sabato 30 agosto 2014

Hurricane, reconstruction and Crime


Recently the Mexican newspaper Reforma has revelead how criminal groups are making efforts to gain profit from intervening in the business of reconstruction following the Manuel and Ingrid Hurricanes that have hit in particular the Mexican state of Guerrero.
Catastrophes are an opportunity not only for the entrepreneurs and dinamica propone but also for Organized Crime.
Alfredo Arcos, the president of e Mexican Chamber of the Industry of Construction told the Reforma that "...criminal groups are claiming 5/10 percent of the contract price on reconstruction project..." 
It is incredibile to find out how criminale acts in the very same way all around the world facing the same problems or opportunity. For decades so far, Italian mafias: Cosa Nostra, Camorra and 'Ndrangheta asked the same percentage for any contract work to be done on the respective territories. It is  called    Pizzo 

more or less the same of the Mexican Piso incredibly even in phonetic sense. It should be considered as an additional taxation to be considered if you would like to get into the business, otherwise you will suffer the criminal retaliation such as kidnapping, arsonist attack, or ant the first step just threats. In Italy the system has worked smoothly for years and still does. All knows that you should pay to do business especially in specific regions; what has happened in the recent years is that this system works no more just the atavistic one such as those on the south, but this also on the North of the Peninsula.
As you maybe will know in the 2015 Milan Will host the World World exposition but since 2012, even thought it was predictable, there have been many investigations on rigged contracts and interference by the 'Ndragheta int the Construction's business.
In 1980 happened the same with the reconstruction of the Irpinia smaschera by a catastrophic earthquake. The the Camorra made millions getting directly involved in the economic reconstruction framework. It is clear that all knows about the this possibility but this si not enough to stop it. Why? This is the very important question to ask!
The answer is simple and at the same time articolate; above all no one in the economic world would like to avoid the chance to make business; then Organized Crime represent an opportunity on different ways. When an enterprise has the OC support no one will interfere, it will be possible to avoid many administrative trouble, the unions will be silenced and so on. By the OC point of view it is an opportunity not only for make money but -and this is the most dangerous effect for the society at large- to set a network of relationships that will help the OC to acquire more resilience which is the capacity to react and get rid of any problem you will face. The more you are resilient the easier will be avoid any pollice effort to fight you. Furthermore the Italian experience shows that thanking this capacity to infiltrate the period of reconstruction mafias gain so much money and power that it is possibile to define it as Karl Marks did in The Capital: "...Primary Capital...". This is the first step for any criminal network towards a more structured form of organization more and more dangerous for the collectivity be cause it involves the political and economical level. 

As suggested in the InSightCrime analysis the fragmentation of bigger cartels call for a diversification of activities by the smaller group no more capsule to relying just on drug trafficking. This is without any doubt agreeable but it conceal an even worst problem: the increase of resilience level. In fact When an OC set a network of relationships at local level, with time, it acquire power, influence the political scenario, the economic world and in the end the social life. So it will be tackled in every way and with any effort the criminal groups that are trying to take advantage by the Hurricanes damages and process of reconstruction.

mercoledì 27 agosto 2014

SOFT POWER - Russia and Moldova


This summer is really unmanageable; as if representing climatically a metaphor for what is happening around the world; a planet increasingly shaken by conflicts of various nature. In this framework, it is possible to find further confirmation about my belief that the organized crime represents a force in the field in the big geopolitical game, able to play on different floors even being not an unitary subject.

