mercoledì 26 novembre 2014

Africa and its tragedy: al-Shaabab contend AMISOM.


Middle East, Syria and Iraq, Africa, the Sahel and Mali, Somalia and Nigeria, terror and insecurity characterize the daily life of millions of people helpless and resigned victims of a political game which often do not know, and worse do not understand.
The terror spread is the result of power-games that feed in favor of certain centers of power that exploit the misery of the local population with a dualism both cynical and abject. It is an absurd game whose protagonists create militias, fideist or secular, fueled by people recruited in most neglected classes, as easily seduced by money, which then are sent to fight a war that paradoxically involves the same local communities to whom they belong, that are directly affected and expendable target in a clash between terrorism/insecurity and instability, and the central power that is supposed to guarantee safety. Once again the only losers -in any case and anyway- are the poor communities and neglected land increasingly at the mercy of events determined by strategies decided elsewhere. 
The battle between security and insecurity will affect  the future of entire nations in international theaters increasingly riotous to bend to any rule and so creating  a new form of the Middle Ages or a-polarity World in which the powers have increased and affect the dynamics of any nation. 
In Somalia, for years, the heirs of the Islamic Courts, clot of economic interests and various warlords, an organization founded on the ashes of the civil war of the Eighties, the young Islamic radicals of al-Shaabab, militia affiliated with the franchise of al-Qaida, is contrasting the central government supported by the international community and by the forces of the African Union Mission in Somalia (AMISOM), operation of the regional African Union peacekeeping under UN auspices. 
This internal conflict in Somalia invests the daily life of the communities that increasingly become unwitting victims of  absurd atrocities. The most emblematic case concerns land forces counterinsurgency provided by Kenya AMISOM operating in Somalia confronting the militia of Shaabab. It has triggered a perverse exchange of military operations and reprisals damaging victims who are mostly civilians. Everything was radicalized in 2012 when Kenyan forces forced to withdraw the Islamic militia controlling at that time the commercial port Kysmaio and so interrupting a consistent flow of capital generated by the control of smuggling of coal to the countries of the Arabian Peninsula managed by al-Shaabab.
In retaliation, the latter brought the clash directly in Kenya homeland making a suicide bombing in the commercial center of Westgate Mall in Nairobi that killed 70 people. Most recently, on November 21 the Kenyan police raided a mosque in Mombasa and arrested some young people believed to be affiliated with al-Shaabab, seizing weapons and documents. The answer is not long in coming, and in fact the following 28 an armed militia took revenge and seized a busload of fishermen who went to business in the capital Nairobi. The commandos stopped the vehicle in Kenyan territory and go after leaving the Muslims and murdering 28 Kenyan citizens; the choice of victims was dictated by a macabre ritual: those who did not know how to recite the verses of the Quran were gunned down on the spot with a shot to the head. So, once again, the victims of this new age of terror are nothing but poor people in search of survival but sometime finding nothing more than a mocking death.

