venerdì 29 ottobre 2010

Avvertimenti dei narcos video


I cartelli su Internet documentano le loro azioni. Filmati girati da vigilantes e militari imitano quello dei qaedisti
http://www.corriere.it/Media/Foto/2010/10/28/z_b1--180x140.jpg

WASHINGTON – L'ultimo video è comparso su Youtube pochi giorni fa. Mostra un ostaggio tenuto sotto la minaccia delle armi da alcuni uomini in divisa e mascherati. L’uomo è il fratello di Patricia Gonzalez, ex procuratore della repubblica a Chihuahua (Messico): nel video racconta dei legami di sua sorella con “La Linea”, braccio armato del cartello di Juarez. Accuse respinte da Patricia Gonzalez che grida al complotto “organizzato da poliziotti”.
RIVELAZIONI - Una settimana prima altro video. Un "prigionieri" rivela che la scomparsa di una ventina di turisti ad Acapulco è da attribuire ad una gang composta da agenti e criminali. Il web e Youtube sono pieni di filmati girati da narcos, vigilantes, militari e banditi. Alcuni possono essere dei falsi, ma altri – purtroppo – sono veri. Infatti, spesso gli autori fanno ritrovare i corpi senza vita dei protagonisti dei video.
DOCUMENTO - L’11 ottobre, in calle Montemayor a Ciudad Juarez, la polizia ha recuperato il cadavere di Gabriela Galvan. Nove giorni dopo è apparso su Youtube una registrazione, lunga nove minuti e sei secondi, dove la donna confessa di essere coinvolta in estorsioni per conto della Linea. Imitando i gruppi qaedisti – alcune immagini somigliano a quelle dei militanti in Iraq -, i cartelli usano Internet per documentare le loro azioni. Filmati spesso accompagnati da brani di narcocorridos, uno stile musicale popolare nel nord del paese. Il tema dei video è quasi sempre lo stesso: provare la collusione tra apparati dello stato e l’organizzazione rivale.
MINACCE WEB - Diffondendo i video, i narcos perseguono diversi obiettivi. Creano un canale di comunicazione alternativo, alimentando anche il gran numero di siti che “coprono” la faida. Minacciano gli avversari smascherando network e complicità. Seminano dubbi in una popolazione ferita e stanca: il cittadino crederà alle fonti ufficiali o a quello che rilanciano i criminali? Dimostrano di essere in controllo: lo prova il video di un commando che sistema uno striscione lungo una via trafficata. Infine, indeboliscono le autorità. Sperando di prendere il sopravvento.
EROINA - In questi ultimi mesi i cartelli si sono resi responsabili di stragi indiscriminate. Come quella avvenuta nel pomeriggio di ieri a Tepic (stato di Nayarit): 15 persone che lavoravano in un autolavaggio sono state freddate a colpi di mitra. Sembra che buona parte delle vittime frequentasse un centro di riabilitazione per tossicodipendenti. Nella regione di Tepic viene prodotta un'eroina speciale poi venduta sul mercato americano da spacciatori provenienti da questa cittadina. Il massacro segue altri due attacchi simili, nell’arco di 72 ore, avvenuti a Ciudad Juarez e Tijuana.
VENEDETTA - Lo stesso presidente Felipe Calderon ha ammesso di non comprendere il movente di questi assalti che non paiono collegati: «Sono persone fuore di testa», ha affermato. Gli investigatori, invece, ipotizzano che i cartelli si stiano contendendo la “gestione” dei tossicodipendenti e puniscono coloro che si riforniscono dai rivali. Per il massacro di Tijuana, però, c’è un secondo scenario. Agghiacciante. Una vendetta dei narcos dopo il sequestro da parte della polizia di 134 tonnellate di marijuana. Inserendosi nelle comunicazioni radio della polizia, i criminali hanno avvertito: «Questo è solo l’inizio. Uccideremo 135 persone per compensare le 134 tonnellate perse».

giovedì 28 ottobre 2010

COME DICEVA RENATO FUCINI: “LA PUNTEGGIATURA È IMPORTANTE!”.

Mediatore linguistico culturale e studioso dei fenomeni di criminalità transnazionale e geopolitica della criminalità linguistical

Forzando la struttura delle parole di presentazione del blog vorrei invitarVi a riflettere su quella che ritengo sia, da diverso tempo oramai, la criminalità linguistica (dovremmo farci carico di inserirla a pieno titolo nei reati contro la persona). Non se ne può davvero più di ascoltare parolai che hanno scamuffato il reale significato delle parole. Il Nostro obbiettivo deve essere quello di riappropriarci delle parole e di usarle per il loro significato originale.