The Eurasian landmass is shaken to its extreme by macro geopolitical dynamics indicating the weakening of American hegemony based on the dollar as a reserve currency, the hard military power, on NATO and its consequent ability to pressure on the European allied forces. However, the fever of hegemony which has pervaded the United States for a decade, and certainly at least until 9/11, is gradually turning into a schizophrenic inability to face the reality of the world that in the meantime is stirred with violence searching for a new, and especially different equilibrium.
Russia, squeezed between the geopolitical unrest in the east and the west, warns an annoying sense of encirclement in which we Europeans, mostly for guilty subservience to American interests, contribute. Russia has in front of her a vital strategic goal: become a global power released by the economy linked to the exploitation of primary resources that does not itself generate internal development. However, this challenge ends up in a second floor, and remains latent in the agenda of Moscow, as the government administration is engaged with all his strength in the management of the energy-dossier that today holds absolute priority and draws the geopolitical lines for the future entire structure of international relations.
Without no go further in this fascinating subject, and after pointing out the cases of the 2008 war with Georgia and the one still in solution in Ukraine for control of the Crimea and his port of Sevastopol historic seat of a substantial part of the Russian fleet, I would bring attention to the next area of conflict in Europe: Moldova.
The common foreign and Russian defense ministers are providing efforts on the containment of the advance of Western influence into their –vital space- which obviously Russia can not giving up as the conflicts mentioned above clearly show.
The Moldova issue has to be discussed and understood in this geopolitical environment. Romania and Moldova means Europe. Vladimir Putin is aware that Russia cannot engage in any form of direct military interference, as  happened in Georgia and Ukraine, because Europe could not stay inert as well as NATO itself. This is a geostrategic quadrant and here the game should be played with different assets: one, the soft power,  which Moscow, since the days of the Cold War, was no longer accustomed to use. 
Soft power means the ability to exploit intelligence, diplomatic pressure and energy, but also exploiting organized crime. An example can be found in the region of Slavic origin the self-proclaimed Republic of Transnistria (Russian Приднестровская Молдавская Республика http://mfa-pmr.org/, Moldova, Republic of Pridnestrov'e, which is a de facto independent State not recognized by the members countries of the UN, being considered de jure part of the Republic of Moldova) that represent a favorable and real environment to any illegal and criminal activities carried out even by many states and which Russia itself supports. From Moldova, Romania, Bulgaria, and Greece, it unravels the crime Slavic, Russian, but also Armenian, and Georgian, which in vying for supremacy in their own home, and more generally in the Russian-speaking criminal world, exports their illegal activities throughout Europe which manages to dredge million euro that reinvests in illegal activities whose final profit is generating power.
When the issue of Moldova, will take the place of the Ukraine, is certain that Moscow, unable to cope with the NATO militarily because art. 5 of the NATO treaty http://www.nato.int/cps/en/natolive/official_texts_17120.htm    that focuses on the allotment Romania, as a country belonging to the forum, from possible invasions, will exercise his soft power fueling the fire of nationalist claims of minorities such as that of Gaugazi, Turkish and Orthodox Christians, thanks to the intervention of organized crime in the whole area that is strongly rooted and able to build a political coalition and so influencing and conditioning the public opinion.  In short, the control of organized crime is increasingly an additional asset for the great powers certainly do not give up. Since a nearly a decade, the Russian criminal world is shaken by a criminal war between the Georgians and between them and the Slavic factions for the control of both the illegal and legal business in Russia, Europe and across the ocean; see Terrorism, civil wars and crime, how does it works?   . These bloody disputes also viewed theater as Italy, France, Spain and Greece considered as the territories to conquer and exploit, Greece as a free port also useful for logistical issues. For Moscow have a fifth column to exploit is a valid option as for all states. In fact, they have never disdained the use of criminal networks when they felt the need. So, when we turn on the spotlight on the future more than likely theater of Russian-European friction of Moldova we should also consider the influence generated by criminal forces in the crisis to come.
In short, my dear, this world is changing rapidly and it is certainly not the case to relate to these changes with the old conceptual categories of the twentieth, or even worse, of the nineteenth century: organised crime is very useful to the states, economy, politics and many other actors in our society; this approach is useful for understanding the phenomena that all condemn but few address.