lunedì 24 novembre 2014

Africa e terrore


Medio Oriente, Siria ed Iraq, Africa, Sahel e Mali, Somalia e Nigeria, il terrore e l'insicurezza caratterizzano la vita quotidiana di milioni di persone inermi e rassegnate vittime di un gioco politico del quale spesso non conoscono, e comunque non capiscono, le ragioni. Il terrore diffuso è il risultato di giochi di potere che si autoalimentano a favore di alcuni centri di potere che sfruttano la miseria delle popolazioni locali con un dualismo cinico ed abbietto. E' un gioco assurdo i cui protagonisti  creano milizie, fideste o laiche, alimentate dalla manodopera reclutata nei ceti più negletti, poichè facilmente sedotta da guadagni certi, che vengono mandati a combattere una guerra che investe le comunità locali che vengono direttamente colpite da queste milizie poichè facile e sacrificabile bersaglio in uno scontro tra terrorismo, e quindi insicurezza ed instabilità, e potere costituito, ossia pretesa garanzia di sicurezza. Ancora una volta gli unici a rimetterci -in ogni caso e comunque- sono le comunità povere e neglette del territorio sempre in balia degli eventi determinati da strategie decise a tavolino da poteri superiori. In questo continuo scontro tra insicurezza e sicurezza  si gioca il futuro di intere nazioni in teatri internazionali sempre più riottosi a piegarsi a qualsiasi regola condivisa nell'ottica di una nuova forma di medioevo a-polare in cui i poteri si sono moltiplicati e incidono nelle dinamiche di qualsiasi nazione. In Somalia, da anni, gli eredi delle Corti Islamiche, coagulo d'interessi economici e di vari warlords, organizzazione nata sulle ceneri della guerra civile degli anni Ottanta, i giovani radicali islamici di al-Shaabab, milizia affiliata al franchising di al-Qaida, contrastano il governo centrale sostenuto dalla comunità internazionale e supportato dalle forze dell'African Union Mission in Somalia (AMISOM), un'operazione di regionale di peacekeeping  dell'Unione Africana sotto l'egida dell'ONU   http://amisom-au.org/. Questo conflitto interno alla Somalia investe la vita quotidiana delle comunità che sempre più stesso divengono vittime inconsapevoli di assurde atrocità. Il caso più emblematico riguarda le forze terrestri di contro insorgenza fornite dal Kenia all'AMISOM che operano in Somalia confrontandosi con la milizia degli Shaabab. Si è innescato un perverso scambio di operazioni militari e rappresaglie che ha per vittima prevalentemente la popolazione civile. Tutto si è radicalizzato quando nel 2012 le forze keniote hanno sottratto alla milizia islamica il controllo del porto commerciale di Kysmaio sul golfo di Aden interrompendo un consistente flusso di capitali generati dal controllo del contrabbando di carbone verso i paesi della penisola arabica controllato dagli Shaabab. 
Per rappresaglia, quest'ultimi hanno portato lo scontro direttamente in Kenia realizzando un attentato kamikaze nel centro commerciale di Westgate Mall in Nairobi che ha provocato la morte di 70 persone. Più di recente, il 21 novembre la polizia keniota ha fatto irruzione in una moschea di Mombasa ed ha arrestato alcuni giovani ritenuti essere affiliati ad al-Shaabab, sequestrando armi e documenti. La risposta non si è fatta attendere e infatti il 28 successivo un commando di miliziani si è vendicata sequestrando un pullman di pescatori  che si recavano per affari nella capitale Nairobi.
Il commando ha fermato il mezzo in territorio keniota e dopo avere lasciato andare i mussulmani ha trucidato 28 cittadini kenioti; la scelta delle vittime è stata dettata daun macrabo rituale per cui  coloro i quali non sapevano recitare i versi del Corano venivano  freddati sul posto con un colpo in testa. Quindi, ancora una volta, le vittime di questa nuova epoca del terrore altro non sono che poveracci in cerca di sopravvivenza e che spesso altro non trovano che una morte perfino beffarda. 

mercoledì 19 novembre 2014

La Nueva Alianza de la Paz y Gulf Cartel Zetas


One thing is the state, another the nation, and yet another people. Today what is happening in Mexico expresses better than any sociological study the different levels of "consciousness" as the  intimate feel both individual or collective.
At the end of September 43 boys, students in a rural community in the Mexican state of Guerrero, disappeared after being "kidnapped" in the town of Iguala by local police forces. The federal authorities have identified the town's mayor and his wife as the instigators of the kidnapping and subsequent murder of the boys because allegedly belonging to a rival criminal faction of that to which the two belong.
In itself this may seem hyperbolic to the point of not being credible, but this is Mexico of the last thirty years. Since about a month, broke out multiple protests across the country despite the assurances given by the federal government which has since taken steps to arrest the persons identified as directly responsible.
In fact, if the conscience of the state can be satisfied by the mere exercise of jurisdiction, so it cannot be said for that of a nation and  people
The Mexicans as a nation are subjected for decades to the depletion of the values of civil life due to non-exercise of state sovereignty in most of the territory. Alternating governments, strategies, tactics, have not reached the threshold of decency. If the collective consciousness as a nation is not satisfied even less is that of the people who now seems to rebel against this state of affairs. This news must have been perceived as a threat even by criminal organizations which always sniff, as real predators do, environmental changes and adapt to them. For a couple of days the leaders of two cells of the notorious cartels narcos of Los Zetas and the Gulf, fierce enemies, with a notice via the Internet, said it would establish a truce called La Nueva Alianza de la Paz y Gulf Cartel Zetas renouncing to kidnaps and extortion, the criminal activities that most affect the lives of everyday Mexicans.

