an international context, with particular reference to the extra-judicial activities. El Salvador is one of the most dangerous countries in the world with an incipient level of corruption, in the month of August were recorded over 500 murders linked to organized crime.


GANGS TO CONQUER EUROPE
Salvadoran criminal organizations, most of the Mara Salvatrucha and Barrio 18 have established branches in North America and have long planned expansion in Europe by exploiting second and third generations of Spanish-speaking immigrants.



GEOPOLITICS EFFECTS
It is important to understand that the escalation of the global spread of virulent new forms of organized crime, increasingly international and transnational, directly affects the state power, national and supranational level, and must be contrasted with renewed determination.
Fighting these new criminal forms, exploded due to the phenomena of globalization, is an unavoidable imperative. It is clear then that our gaze to the east, if the case arise, must yield to forms of strabismus as organized crime and terrorism for a long time and will impact deeply on our communities.

giovedì 17 settembre 2015

El Salvador: nuovi strumenti per combattere la criminalità diffusa. Barrio 18 e Mara Salvatrucha considerate organizzazioni terroristiche.


IL TERRORISMO ED I MIGRANTI
Mentre il nostro sguardo è comprensibilmente, e giustamente rivolto verso sud e verso oriente, con particolare attenzione al contrasto  nei confronti del terrorismo radicale e al tentativo di governare il fenomeno oramai, anche se tardivamente, riconosciuto come generazionale dei flussi migratori, l’America Centrale e Latina continua la sua lotta contro una criminalità organizzata oramai padrona di vasti territori.

Nota è sicuramente la guerra che il governo messicano, da più di un decennio, ha intrapreso nei confronti delle organizzazioni di trafficanti di droghe, che da tempo ormai non si limitano più alla cocaina prodotta nel triangolo Bolivia, Perù e Colombia, meno noto invece è quanto avviene nell’America Centrale, area cruciale in quanto centro di smistamento dei traffici illeciti verso il nord continentale e verso i mercati internazionali di consumo. 

EL SALVADOR AUMENTA IL LIVELLO SCONTRO
Di recente la Corte Suprema di Giustizia di El Salvador ha dichiarato le due principali organizzazioni criminali, le pandillas Mara Salvatrucha e Barrio 18, organizzazioni terroristiche secondo quanto statuito dalla legge salvadoregna per il contrasto alle diverse forme di terrorismo. 
Questa nuova categorizzazione è ovviamente molto significativa in quanto consente di accertare la responsabilità penale dei capi, dei membri, dei collaboratori degli “apologeti” e dei finanziatori. Questo passaggio nella lotta alla criminalità organizzata nel Salvador è senz’altro dettato dalla necessità di un ulteriore passo in avanti nella lotta a queste forme criminali ricorrendo a strumenti ancor più incisivi. 

REPRESSIONE EXTRAGIUDIZIALE
Ora, se da un lato l’intento è chiaramente quello di rinforzare i poteri repressivi, riconoscendo la criminalità organizzata come un potere in grado di inficiare la giustizia, la libera convivenza della popolazione ed il suo sviluppo, dall’altro si ammette l’impotenza delle politiche preventive e repressive nei decenni attuate. Non solo, ci si espone ulteriormente alle critiche, per altro già consistenti, di un uso della forza repressiva ben oltre i criteri genericamente tollerati in ambito internazionale, con particolare riferimento alle attività  extragiudiziali. El Salvador è uno dei paesi più pericolosi al mondo con un tasso di corruzione incipiente, nel solo mese di agosto sono stati registrati, quindi si tratta di un dato parziale per difetto, oltre 500 omicidi legati al crimine organizzato.


LE PANDILLAS ALLA CONQUISTA DELL'EUROPA
Le organizzazioni criminali salvadoregne, in prevalenza la Mara Salvatrucha e il Barrio 18 hanno consolidate ramificazioni nel Nord America e hanno da tempo progettato un’espansione in Europa sfruttandole seconde e terze generazioni d’immigrati di lingua spagnola.
EFFETTI GEOPOLITICI


E' fondamentale comprendere che l’acuirsi della virulenta diffusione planetaria di nuove forme di criminalità organizzata, sempre più internazionali e transnazionali, colpisce direttamente il potere statuale, nazionale e sovranazionale, e deve essere contrasta con rinnovata decisione.
Combattere queste nuove, ma in fondo sempre uguali a stesse, forme criminali, esplose grazie ai fenomeni di globalizzazione trasversale è un imperativo ineludibile. E’ chiaro allora che il nostro sguardo ad oriente, si presentasse il caso, deve cedere a forme di strabismo poiché la criminalità organizzata ed il terrorismo incideranno ancora per lungo tempo e profondamente sulle nostre comunità.

sabato 12 settembre 2015

Unfinished constitutionalism and the development of the Italian Mafias in the intellectual work of Pasquale Villari.