lunedì 25 agosto 2014

SOFT POWER - La Russia e la Moldavia


Quest’estate è veramente ingestibile, quasi a rappresentare climaticamente una metafora di quanto sta accadendo in giro per il mondo; un pianeta sempre più scosso da conflitti di varia natura e genere. In tale quadro trova ulteriori e nuove conferme la mia convinzione che la criminalità organizzata rappresenti una forza in campo nel grande scenario geopolitico mondiale, capace di giocare su piani diversi pur non essendo un soggetto unitario. 
La massa eurasiatica è scossa ai suoi estremi da macrodinamiche geopolitiche -parallele e convergenti- che indicano l’indebolirsi dell’egemonia americana fondata sul dollaro quale moneta di riserva, sull’hard power militare, sulla NATO e relativa conseguente capacità di pressione sulle forze alleate europee. Tuttavia, l’ubriacatura da Potenza Unica Mondiale, che ha pervaso gli Stati Uniti per un decennio, e sicuramente quantomeno fino all’11/9, si va via via trasformando in schizofrenica incapacità di affrontare la realtà del mondo che nel frattempo si agita con violenza alla ricerca di nuovi, e soprattutto diversi, equilibri.
La Russia, compressa fra i sommovimenti geopolitici ad oriente e ad occidente, avverte un fastidiosissimo senso di accerchiamento a cui anche noi europei, più che altro per colpevole asservimento agli interessi statunitensi, contribuiamo. La Russia ha davanti a se un obbiettivo strategico vitale: divenire una potenza globale svincolata dall’economia legata allo sfruttamento delle risorse primarie che non genera di per sé sviluppo. Tuttavia, questa sfida finisce in secondo piano, e resta latente nell’agenda di Mosca, poichè l’amministrazione governativa è impegnata con tutte le proprie forze nella gestione del dossier energetico che oggigiorno riveste assoluta priorità e disegna le linee geopolitiche portanti dell’intera struttura delle relazioni internazionali.
Senza prolungarmi oltre in questa pur affascinante materia, e dopo aver rammentato i casi della guerra del 2008 con la Georgia e quella ancora in via di soluzione in Ucraina per il controllo della Crimea, ma soprattutto del porto di Sebastopoli sede storica di una corposa parte della flotta russa, porterei l’attenzione sul prossimo certo territorio di scontro in Europa: la Moldavia treccani.it .
La politica estera e di difesa russa prevede il contenimento dell’avanzata dell’influenza occidentale verso il proprio spazio vitale a cui non può ovviamente rinunciare come i fatti di guerra sopra citati evidenziano chiaramente. 
La questione Moldavia si deve inquadrare politicamente in questo preciso ambito. Moldavia vuol dire Romania e questa vuol dire Europa. Vladimir Putin è consapevole di non poter esercitare alcuna forma d’ingerenza militare diretta, diversamente da quanto avvenuto in Georgia ed Ucraina, poichè l’Europa non potrebbe restarsene inerte così come la stessa NATO, e quindi, in questo quadrante geostrategico, la partita si giocherà ricorrendo ad un mazzo di carte differente: quello del soft power di cui Mosca, dai tempi della guerra fredda, non era più abituata a servirsi. Soft power vuol dire sfruttare la capacità d’intelligence, di pressione diplomatica e di ricatto energetico, ma anche d’impiego della criminalità organizzata. Un esempio di quanto questa regione sia sensibile sotto questo profilo lo si trova nel post Terrorism-civil-wars-and-crime-how-does it work nel quale traccio alcuni profili connessi all’operatività della criminalità organizzata di origine slava che nella regione dell’auto proclamata repubblica di Transnistria (in russo Приднестровская Молдавская Республика, Repubblica Moldava di Pridnestrov’e, è uno stato indipendente de facto non riconosciuto dai Paesi membri dell' ONU, essendo considerato de iure parte della Repubblica di Moldavia) ha trovato un ambiente favorevole a qualsiasi attività illegale e criminale con il sostegno anche di diversi stati tra i quali la stessa Russia che ha supportato, ma più prosaicamente voluto, la creazione di quest’area franca nel cuore europeo.
Dalla Moldavia, dalla Romania, dalla Bulgaria, e dalla Grecia, si dipana la matassa della criminalità slava, russa, ma anche armena, e georgiana, che nel contendersi il primato in casa propria, e più in generale nel mondo criminale russofono, esporta le proprie attività illegali in tutta Europa da cui riesce a dragare milioni di euro che reinveste in attività illecite il cui profitto finale genera potere. 
Quando la questione Moldava, prenderà il posto di quella Ucraina è certo che Mosca, non potendo fronteggiare la NATO militarmente a causa dell’art. 5 del trattato NATO Trattato_Nato.pdf che mette al riparto la Romania, quale paese appartenente al consesso, da eventuali invasioni, farà esercizio di soft power alimentando il fuoco delle rivendicazioni nazionaliste delle minoranze come ad esempio quella dei Gaugazi www.balcanicaucaso.org di origine turca e cristiano-ortodossi, grazie anche all’intervento della criminalità organizzata che nell’intera area è fortemente radicata ed in grado di coalizzare forze politiche determinanti per il condizionamento della pubblica opinione. Insomma, il controllo della criminalità organizzata rappresenta sempre di più un ulteriore asset a cui gli stati e le grandi potenze certamente non rinunciano. Da oramai un decennio il mondo criminale russo è scosso da una guerra intestina alla componente georgiana e tra queste e quella propriamente slava per il controllo di grandi affari criminali e legali in Russia, in Europa e anche oltre oceano. Queste sanguinose dispute hanno visto anche quale teatro l’Italia, la Francia, la Spagna e la Grecia considerati i primi come territori da conquistare e sfruttare, la Grecia quale porto franco utile anche per questioni logistiche. A Mosca avere una quinta colonna a cui eventualmente far ricorso non dispiace affatto, ma attenzione questo è un assunto valido per tutti gli stati, anche democratici. Essi infatti non hanno mai disdegnato il ricorso a patti con la criminalità quando ne hanno avvertito la necessità. Quindi, allorché si accenderanno i riflettori sul futuro più che probabile teatro di frizione russo-europeo della Moldavia dovremo considerare anche l’influenza generata dalla forze criminali nella crisi a venire.
Insomma, miei cari, questo mondo cambia velocemente e non è certo il caso di rapportarsi a questi mutamenti con le vecchie categorie concettuali del ventesimo, o ancor peggio del diciannovesimo secolo. La criminalità organizzata è utilissima agli stati, all'economia, alla politica ed a molti altri attori delle nostre società. L'ipocrita presa di distanza da questo fenomeno accontenta le menti semplici -nella migliore accezione- che conservano una visione manichea del bene e del male. Questo approccio non è purtroppo utile per comprendere i fenomeni criminali che tutti condannano ma pochi affrontano. 