domenica 16 novembre 2014

L'Europa sfida l'Orso Russo e gioca con il "fuoco"


Il parlamento europeo ha detto sì all’accordo di partnership commerciale Dctfa “zona di libero scambio globale ed approfondito” tra l’Unione e la Moldavia. Interessante, al di là della routine di ricerca di sempre nuovi mercati per le commercializzazione dei prodotti interni dell’unione, è un inciso dell’accordo che estende la sua forza “…all’intero territorio nazionale riconosciuto dalla Repubblica di Moldavia…”. E qui bisogna aprire una riflessione poiché la formula pattizia sottende in concreto il territorio dell’autoproclamata, dal 2 settembre 1990, repubblica di Transnistria che non riconosce l’autorità moldava ed è di fatto sotto tutela Russa. 
Si tratta di un’evidente sfida alla Russia di Vladimir Putin.
La questione Moldava si deve inquadrare politicamente in un preciso contesto; Moldavia vuol dire Romania e questa vuol dire Europa. Vladimir Putin è consapevole di non poter esercitare alcuna forma d’ingerenza militare diretta, diversamente da quanto avvenuto in Georgia ed Ucraina, poiché l’Europa non resterebbe inerte così come la stessa NATO, e quindi, in questo quadrante geostrategico, la partita si giocherà ricorrendo ad un mazzo di carte differente: quello del soft power di cui Mosca, dai tempi della guerra fredda, non è più abituata a servirsi. Soft power vuol dire sfruttare la capacità d’intelligence, di pressione diplomatica e di ricatto energetico, ma anche d’impiego della criminalità organizzata. Un esempio di quanto questa regione sia sensibile sotto questo profilo lo si trova nel post Terrorism-civil-wars-and-crime-how-does it work nel quale traccio alcuni profili connessi all’operatività della criminalità organizzata di origine slava che nella regione dell’auto proclamata repubblica di Transnistria (in russo Приднестровская Молдавская Республика, Repubblica Moldava di Pridnestrov’e, uno stato indipendente de facto ma non riconosciuto come tale dai Paesi membri dell'ONU essendo considerato de iure parte della Repubblica di Moldavia) ha trovato un ambiente favorevole a qualsiasi attività illegale e criminale con il sostegno anche di diversi stati tra i quali la stessa Russia che ha supportato, ma più prosaicamente voluto, la creazione di quest’area franca nel cuore europeo.   
La politica estera di Putin, spesso accusata di revanscismo, trova, e bisogna dirlo, un suo fondamento nel trattamento che le è stato riservato quale scotto da pagare per aver perso la partita geopolitica della Guerra Fredda dall’occidente che per l’ennesima volta ha ignorato il consiglio di sir Winston Churchill su come trattare gli sconfitti evitando umiliazioni e tradimenti. La Russia avverte il senso di accerchiamento che dall’esterno cerca di limitare la sua sfera d’influenza e ad esso reagisce. Certo, le recenti sanzioni economiche legate alla crisi ucraina hanno effetto e non può certo essere considerata una coincidenza la dichiarazione resa ieri 14 novembre a Brisbane, a margine del G20, dal presidente Putin che ricordava alla Germania, affinché l’Unione comprenda, che queste costeranno 300.000 posti di lavoro ai tedeschi.
Ora, seppure l’Unione ha senz’altro bisogno di aumentare le relazioni commerciali agevolate da patti bilaterali al fine di dare ossigeno alle esportazioni, la Moldavia non sembra essere una soluzione definitiva e determinante, l’ultima spiaggia, al punto da dover accettare le conseguenze che un’ulteriore area di crisi ai confini orientali comporterebbe.  
La Guerra fredda ora tornata in auge non è in realtà  mai terminata nonostante la battaglia vinta con la caduta del muro di Berlino ed il cambio ideologico in Russia che ha spazzato via l’ingombrante eredità rivoluzionaria. Oggi il presidente Putin ha le mani libere in patria e carte da giocare nell’agone internazionale per contrastare le mosse di un’Europa divisa ed in crisi, ed un’America ridimensionata a causa dei suoi stessi errori. 
La strategia estera degli Stati Uniti verso l’Europa è sempre più marcata dal ricatto economico che presto diverrà esplicito con l’adozione del Trattato transatlantico per il commercio e gli investimenti TTIP il quale, nell’intenzione statunitense, sottrarrà l’Europa all’influenza russa e cinese.
Crisi economiche, guerra fredde, calde o tiepidine, trattati economici e zone franche, la moltiplicazione dei poteri e la diminuzione di quello dello stato-nazione, oramai ridotto ad un attore fra i tanti in campo, rende il futuro sempre più incerto e quindi è necessario dotarsi di  strumenti utili alla comprensione dei fatti; sviluppare un nuovo spirito critico questo è l’imperativo.