In the path of knowledge that some choose to take, it could happen that you're lucky enough to run into confirmations that provide additional energy for the rest of the trip. This is the case of my current studies on the Italia Destra Storica  (Historic Right) and the production of some prominent figures protagonists of the Italian revolutionary process ended with the Unity.
My determination to understand the deep causes and especially the persistence of the phenomenon of mafia crime in the Italian South force me more and more often, and with greater force, toward the study of the process and outcome of the unification of Italy.
This intuition, became a working idea to be developed, that the Italian mafias always served as centers of interest for third powers that systematically give it interested support.
And the recent case of what I found in relation to the work of Pasquale Villari, a leading figure in the history of the formation and life of the first Italian parliament. Throughout his professional life as a historian, philosopher and senator of the first Parliament, the Villari’ studies and analysis identified the negative results about the construction of Italy as entity.
The following is an excerpt from the book: Pasquale Villari, Freedom or Anarchy, published by Mimesis, Sisyphus, 2015.
It is an excerpt of one of the letters written by Villari and addressed, in March 1875, to James, Dina, director of the newspaper "The opinion," . 


Villari wrote: or you will be able to civile us, or we will make you barbarians.


My attention is devoted recently, as part of a wider research, to the historiography of the Unitarians facts with particular reference to the production of those characters, like Villari whom were prominent actors in the process of unification and that were immediately capable after the death of Count Cavour, to point put the evil plague that policy and its management of the State was taking.
I'm dedicating this research and analysis, as more and more apparent, to the permanence of the phenomenon of organized mafia-type crime in Italy and its deep roots, its core, in the failure of the constitutional process, unlike what happened in other countries European such as among others England and.
Pasquale Villari, was a revolutionary in the 1948 uprising against the Borboni, historian and a philosopher but also Senator of the first Italian Parliament and professor of history and an director of the renewed Scuola Normale of Pisa and even the Minister of Education.
Having recognized its international reputation in life if he appreciated the honesty of the true history, and it is this feature that affect my reading of his works with reference to the writings on the Camorra and the Sicilian Mafia, but especially on the role of patronage, should read corruption, as the plague that has undermined the unfolding of a positive constitutional process and therefore the relationship between the southern and northern Italy.
Writes Villari:
(...) then, if the source of the ills that afflict us so cruelly and that all deplore, is not in men, is not in the nature of a regime it clear that the historian has eliminated the human factor and the organizational model of the society to prepare ourselves, of course, to his explanation of ... so many calamities ... such was the state of things ever since.
Villari and then warns us: (...) the conservative element and the revolutionary were always fighting and do not reached an equilibrium (...) in other countries these two elements have come into conflict through centuries of bloody revolutions and bowing in balance to be one people, it is derived by the story (…).
And in this struggle continues without even point the evil of our nation as atavistic as adds: (...) instead of two parties fighting each other, light up, compete and kill each other with each other power; we have in the House and in the country of men and newspaper, two parties, one of which is still in power and still defends the government, another makes the war and attacked him constantly (...) and adds (...) the problem waves to solve no longer seems to be: How to order the country? But rather: How to strengthen your own party ... (...) we have every minister who comes to power must meet a number of friends and enemies, who come to seek justice pei their constituents. Once admitted to the system, there is no minister or deputy who can be saved from the tide that grows on each side (…)
What to add? The tide has swept everything.
The first consideration is concerned perseverance in error because after 150 years this photograph reflects the current state of things in politics, the second, brings us closer to the focal point of my writing: This imbalance between government / opposition in what results?
The answer, of course, is provided: the demonization of the opponent in a democracy is meant to lead to a popular vote in the hope of getting to take power. Stigmatizes Villari: (...) The parties need votes; but the country needs men and the country is above the parties (...).
Here's how and why corruption still now affect Italy.
That determination must be answered to a further question: why in the South and not in the rest of the country develop the mafias?
Villari is very clear it is linked to the fact that in 1861 first came political revolution and then the social one; revolution that has never made, due to the narrow-minded political myopia.
Again are the writers to remind us with vivid images of the unfolding events in those years. Federico De Roberto in “The Viceroy” tells us of a Sicilian aristocratic family thriving to overcome the upcoming revolution by sending a representative to Parliament Unit with the main purpose of their own interests without solution of continuity with the past world. 
“The Leopard” wrote by Tomasi di Lampedusa, which owes much to the work of De Roberto but thanks to the cinema has been more successful with that famous phrase: (...) to change everything so that nothing changes (...) to which I I much prefer reflection of the Prince of Salina, talking loudly to himself says, (...) we were the ones to come will ocelots jackals (...).
Did they went wrong? No, they did not.
The Sicilian Mafia, the Camorra and the 'Ndrangheta are still there, among us and in health, to confirm the root of evil in this country.
It seems obvious that these assessments and theses of Pasquale Villari merit further examination, but certainly it can be concluded that the way forward is one that takes us back to the non-ordinary and harmonious development of the Italian nation. The Unification of Italy gave us a country but not a nation, and this is because the political revolution was no anticipated or at least followed by a social one.
This are the reasons that produced the evident imbalances, that favorites and fed the criminals forces to continue to survive at the sole and constant detriment of Italian society.