venerdì 22 agosto 2014



Un anno. Tanto è il tempo impiegato per arrivare ad oggi continuando e perseverando caparbiamente nella ricerca dei migliori argomenti per comunicare quanto la criminalità organizzata, in ogni sua manifestazione, apporti nocumento alla società.
Innanzi tutto certa è la soddisfazione per i risultati raggiunti, buon viatico per i futuri sforzi in questo progetto. I riconoscimenti, a livello internazionale e nazionale, provenienti dal mondo accademico, da quello dei pratictioners, dal mondo dell’informazione, dell’editoria, e dei naturali destinatari di questi sforzi, i cittadini, non mi lusingano ma piuttosto mi costringono ad un maggiore impegno. Il primo passo è stato fatto nella giusta direzione e su questo cammino continueremo.
Le linee generali d’interesse continueranno a prevedere l’analisi dell’evoluzione delle diverse manifestazioni criminali nazionali ed internazionali, i fenomeni che esse generano e i risvolti geopolitici che determinano. Maggiore sforzo sarà profuso nel tentativo di far comprendere quanta ipocrisia si nasconda nell’approccio a questi fenomeni da parte dei diversi attori coinvolti a tutti i livelli spinti sempre da interessi di parte. Il tema fondamentale per l’anno a venire riguarderà la Corruzione ossia il primo dei mali da sconfiggere per contenere la criminalità organizzata. Contemporaneamente, anche in ragione dei recenti sviluppi geopolitici internazionali, approfondiremo il tema cardine della nostra attività ovvero l’analisi degli effetti geopolitici generati dalla criminalità organizzata nel mondo globalizzato.
Grazie



giovedì 7 agosto 2014

La Corruzione e La Mandragola.