mercoledì 12 novembre 2014

43 studenti ammazzati e la coscienza del Messico e dei messicani


Una cosa è lo Stato, un’altra è la sua nazione ed ancora altro è il suo popolo. Oggi quanto accade in Messico esprime meglio di qualsiasi trattato sociologico le diverse  sfumature di “coscienza” intesa come il proprio sentire intimo -collettivo ed individuale-.
Alla fine di settembre 43 ragazzi, studenti di una comunità rurale dello Stato messicano di Guerrero, sono scomparsi nel nulla  dopo essere stati “sequestrati” nella cittadina di Iguala dalle locali forze di polizia. Le autorità federali hanno individuato nel sindaco della cittadina ed in sua moglie i mandanti del sequestro, e presumibile successivo assassinio dei ragazzi poiché asseritamente appartenenti ad una fazione criminale rivale di quella a cui i due apparterrebbero.
Mi rendo conto che in sé tutto questo possa apparire iperbolico al punto di non essere credibile, ma questo è il Messico degli ultimi trent’anni. Per i dettagli sull’episodio narrato si legga il pezzo sulla rivista l’Internazionale .
Da un mese circa si moltiplicano le manifestazioni di protesta in tutto il Paese nonostante le assicurazioni fornite dal governo federale, che nel frattempo ha provveduto ad arrestare i soggetti individuati come diretti responsabili, non hanno placato gli animi sempre più esacerbati.
Infatti, se la coscienza dello Stato può essere soddisfatta dal semplice esercizio della giurisdizione, tanto non può dirsi per quella di una nazione e di un popolo. I messicani come nazione sono sottoposti da decenni al  depauperamento dei valori propri di una civile  convivenza a causa del mancato esercizio della sovranità statale in gran parte del territorio. Si alternano i governi, le strategie, le tattiche, ma i risultati non raggiungono la soglia della decenza. Se come nazione la coscienza collettiva non è soddisfatta ancora meno lo è quella del popolo che oggi pare ribellarsi a questo stato di cose. Questa novità deve essere stata percepita anche dalle organizzazioni criminali che come sempre avviene annusano, da veri predatori, i cambiamenti ambientali e ad essi si adattano. Da un paio di giorni i capi di due cellule dei famigerati cartelli di narcos dei Los Zetas e del Golfo, agguerriti nemici da quando le due organizzazioni, una filiazione dell’altra, si sono scisse, una decina d’anni orsono, hanno pubblicamente, con un avviso via internet, dichiarato di voler stabilire una tregua denominata  La Nueva Alianza de la Paz Cartel del Golfo y Zetas  rinunciando ai rapimenti ed alle estorsioni, attività criminali che maggiormente affliggono la vita di tutti i giorni dei messicani.