lunedì 7 settembre 2015

Pasquale Villari: il costituzionalismo italiano incompiuto e la criminalità mafiosa.


Nel percorso di conoscenza che alcuni scelgono di intraprendere, si ha la fortuna, alle volte, d'imbattersi in conferme che ci forniscono ulteriore energia per il proseguo del Viaggio. Questo è il caso specifico dei miei attuali studi sulla Destra Storica in relazione alla produzione pubblicista di alcune eminenti figure protagoniste del processo Unitario.
La mia determinazione nel voler comprendere la profonda causa e soprattutto la persistenza dei fenomeni di criminalità mafiosa nel nostro Mezzogiorno mi riporta sempre più spesso, e con maggiore forza, allo studio del processo e degli esiti dell'Unità d'Italia.
Quest'intuizione, divenuta idea di lavoro da sviluppare, che le mafie italiane intanto esistono in quanto serventi a centri d'interesse e di potere terzi, trova sistematicamente conferme empiriche.
E' il caso recente di quanto ho rilevato in relazione a Pasquale Villari, figura di primo piano nella storia della formazione e vita del primo parlamento unitario Italiano. Nell'arco della sua vita professionale quale storico, filosofo e senatore del Regno, il Villari studia ed analizza gli esiti -da subito deludenti- della costruzione dell'Italia individuandone, come vedremo, le cause.

Quello che segue è un estratto dal libro: Pasquale Villari, Libertà o Anarchia, edito da Mimesis, Sisifo, nella collana: testi controcorrente, 2015 a cui sin d’ora rivolgo il merito di riproporre testi di questo genere assolutamente unici per lucidità d’analisi in relazione alla mancata nascita dell’Italia Unita, se non in una versione caricaturale di se stessa a tradimento degli ideali risorgimentali.
Si tratta di un passo di una delle Lettere Meridionali scritte dal Nostro ed indirizzate, nel marzo 1875, a Giacomo Dina, direttore del quotidiano «L’opinione», poi riprese in volume nel 1878 (Le lettere meridionali ed altri scritti sulla questione sociale in Italia).
La mia attenzione recente è dedicata, nell’ambito di una più ampia ricerca, alla storiografia dei fatti Unitari con particolare riferimento alla produzione storica e sociologica di quei personaggi, come il Nostro, che furono attori di primo piano nel processo d’unificazione e che immediatamente colsero, dopo la morte del conte di Cavour, la mala piaga che la politica e la relativa amministrazione dello Stato andava prendendo. 
Mi vado dedicando a questa ricerca ed analisi in quanto sempre più appare evidente che la permanenza dei fenomeni di criminalità organizzata di tipo mafioso in Italia ha la sua profonda radice, il suo nucleo, nel fallimento del processo costituzionalista a differenza di quanto avvenuto in altri paesi europei e, prima fra gli altri, l’Inghilterra che ne è stata la patria.
Pasquale Villari, fu rivoluzionario ne ’48, storico e filosofo, Senatore del Regno, professore di Storia e direttore della rinnovata Scuola Normale di Pisa e finanche ministro dell’Istruzione Pubblica.
Riconosciutane la fama a livello internazionale in vita se ne apprezzava l’onestà intellettuale del vero storico, ed è questa caratteristica ad interessare la mia lettura delle sue opere con riferimento agli scritti sulla Camorra e sulla mafia Siciliana, ma soprattutto sul ruolo del clientelismo, leggasi corruzione, quale piaga che ha minato lo svolgersi di un positivo processo costituzionalista e di conseguenza il rapporto tra il Mezzogiorno d’Italia ed il nord, suo malgrado conquistatore.
Scrive Villari, dopo avere reso merito ai parlamentari del nuovo Regno nella maggioranza dei casi uomini probi ed onesti:
(…) se dunque la sorgente dei mali, che così crudelmente ci travagliano e che tutti deplorano, non è negli uomini non è nella natura d’un regime (Monarchia Costituzionale n.d.r.) poco adatto a noi , dove mai risiede la sorgente di tante calamità (…)