La panacea nella lotta alla criminalità organizzata, di ogni tipo, é una sola: la sconfitta o più realisticamente il contenimento fisiologico della corruzione. 
Premessa la necessità -ineluttabile ed indiscutibile- dell'esistenza della criminalità in ogni società, e liberando il campo dal velo d'ipocrisia perbenista che la dipinge come un fattore sociale eliminabile, le società occidentali contemporanee hanno sviluppato forme particolari di criminalità di natura oggettivamente economico-finanziaria. L’attore criminale, oggi, parte  spesso, ma non necessariamente, da situazioni di disagio che tende a risolvere attraverso attività illecite laddove queste siano remunerative al netto del calcolo costi vs benefici. Questo calcolo non riguarda la sola criminalità organizzata, ma spesso anche il cittadino che, a titolo d’esempio, si trova a dover fronteggiare una burocrazia opprimente. Tutte le forme di criminalità organizzata, le più pericolose in relazione al danno sociale che producono, hanno bisogno di ricorrere alla corruzione; è uno strumento vitale poichè  genera compromessi, potere e resilienza, ossia capacità di risposta all’attività di contrasto della legge. Questo tema avrà un più diffuso svolgimento e troverà spazio nel prossimo scritto che mi sta occupando di recente; tuttavia mi preme sin d’ora accennare all’assoluta necessità di mettere la corruzione al centro della lotta alle mafie ed alla criminalità organizzata in genere.
“…or mi parete voi quel religioso che io credevo che voi fussi…” questa frase estratta da La Mandragola, di Nicolò Machiavelli, sc. IV-66, potrebbe di per sé stessa essere usata quale viatico per la scrittura di un trattato sulla corruzione. Ovviamente non ambendo a tanto mi soffermerò più modestamente sul concetto generale che se ne può derivare, invitando tuttavia alla rilettura o, per chi non ne avesse avuto modo, alla scoperta di questa magnifica Commedia cinquecentesca che spiega con eloquio mirabile quale sia il profondo tessuto psicologico che lega l’essere umano alla sua corruttibilità. 
Quando il Machiavelli scrive questa Commedia sta attraversando un periodo di forzato esilio dopo che le vicende fiorentine lo avevano portato, al termine della sua Seconda Segreteria ed un’intensa attività diplomatica, a trascorre un lungo periodo in sua casa di campagna. Sarà questo rovescio professionale a regalare ai posteri le opere principali del Machiavelli. “…or mi parete voi quel religioso che io credevo che voi fussi…” come accennavo descrive in sé due comportamenti: il primo del corruttore ed il secondo del corrotto. 