Saluti!

XX RAPPORTO SULL'IMIGRAZIONE DOSSIER STATISTICO 2010

Benché generato dalla CEI, il dossier nel corso degli anni, grazie anche alla lucidità mentale di Don Di Liegro (sono sempre i migliori che se ne vanno!), ha fornito un quadro sufficientemente realistico sul fenomeno migratorio in Italia.
www.dossierimmigrazione.it

mercoledì 27 ottobre 2010

LOS ZETAS e la guerra contra las drogas


Los Zetas
Antonio De Bonis
publicado www.cesi-italia.org
Los Zetas

En México, la guerra contra las drogas sigue viviendo una temporada sin precedentes de la sangre. Esta guerra tiene sus raíces en la derrota militar en los años 90, los carteles colombianos de Medellín y Cali, los traficantes de drogas. Las autoridades de la República de Colombia, también debido a la presión ejercida por la comunidad internacional y su contribución activa, han desmantelado estas dos poderosas organizaciones implicadas en la gestión global de la cocaína producida en el área andina. El éxito efímero alcanzado por las autoridades colombianas ha llevado a un vacío de poder momentánea ha sido llenado por otros actores, tales como la imposición de las leyes del mercado. Esta lógica ha funcionado como un motor para el crecimiento explosivo del poder económico, militar, y luego los dos grandes sindicatos criminales que operan en México en esos años: el cártel de Sinaloa y el Golfo. Los dos carteles controlado y siguen controlando parte de la parte oriental, el cártel del Golfo, y al oeste con Sinaloa, la Sierra Madre mexicana. Ambos tienen rápidamente aprovechado el papel que les asigna los hechos colombianos teniendo la oportunidad de crecer de los facilitadores mero de tráfico en el territorio a los traficantes de drogas al tomar el control de gran parte de la cadena penal, relegando a las organizaciones colombianas para gestionar en exclusiva la producción de cocaína. En términos económicos, esto implicaba la adquisición de los flujos de dinero que han causado un terrible apetito por los competidores potenciales. Para protegerse frente a ninguna de las organizaciones de oposición, el cártel del Golfo, por una parte, advirtió esta situación de emergencia. A falta de tiempo y saber cómo cooptado a su servicio un grupo de desertores del ejército mexicano, los Zetas. La entrada de la droga de Los Zetas en la escena de México y Estados Unidos, ha desencadenado una nueva dinámica que ha llevado, hoy en día, los otros signos para eliminar la Confederación para el nuevo operador. La unidad militar de los Zetas se estableció en 1994 como un cuerpo de élite del Ejército Mexicano para combatir el brote en el estado de Chiapas. Con este fin hemos seleccionado unas pocas decenas de elementos de las unidades especiales del ejército mexicano. Chiapas, así como las reclamaciones y las fuerzas revolucionarias, un estado mexicano es de gran importancia para el tránsito de la cocaína de los países andinos a los productores en México y luego a los mercados mundiales. En este contexto, entonces, haber incumplido la necesidad de contrarrestar la insurgencia en Chiapas, en 1999, la mayoría de los miembros de Los Zetas desertó ofreciendo sus servicios al cártel del Golfo que había la necesidad primordial de garantizar la protección de su tráfico de los apetitos de otras organizaciones criminales. La zona de operaciones cubiertas organización criminal en México, toda la costa del golfo del mismo nombre, al sur de la frontera con Texas, y decenas de ciudades en estados como Nueva York. El nombre de la unidad, que provenía de la última letra del nombre de su comandante, se mantuvo en su penal nuevo, porque la letra "Z" es el identificador de la radio de la policía municipal en México, como una manera de enfatizar el control del territorio por la operación Los Zetas en simbiosis con la policía local corrupta. La organización de la unidad, el modelo de la adaptación a las nuevas necesidades militares. Detrás de los Hawks de operación en calidad de vigías, el COBRA NUEVAS o L, que hacen el trabajo de los trabajadores penal, los ANCIANOS COBRA hacerse cargo de la cobra nueva, el nuevo de Los Zetas a la que se añaden elementos de kaibiles, las fuerzas especiales de Guatemala, y finalmente a Los Zetas superior ANCIANOS de la pirámide de mando. Las armas de la guerra se está dando prioridad AK-47, G3, M-16, Barret M82, MP5 y HKP7. La estructura cuenta con un gerente para cada plaza, que a su vez con el apoyo de un asesor, un contador y un oficial de seguridad. Los Zetas operan en movimiento en una formación típica conocida como La Estaca, es un auto-patrulla con cuatro o cinco elementos diferentes del nivel operativo y cuyo comandante es por lo general un alto Zetas.