Casi eclatanti come il massacro di 43 ragazzi non fanno bene agli affari criminali; si esasperano le coscienze, si accendono i riflettori anche internazionali e le autorità sono “costrette” a fare qualcosa e qualcuno deve pagare finché gli animi non si placano, ma più di ogni altra aspetto per la criminalità, per le bande criminali conta non perdere il contatto, la vicinanza, il compromesso, se non il dialogo con la popolazione con cui condivide i territori. Quest’aspetto è decisivo da sempre la criminalità deve avere una qualche forma di connivenza con la popolazione altrimenti sarebbe espulsa facilmente dal corpo sociale che invece, come un cancro infetta moltiplicandosi attraverso un processo di metastasi a cui è difficile sottrarsi. Anche in questa circostanza appare come dal punto di vista sociologico lo Stato e la Nazione, nell’era contemporanea si vanno separando poiché il primo non riesce più ad esercitare il dominio della forza, sua prerogativa, lasciando che il corpo sociale cada preda del virus criminale a cui non riesce a porre fronte attraverso idonee cure che, non solo esistono ma suonano finanche stancamente ripetute come un mantra: lotta alla corruzione, al riciclaggio, istruzione e welfare.
Forse la misura è colma, ma io non sono di questo avviso; gli interessi in gioco, economici e quindi di potere, sono enormi e soprattutto gli equilibri stabiliti dalla corruzione  difficilmente possono essere scardinati da un accordo partito dal basso come quello stabilito dal comandante “Kelin” appartenente ai Los Rojos del cartello del Golfo e del comandante “R1” dei Los Zetas.
I prossimi giorni ci diranno se anche la coscienza popolare si è appagata oppure vive di un sentimento più profondo di quella dello stato e della nazione.

lunedì 10 novembre 2014

I greet my entry in the Platform of Experts on the phenomena of organized crime run by Europol


The contemporary world is suffering from a very interesting paradox because it seems so small when we consider the relatively simple way to achieve any destination all around it, while there is so much to understand about its dynamics if we think on a global scale considering the fact that what happens elsewhere always generates effects in our closer space. And that is why we are forced to change our attitude to acquiring a multi-disciplinary thinking.
The multidisciplinary is not the ability to know as much as possible in different fields of study but interacting in order to share the different specific knowledge in order to build a "Strong Thought".
It is in this context that Europol, the European Police Agency tasked with fighting crime in Europe, has launched a project to analyze, study and sharing research expertise to the world of open practitioners and academic, namely Europol Platform of Experts.
With pleasure I greet my entry in this international forum of experts to whom I am honored to be became a member.

Saluto il mio ingresso nella piattaforma di esperti in fenomeni di criminalità organizzata gestita da Europol



Il mondo contemporaneo soffre di un paradosso assai interessante poiché sembra tanto piccolo se consideriamo la  relativa semplicità di raggiungere qualsiasi meta mentre ci appare tanto grande se per comprenderne le dinamiche siamo costretti a ragionare su scala globale,  tant'è che quanto accade altrove genera sempre effetti anche nel nostro spazio più prossimo. Ed è per questo che siamo forzati dai cambiamenti sociali a modificare il nostro abito mentale acquisendo una necessaria attitudine al pensiero multidisciplinare.
La multidisciplinarietà non è la capacità di conoscere quanto più possibile in diversi campi di studio, quanto al contrario far interagire in uno spazio di ricerca le diverse specifiche conoscenze al fine di costruire un “Pensiero Forte”.
E’ in tale quadro che EUROPOL, l’agenzia di polizia europea deputata alla lotta alla criminalità in Europa, ha avviato un progetto di analisi, studio ricerca e condivisione di expertise aperto al mondo dei pratictioners e accademico, Europol Platform of Experts.
Con piacere saluto il mio ingresso in questo consesso internazionale di esperti del quale mi onoro essere entrato a fare parte.
   

giovedì 6 novembre 2014

Un paese in declino, come le sue mafie.