La trama della Mandragola è semplice e richiama, ad una lettura semplicistica e superficiale, alle novelle boccaccesche dalle quali si discosta oltre che per motivi di stile, sopratutto per l’oggettiva forza che essa ed i suoi personaggi sprigionano pur non trattandosi di un’opera moralistica o didattica. Il giovane Callimaco vuole ottenere le grazie di madonna Lucrezia che, come del resto il marito Nicia, borioso, saccente e spocchioso, brama un figlio. Su questo desiderio, e quindi punto debole, farà leva il giovane affidandosi all’aiuto di un truffatore Ligurio che corromperà, appunto un frate affinché induca la donna a giacere con Callimaco. In questo rapporto tra Ligurio ed il frate ,Machiavelli esprime l’essenza della corruzione, ed appunto è Ligurio che sonda la possibilità di corrompere il frate con discorsi tendenziosi finché questi non gli disvelerà la propria assoluta disponibilità dietro -ovviamente- compenso. Quindi, i due personaggi raffigurano l’incontro di due esigenze quella di ottenere un fine, da parte di Ligurio, e quella di ottenere un vantaggio per sé, quello del frate. E’ importante notare che quando Ligurio avvicina il frate sa già che il suo tentativo potrà avere successo come desumibile da “…quel religioso che io credevo che voi fussi…” e si tratta quindi solo di verificarne la disponibilità ad essere corrotto. L’uomo integerrimo, incorruttibile, probo e onesto -come si diceva un tempo- difficilmente verrà avvicinato dal Ligurio di turno, tutt’al più quest’ultimo dovrà ricorrere ad altri sistemi se proprio non può farne a meno per piegare alla propria volontà l’incorruttibile; di solito si tratta dell’eliminazione fisica e qui ci sta il ricordo di quanti hanno pagato con la vita la propria avversione alle mafie.
Perché ho intesto tornare alle pagine scritte dal Machiavelli? Per parlare di corruzione, mi pare ovvio; la corruzione è propria dell’animo umano, non voglio, e non lo farò, ricordare su cosa si basa il peccato originale secondo la dottrina cattolica, su di un atto di corruzione. 
Essa, la corruzione, prevede sempre tre elementi costitutivi: un soggetto che vuole ottenere uno scopo, un secondo, dotato di una specifica peculiarità, pronto a favorirlo venendo meno e quindi rompendo un legame di fedeltà verso una terza parte che alla fine è quella che subisce il danno maggiore. Traslato in altri termini possiamo così rappresentare la situazione: Ligurio incarna la criminalità organizzata, il frate il pubblico ufficiale corrotto e madonna Lucrezia lo Stato che vede offesa la fiducia riposta nel suo rappresentante. Queste relazioni sono sempre presenti nei fenomeni di corruzione non solo pubblica ma anche privata; il legame di fedeltà che lega un dipendente alla propria azienda non è diverso da quello del pubblico ufficiale verso la pubblica amministrazione. Ovviamente andrebbero fatti dei logici distinguo, ma appare evidente tanto da non meritare uno specifico approfondimento.
Quando Ligurio/criminalità organizzata riesce a corrompere il frate/pubblico ufficiale, ha violato un caposaldo dell’autorità statale ovvero la sua sovranità che si fonda sulla fiducia in esso riposta dalla comunità che amministra, cioè a dire, ciascuno di noi. Se questo è il danno, non certo trascurabile per i cittadini, il vantaggio che la criminalità acquisisce è esponenzialmente devastante poichè costruisce un legame che diverrà oggettivamente indissolubile con una pedina importante, il corrotto, che oramai dopo il primo peccato - anche semplicemente veniale - sarà e resterà alla mercé del ricatto criminale.
Non va neanche sotteso il ruolo che assume il marito di Lucrezia, Nicia nell'intera struttura compositiva; l'uomo, già descritto nelle sue principali caratteristiche é tristemente paradossale poichè per raggiungere il suo scopo, avere un erede, é pronto a concedere la propria moglie ad uno sconosciuto che attiri su di se il veleno della Mandragola necessaria per facilitare la procreazione. Beh questo ruolo si attaglia perfettamente, in modo particolare al politico di turno che, pur di ottenere i voti, un seggio, un ruolo, una carica è pronto a ricorrere ai servigi di qualsiasi personaggio. Nicia è pragmatico poichè volendo un figlio è pronto a mettere da parte qualsiasi remora morale e per questo fine disposto a qualsiasi compromesso.
Ma come se non bastasse non è finita qui, il paradosso, la beffa, questa si veramente boccaccesca, è che madonna Lucrezia non solo ci sta a donare la sua - virtù - al seduttore e truffatore Callimaco ma ci prende tanto gusto da giurargli complicità eterna alla faccia del marito. Ora ditemi voi se una Commedia scritta nel 1512 non raffigura perfettamente ancora oggi il vizio italiano di giacere con gusto con il truffatore e corruttore di turno e pure bearsene. 
Se qualcun leggendo intravedesse in questo post una critica all'Italia sbaglierebbe. Una critica non all'Italia ma agli italiani, ecco questo é il suo scopo.




venerdì 1 agosto 2014

Corruption: the ultimate evil.