E’ chiaro che lo storico ha eliminato il fattore umano ed il modello di organizzazione della società per preparaci, ovviamente, alla sua spiegazione di …tante calamità… tale era lo stato delle cose sin dall’epoca.
Ed allora il Villari ci avverte: (…) l’elemento conservatore (la destra storica n.d.r.) e quello rivoluzionario (la sinistra all’opposizione nei primi anni di regno unitario) furono sempre in lotta e non si equilibrarono (…) negli altri paesi questi due elementi sono venuti in urto attraverso secoli di sanguinose rivoluzioni e postisi in equilibrio per formare un popolo solo è derivata la storia (…).
E’ in questa lotta continua senza punto d’equilibrio il male atavico della nostra nazione poiché come aggiunge: (…) invece di due partiti che si combattono, s’illuminano, gareggiano e pigliano a vicenda il potere; noi abbiamo nella Camera e nel paese degli uomini e dei giornali, due partiti, uno dei quali è sempre al potere e sempre difende il Governo, un altro gli fa la guerra e lo attacca costantemente (…) ed aggiunge (…) onde il problema da risolvere non sembra più che sia: Come ordinare il Paese? Ma piuttosto: Come rafforzare il proprio partito… (…) da noi ogni ministro che sale al potere deve soddisfare una serie di amici e di nemici, che vengono a chiedere giustizia pei loro elettori. Una volta ammesso il sistema, non vi è ministro né deputato che possa salvarsi dalla marea che cresce da ogni lato (…) 
Cosa aggiungere? La marea ha travolto tutto.
La prima considerazione concerne la perseveranza nell’errore visto che questa fotografia rispecchia dopo 150 anni lo stato attuale delle cose in politica, la seconda, ci avvicina al punto nodale di questo mio scritto: questo mancato equilibrio tra governo/opposizione in cosa si traduce? 
La risposta, ovviamente la fornisce il Nostro: la demonizzazione dell’avversario in democrazia ha lo scopo di portare al voto popolare nella speranza di arrivare a prendere il potere. Stigmatizza il Villari: (…) I partiti hanno bisogno di voti; ma il paese ha bisogno di uomini ed il paese è al di sopra dei partiti (…).
Ecco come e perché nasce il clientelismo e la corruzione in Italia.
Stabilito ciò deve rispondersi ad un’ulteriore domanda: perché nel Mezzogiorno e non nel resto del Paese si sviluppano le mafie?
A questo risponde gran parte della letteratura sociale ed economica coeva e successiva al 1861, ma Villari lo fa in una frase: (…) si è fatta prima la rivoluzione politica e poi quella sociale (…) Rivoluzione che non si è mai fatta, o meglio voluta fare, neanche oggi, nella più gretta miopia politica.
Ancora una volta sono gli scrittori a rammentarci con vivide immagini lo svolgersi dei fatti in quegli anni. Federico De Roberto nei Viceré ci racconta di una famiglia aristocratica siciliana legata al latifondo che in concomitanza dell’inarrestabile vento nuovo europeo che spingeva all’unità dell’Italia si organizza inviando un proprio rappresentante al Parlamento Unitario con il precipuo scopo di fare i propri interessi senza soluzione di continuità con il mondo passato. Solo a volo d’uccello rammento Il Gattopardo di Tomasi di Lampedusa che molto deve all’opera del De Roberto ma che grazie al cinema ha avuto maggior successo con quella frase famosa: (…) cambiare tutto affinché nulla cambi (…) alla quale io preferisco di gran lunga la riflessione del Principe di Salina che, parlando ad alta voce con sé stesso dice: (…) noi eravamo i gattopardi quelli che verranno saranno gli sciacalli (…). 
Possiamo dare torto al Villari nella sua analisi, al de Roberto e al Tomasi nella loro? No, negheremmo la contemporaneità.
D’altro canto, sono proprio la Mafia siciliana, la Camorra campana e la ‘ndrangheta calabrese, ancora lì, tra noi e in salute, a confermare la radice del male di questo paese.
Appare evidente che queste valutazioni e tesi del Nostro meritano ulteriori approfondimenti ma senz'altro si può concludere che la strada da seguire è quella che ci riporta al mancato sviluppo ordinario ed armonico della nazione italiana. L'unità d'Italia ci ha consegnato una Patria ma non certo una nazione, e questo perché la rivoluzione politica non è stata anche sociale. 
E' questo il motivo che ha prodotto gli squilibri, favoriti ed alimentati nei decenni successivi e fino ai nostri giorni, che le forze illegali e criminali sfruttano per continuare a sopravvivere ad esclusivo e costante detrimento della società italiana rassegnatamente ridotta in questo stato. 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...