Una volta la criminalità italiana vantava un rango di rilievo riconosciuto e rispettato internazionalmente, oggi non è così, cos’è accaduto?
Prima d’ogni altra considerazione va subito chiarito che questa situazione di fatto non dipende direttamente dai successi che sempre ci sono stati negli anni dall’attività di polizia giudiziaria che -nonostante tutto- ha continuamente svolto egregiamente la propria funzione, ma è da mettere in relazione alla perdita di potere economico del paese Italia.
A qualcuno quest’affermazione può sembrare una forzatura, ma prendendo nella giusta considerazione alcuni aspetti salienti della storia patria recente e del modus operandi delle organizzazioni mafiose italiane, magari attraverso una riflessione non pregiudiziale dei fatti, la si può condividere. 
Dal secondo dopoguerra le mafie storiche italiane, quella siciliana, la camorra campana e la ‘ndrangheta calabrese, hanno, con diversa ed alterna fortuna, goduto di momenti più o meno favorevoli in relazione all’andamento economico e politico del Paese. Il boom economico degli anni Cinquanta ha pompato miliardi di lire nell’edilizia assistita dallo stato e nella realizzazione di opere pubbliche, in particolare nel Mezzogiorno, foraggiando l’economia illegale mafiosa attraverso la corruzione, le estorsioni ed una concorrenza sleale. L’investimento criminale di questi capitali ha consentito l’ingresso delle mafie nel circuito mondiale dei grandi traffici illeciti di droga e sigarette generando una spirale di guadagni incredibile.
Ma quando, a ridosso degli anni Novanta, il Paese ha perso il suo potere geopolitico internazionale connesso all’interesse americano di presenza in Italia, ben ripagato con politiche economiche di favore e garanzie finanziarie a tutela del debito pubblico, sono crollati tutta una serie di equilibri che in un ventennio hanno portato il sistema Italia al collasso. Ad esempio oggi è impensabile che lo stato si sobbarchi una spesa pubblica di miliardi euro pari a quella sostenuta per la ricostruzione dell’Irpina flagellata dal terremoto del 1980 che ha finito per rimpinguare, quale effetto collaterale, le casse della Camorra napoletana. Oggi i soldi non ci sono e quindi, a cascata, le mafie avendo perso potere economico hanno perso le coperture politiche e quindi sono divenute vulnerabili all’azione delle forze di polizia come dimostrato dal crescente numero di operazioni di polizia andate a buon fine negli ultimi anni. Il tutto inoltre ha determinato l’ulteriore effetto negativo per le organizzazioni criminali nostrane della perdita di potere negoziale internazionale.
Un’eccezione va senz’altro fatta per la ‘ndrangheta, ma il tema è complesso e merita una più ampia valutazione da rimandare ad altra sede.
Qualche giorno fa a Napoli i Carabinieri hanno concluso un’operazione antidroga che ha portato all’arresto di alcuni corrieri che gestivano un trasporto di  droga proveniente dalla Spagna per conto del clan di camorra dei Nuvoletta-Gionta-Contini. Sapere oggi che uno dei più agguerriti, ricchi e potenti clan della malavita organizzata napoletana ed italiana è ridotto a mediare con i rappresentanti in Spagna i carichi di  hashish provenienti dal Marocco getta una chiara luce su quanto questi siano oramai ridotti a figure di secondo piano nel panorama della criminalità internazionale. Una volta i siciliani di Cosa Nostra erano in grado di andarsi a prendere in nord Africa, grazie alle flotte dei pescherecci mazaresi, qualsiasi carico di droga; oggi evidentemente l’asse dei traffici si è definitivamente spostato in Spagna dove sono presenti anche i rappresentati delle famiglie italiane di mafia. Si potrebbe, qualcuno potrebbe, gioire di questa situazione. In effetti un lato positivo senz’altro va evidenziato, ovvero la minor capacità di profitto che le organizzazioni criminali italiane stanno soffrendo, tuttavia, ed è questo l’aspetto che va evidenziato con chiarezza, questa situazione ha un lato assolutamente negativo e preoccupante poiché le mafie oggi sono tornate a finanziarsi attraverso quei reati che più di altri colpiscono direttamente la popolazione da vicino ossia l’estorsione e l’usura. In questo modo si ripropone il quadro criminologico storicamente tipico della Mafia, Camorra e ‘ndrangheta che ne ha determinato con il tempo, e in concomitanza di risvolti sociali favorevoli, lo smisurato sviluppo degli anni Sessanta, Settanta ed Ottanta del secolo trascorso.
E’ oggi che l’attenzione verso questi reati, estorsione ed usura in particolare, deve essere massima prima che questi fungano da volano per i futuri fasti della criminalità organizzata e mafiosa nostrana.  