En México, dada la relativa novedad del fenómeno general de la explotación del mercado de la cocaína y la todavía inmadura y poco profesional de las estructuras criminales, equilibrar la balanza entre las facciones criminales implicadas aún no se ha alcanzado y el índice de personas mafia resultante de esta el crimen es todavía muy lejos de ello. Es un corolario evidente de la relación que actualmente une el Cartel del Golfo con la milicia de Los Zetas, una organización criminal en sí hoy. Este último nació como un mero brazo del cártel, con el tiempo ha tomado conciencia de sus fortalezas y el potencial comienza a ser percibido como un actor independiente en un caos mayor. Desde que el presidente Felipe Calderón, elegido en las últimas elecciones en 2006, lanzó su ofensiva contra los narcotraficantes murieron alrededor de 28.000 y este año hay más de 6.000. Esta es una guerra abierta con muchos frentes, contra los narcotraficantes y los traficantes de drogas fue uno de ellos. El presidente ha basado su campaña electoral que lo llevó a la cumbre del estado en la guerra contra las drogas. La promesa de derrotar a este flagelo es poco probable que se mantenga a pesar del cambio de rumbo con el recurso directo al ejército como traficantes de lucha contra las drogas. Sin embargo, en vista de las futuras elecciones en unos dos años, el mejor resultado que el Presidente podría llegar a ser una reconciliación entre los contendientes principales en un nivel relativo más bajo de contraste. Esta estrategia permitiría el logro simultáneo de muchas ventajas a un costo después de todo es relativo. En primer lugar pacificar a los signos que significaría dejar abierto el flujo de dinero ilícito que todavía tiene un impacto considerable sobre la economía en México, el Presidente podría reclamar como un éxito personal y hacer un futuro para ricandidatura fungible y, finalmente, iba a cambiar la percepción internacional de México de hoy personajes se nada, pero halagador. Ciertamente, es evidente que, una vez más, las demandas principales del Estado domina éticos y morales. Tácticamente, esto se traduce la estrategia en un intento de eliminar de la escena del tráfico de cocaína y el cártel de Juárez de Los Zetas, en el pasado reciente, han provocado una crisis en términos de poder real como signos de Sinaloa y el Golfo. Como era de esperar, la actuación de la policía del ejército, y en parte por la policía federal en los últimos meses se han dirigido exclusivamente a atacar directamente a la parte superior del cartel de Juárez y el Zetas. Este enfoque tiene un carácter puramente militar en la doctrina estadounidense cristalizó en la Ley de Cabecillas ya ha sido juzgado en Colombia. No ser capaz de erradicar la delincuencia a través de medidas de políticas sociales y económicas, está afectando, con enfoque militar, y claramente identificado algunas de las principales organizaciones en la esperanza de que la dirección no ha podido demostrar este último se ha debilitado hasta el punto en que ya no constituyen una amenaza . Obvio que el problema no ha cambiado y, de hecho, la producción de cocaína en América del Sur ha aumentado en los últimos años. Hoy en día, este enfoque huelgas de los dos carteles mexicanos que, a diferencia de los otros, y son los últimos en llegar a la cima del submundo criminal de México tienen más que otros, sin tener que recurrir a formas muy comunes de la violencia y la crueldad. Los Zetas ahora debe lidiar con eso por un lado, el ejército y la policía federal y el otro una nueva organización criminal, la Nueva Federación, que considera que sólo los miembros con este fin, el cártel de Sinaloa, el Golfo y la Familia Michoacana.
Menos sorprendente nuevos acuerdos siempre son posibles entre los diferentes signos, veremos en los próximos meses los esfuerzos del gobierno mexicano y las facciones penales destinadas a la eliminación del mercado y el cártel de Juárez de Los Zetas.
Ascolta
Trascrizione fonetica

COME DICE SILVIO? "COMUNISTII!" As Says Italian Prime Minister...? Comunist!

