venerdì 4 febbraio 2011

La Fratellanza Mussulmana - The Muslim Brotherhood

La fratellanza Mussulmana.
L’occidente, ed il resto del mondo, ora che in Egitto si è avviato il processo di transizione verso una nuova forma di governo, magari anche parlamentare, si interroga su quelli che potrebbero essere i futuri scenari, e le relative conseguenze, sugli equilibri dell’intera area.
Ovviamente parliamo della pubblica opinione, nella speranza, più che nella certezza che i governi e le relative autorità a questo preposte: diplomazia e servizi d’informazione, vi abbiano pensato per tempo e non siano stati, come traspare da più parti, presi alla sprovvista anch’essi.
La nostra ricerca è rivolta alla conoscenza, magari anche non approfondita ma perlomeno non troppo approssimativa, degli attori che in questo processo giocheranno un ruolo e parte del proprio destino futuro.
Trai primi merita un posto di rilievo, per ovvi motivi, la Fratellanza Mussulmana. Quest’organizzazione a carattere fideistico di matrice mussulmana é stata costituita nel 1928 nella città di Ismailia da un insegnate Hassam al Banna. E’ unanimemente considerato il primo movimento organizzato moderno di rinascita mussulmana con una marcata vocazione sociale e ideologica. Tuttavia, con il tempo, l’organizzazione dei fratelli mussulmani ha finito per assumere sempre più connotati e peso politico confrontandosi con la realtà del moderno Egitto. Dopo aver fornito in chiave anti britannica il proprio sostegno al nazismo, si è alleata con Nasser in funzione anti monarchica favorendo il colpo di stato che oltre a destituire la monarchia ha permesso ai militari la presa del potere che dura ancora oggi. Quest’ultimi non si sarebbero con il tempo dimostrati particolarmente riconoscenti visto che ciclicamente hanno tentato l’annichilimento del movimento mussulmano, senza peraltro riuscirvi. Un movimento con vocazione ideologica tant’è che le idee diffuse nel mondo arabo-mussulmano attecchiranno in diverse forme dando vita, ad esempio, ad Hamas nel 1987, oppure influenzando i movimenti siriani fino a delineare il pensiero islamico radicale proprio di Al Quaeda.
Oggi questo movimento si trova paradossalmente, visto che l’obbiettivo primario sin dalla costituzione era il rovesciamento del regime in funzione islamica, suo malgrado non essendone stato l’artefice, ad essere l’attore principale, potendo contare su un consenso radicato, in una transizione probabilmente democratica verso un nuovo assetto istituzionale in Egitto.   




The Muslim Brotherhood.

The West and the rest of the world, now that Egypt has begun the process of transition towards a new form of government, maybe even parliamentary questions on what could be the future scenarios and their consequences on the balance the whole area.
Of course we speak of public opinion in hope than in certainty that governments and relevant authorities responsible for this: diplomacy and intelligence services, they have time to think and have not been as evident by many, taken by surprise too.
Our quest is for knowledge, maybe not deep but at least not too rough, the actors who play a role in this process and part of their future destiny.
Trai first deserves a prominent place, for obvious reasons, the Muslim Brotherhood. The organizational character array Muslim creed was established in 1928 in the city of Ismailia by a teacher Hassan Al Banna. It is widely considered the first organized movement of modern Muslim resurgence with a strong ideological and social vocation. However, over time, the organization of Muslim brothers ended up hiring more connotations and political clout to confront the reality of modern Egypt.
After providing key in its support for British anti-Nazi, has teamed up with Nasser as an anti royalist supporting the coup that in addition to overthrow the monarchy allowed the military to power that continues today. The latter would not have been particularly grateful for the time as cyclical attempted annihilation of the Muslim movement, but without success. A movement with ideological vocation so much so that ideas spread in the Arab-Muslim world have taken root in various forms, creating, for example, to Hamas in 1987, or by influencing the movements shape the Syrians until their radical Islamic thought of Al Qaeda.

Today, this movement is, paradoxically, since the primary objective since the constitution was the overthrow of the Islamic regime in operation, in spite of been not the author, to be the main actor, relying on a consensus rooted in a probably democratic transition towards a new institutional set-up in Egypt.