martedì 4 novembre 2014

Yemen, al-Qua'ida, al-Houti and the future of the Arab world


Having recently captured the capital Sanaa 30,000 rebels, belonging to the Yemeni Shiite tribes who recognize themselves in the action of the insurgent movement al-Houthi have completed the President Abed Rabbo Mansour to form a new broad-based government by ensuring, if not, to be ready for any alternative solution.
The pressure exerted by the Shiite tribes, under the umbrella insurgent al-Houthi militia, has reached a crucial phase since it has practically obtained the goal of influencing the political life of the country if, as seems inevitable, the President Mansour shall comply with the request. The al-Houthi militia, it must be said, however, has announced the intention to continue to fight both the militants of al-Qaeda and both Americans and Jews, according to the well noted litany "Death to America, Death to Israel, Damn Jews and victory for Islam" chorus that evokes the times of the Iranian revolution whose followers seem to act in support of al-Houthi.
The clash between Sunni and Shiite factions repeats what is happening in Syria and Iraq by defining a scenario of all-out struggle between different conceptions of Islam and Islamic law.
So putting in a proper light that the issue is confessional and inside the Islamic world should be added that the decisive role in all these disputes is covered by the tribes that are the real, true and irrefutable master of the territory. The nineteenth-century idea of the nation-state, exported by the British and French colonialism, in these countries has failed and has no reason to exist and so did  the concept of democratic change that turned out to be ephemeral.
A century of nationalism has served the West to contain and control this territories. This is an obvious fact, and remains so, but it should be taken in consideration and  encouragement of a different political relationship with this world. What is the relationship, for example, we want to engage with the Islamic State? An exclusively military is absurd because unsustainable from an economic standpoint, but more importantly from the cultural and pragmatic perspective. Twenty years of war, military confrontation does not solved the issues on the table of diplomacy but it always create new ways of antagonism. The transition from the age of nation-states does not pass through the imposition of western model of democracy falling from a system that is based on a cultural and philosophical “journey” that the Arabs have not experienced. Rather it goes through the mediation of new and different forms of collaboration useful as a basis for future business relations even decades to come. I believe that it would be better to let these people organize themselves according to their own cultural patterns giving rise to a new phase of development in the area certainly attractive from the point of view of trade relations to the west. In this way you will also curb the  radicalism thanks to an interconnected world. The Arab Springs are the results of an instance starting from below, by the people, this is the real news that should be pointed out. In Egypt, the radicalism of the Muslim Brotherhood was defeated and deflated as soon as its policies have proved to be not in line with the needs of the population.
In essence, the efforts of military and cultural abuse have failed and so it should be good to give way to the most appropriate communications policy and sharing.
More than democracy it is the case to export ideas whose value counter effectively any radicalism of which no people feel naturally the need.

lunedì 3 novembre 2014

YEMEN, al-Qua‘ida, al-Houtni e il futuro del mondo arabo.