I have been asked several times about the way to avoid the effects of organized crime activities both at national and transnational level. The only answer sounds logical for me is the implementation of two differences policy; the first is the education to honesty, the second is the construction of a transparent administrative environment in which corruption will have only physiological and not chronic level.
This is the very simple way to overthrow organized crime all around the world, even the more vicious one: the mafia type organization.

Lets  put an eye on this two recent news:
“…El primo del empresario chino, Zhenli Ye Gon fue condenado a 25 años de prisión por su responsabilidad penal en la comisión de los delitos de delincuencia organizada con la finalidad de cometer delitos contra la salud. A través de un boletín de prensa emitido por el Poder Judicial de la Federación, informó que Ye Yong Qing, recibió la sentencia luego de haberse encontrado pruebas que fue integrante de la organización delictiva comandada por su primo, auxiliaba en la fabricación de psicotrópicos en el edificio construido en Toluca, Estado de México, que era utilizado para esos fines. Las autoridades judiciales determinaron que sí fungió como socio en la constitución de una empresa con dinero de actividades ilícitas provenientes de la producción de los psicotrópicos denominados efedrina, pseudoefedrina, acetato de efedrina y N- acetilmetanfetamina, principios activos que se utilizan para la elaboración de drogas sintéticas…”  laverdadnoticias.com 

“…Operazione della Guardia di finanza in collaborazione con l'Ufficio antifrode dogane. La sostanza stupefacente era occultata in due container che trasportavano legname provenienti dal Cile…I finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, insieme a funzionari dell'Agenzia delle dogane-Ufficio antifrode di Gioia Tauro, hanno individuato e sequestrato nel porto di Gioia Tauro 85 chilogrammi di cocaina purissima. La sostanza stupefacente era occultata in due container che trasportavano legname provenienti dal Cile. L'operazione, coordinata dalla Procura della Repubblica di Palmi, è stata eseguita attraverso una serie di incroci documentali e successivi e controlli di container sospetti, anche con l'utilizzo di apparecchiature scanner. La cocaina sequestrata, con la vendita al dettaglio, avrebbe fruttato circa 17 milioni di euro. L'attività della Guardia di finanza, in sinergia con l'Agenzia delle dogane, si inserisce nell'ambito della più generale intensificazione delle attività di controllo volte al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti nel porto di Gioia Tauro che ha portato, dall'inizio dell'anno, al complessivo sequestro di 945 chilogrammi di cocaina…” www.gazzettadelsud.it 
As you can simply infer we are talking about two of the more vicious transnational organized crime networks: Chinoise and Calabrian ‘ndrangheta. 
Both have established strong relationships all around the world and consequently the very fundamental question is how they did it, how it was possible, are they some kind of Spectre? No, simply both - as many other criminal organizations - can count on the capacity of corruption derived from the money they can offer in exchange of the illegal favor that public official can assure to make it possible, i.e. to pass the customs controls in ports or airports. 
Of course this example shows the simplest way to give only an idea on the modus operandi of organized crime. If there was no help by the corrupt officials it would have been very difficult for criminals to enter drugs in Mexico (news 1) or in Italy (news 2).
So  to summarize this first post on corruption it should take in account that corruption is one of the more important facilitators for organize crime at large. 
It is not a coincidence that in 2000 two Convention were adopted by the international community:
  • The United Nations Convention against Transnational Organized Crime, adopted by General Assembly resolution 55/25 of 15 November 2000, is the main international instrument in the fight against transnational organized crime, www.unodoc.org;
  • In its resolution 55/61 of 4 December 2000, the General Assembly recognized that an effective international legal instrument against corruption, independent of the United Nations Convention against Transnational Organized Crime (resolution 55/25, annex I) was desirable and decided to establish an ad hoc committee for the negotiation of such an instrument in Vienna at the headquarters of the United Nations Office on Drugs and Crime, www.unodoc.org.
Once convening on the danger posed to the development of countries by the organized crime, it was consequently logical to find the way to better tackle it and so establishing that the first important step should have been build an international legale framework to fight corruption.

This is a general idea about this fundamental matter on which I am paying my attention in order to understand the concrete way the corruption affect the society, helping - at the same time - the organized networks to gain power and influence.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...