Dopo aver di recente occupato la capitale SANAA 30.000 ribelli, appartenenti alle tribù sciite yemenite che si riconoscono nell’azione del movimento insorgente di al-Houthi, hanno ultimato al presidente Abed Rabbo Mansour di formare un nuovo governo di ampia rappresentanza assicurando, in caso contrario, di essere pronti a qualsiasi soluzione alternativa.
La pressione esercitata dalle tribù sciite, sotto l’ombrello dell’insorgente milizia di al-Houthi, è giunta ad una fase cruciale poiché ha praticamente raggiunto lo scopo d’influenzare la vita politica del paese qualora, come sembra inevitabile, il presidente Mansour ne accolga la richiesta. Quest’ultimi, va detto, hanno comunque annunciato di voler continuare a combattere sia i militanti di al-Qaeda sia americani ed ebrei, secondo la litania ripetuta nelle piazze “Death to America, Death to Israel, Damn Jews and victory for Islam” ritornello che evoca i tempi della rivoluzione iraniana i cui epigoni sembrano agire a supporto di al-Houtni.
Lo scontro tra le fazioni sunnite e sciite ripete quanto accade in Siria ed Iraq definendo uno scenario di lotta senza quartiere tra differenti concezioni dell’Islam e della legge coranica con buona pace delle cosi dette primavere arabe.
Quindi, mettendo in giusta evidenza che la questione è confessionale ed  interna al mondo islamico va aggiunto che il ruolo decisivo in tutte queste dispute rivestito dalle tribù che sono le reali, vere e inconfutabili padrone del territorio. L’idea ottocentesca degli stati nazionali, esportata dal colonialismo inglese e francese, in questi territori ha fallito e non ha più ragione d’essere, figuriamoci come possa trovare albergo il concetto di alternanza democratica che si è rivelato effimero come ogni tentativo.
Un secolo di nazionalismo è servito all’occidente per contenere e controllare territori di cui si è servito; questa ovvia constatazione è, e resta tale, e deve essere assunta a viatico di una diversa politica di relazione con quel mondo. Che rapporto, ad esempio, vogliamo instaurare con lo Stato Islamico? Di tipo esclusivamente militare è assurdo anche perché insostenibile dal punto di vista economico, ma prima ancora dal punto di vista pragmatico e culturale. Vent’anni di guerre nell’area insegnano che il confronto militare non risolve le questioni sul tavolo delle diplomazie ma le acuisce creando sempre nuovi fronti di antagonismo. La transizione dall’epoca degli stati nazionali non passa attraverso l’imposizione del modello occidentale di democrazia calando dall’alto un sistema che si basa su di un percorso filosofico e culturale che gli arabi non hanno vissuto. Piuttosto passa per la mediazione di nuove e diverse forme di collaborazione utili quali base per le future relazioni anche commerciali dei prossimi decenni. Ritengo che oggi convenga lasciare che questi popoli si  organizzino secondo i propri modelli culturali dando vita ad una fase nuova di sviluppo nell’area senz’altro appetibile dal punto di vista delle relazioni commerciali per l’occidente. In tale modo non si alimenterebbe il radicalismo che in un mondo interconesso non avrebbe più il pretesto dell’occidente invasore e corruttore. Le primavere arabe sono il frutto di un’istanza partita dal basso, dal popolo, questa è la vera novità che deve essere assecondata. In Egitto il radicalismo dei fratelli musulmani giunto al potere è stato sconfitto e sgonfiato non appena le sue politiche si sono dimostrate non essere in linea con le esigenze della popolazione.
In sostanza gli sforzi di prevaricazione militare e culturale hanno fallito e quindi dovrebbe sarebbe un bene lasciare il passo alla più adeguata politica della comunicazione e condivisione.
Più che democrazia sarebbe il caso esportassimo idee il cui valore contrasterebbe efficacemente qualsiasi radicalismo di cui nessun popolo sente il bisogno ed a cui facilmente ricorre se non quado si ritiene prevaricato.




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...