Gorbaciov avverte gli Stati Uniti:
«La Nato deve ritirarsi da Kabul
o si rischierà un nuovo Vietnam».
«Putin? Ostacolo alla democrazia»
«È impossibile vincere in Afghanistan». A lanciare l’avvertimento per un possibile «nuovo Vietnam» è stato l’ex presidente sovietico Mikhail Gorbaciov, che 20 anni fa ritirò le sue truppe dall’Afghanistan dopo 10 anni di guerra e ora suggerisce al presidente americano di prendere la stessa decisione . «La vittoria è impossibile in Afghanistan. Obama fa bene a voler ritirare le truppe», ha spiegato Gorbaciov in un’intervista alla Bbc.
Prima di ritirare le truppe sovietiche nell 1989, ha ricordato, si era raggiunto un accordo con Iran, India, Pakistan e gli Stati Uniti. «Speravamo che gli Stati Uniti avrebbero rispettato i patti per un Afghanistan neutrale, democratico, in buoni rapporti con i vicini, l’Urss e gli Stati Uniti. Gli americani dicevano di sostenerlo, ma allo stesso tempo addestravano i militanti, gli stessi che oggi terrorizzano l’Afghanistan e sempre più il Pakistan». Proprio per questo, argomenta l’ex leader del Cremlino, sarà difficile per gli Stati Uniti uscire da questa situazione. «Ma quale potrebbe essere l’alternativa: un altro Vietnam? Mandare mezzo milione di truppe? Non funzionerà». A suo parere, la miglior cosa che possa fare la Nato è aiutare il Paese a rimettersi in piedi e a ricostruire le infrastrutture.
Gorbaciov ha inoltre lanciato dalle pagine del New York Times i suoi strali contro il premier russo Vladimir Putin accusandolo di essere antidemocratico e di aver soffocato l’opposizione. Putin «pensa che la democrazia lo intralci» dichiara il premio Nobel per la pace, notissimo all’estero ma poco amato in patria, in un’intervista per i suoi 80 anni. Sia Putin sia il presidente Dmitri Medvedev «temo siano stati condizionati dall’idea che questo paese ingestibile abbia bisogno di autoritarismo. Pensano di non poterne fare a meno» dice il vecchio leader. Secondo Gorbaciov il partito di Putin, "Russia unita", «é una brutta copia del partito comunista sovietico», i cui funzionari lavorano solo per restare al potere e non vogliono coinvolgere i cittadini nella vita pubblica. Gorbaciov se la prende in particolare con la decisione di Putin, da presidente nel 2004, di abolire le elezioni per i governatori regionali e i sindaci di Mosca e San Pietroburgo, che da allora sono nominati dal Cremlino. «La democrazia comincia con le elezioni - ha dichiarato - Elezioni, responsabilità e turnover».
Cauta la replica del portavoce di Putin, Dmitri Peskov, interpellato dal quotidiano Usa. «Nutriamo il più profondo rispetto per Mikhail Gorbaciov e certamente rispettiamo il suo punto di vista. Questo non vuol dire che concordiamo con lui» ha detto Peskov. Secondo il portavoce del premier «nè Russia unita nè Putin in persona possono essere ritenuti responsabili dell’incapacità di altri partiti di produrre qualcosa di promettente per il paese». Ma, ha aggiunto Gorbaciov, «per chi vuole cambiare il paese e far avanzare i processi democratici, è necessaria la partecipazione popolare. È necessario avere partiti, ma provate a registrare un partito!».
La Stampa 27/10/2010
AS SAYS SILVIO? "COMUNISTII!"
Gorbachev warns the United States:
«NATO must retreat from Kabul
or risk a new Viet Nam».
«Putin? Obstacle to democracy» «can't win in Afghanistan '. To launch the warning for a possible ' new Viet Nam» was the former Soviet President Mikhail Gorbachev, that 20 years ago withdrew its troops from Afghanistan after 10 years of war and now suggests the American President to take the same decision. «Victory is impossible in Afghanistan. Obama does well to want to withdraw troops ' explained Gorbachev in an interview to the Bbc.
Before withdrawing the Soviet troops in 1989, he recalled, had reached an agreement with Iran, India, Pakistan and the United States. «We hoped that the United States would have respected the pacts for a democratic Afghanistan, neutral, good relations with its neighbours, the USSR and the United States. Americans used to say to support it, but at the same time they trained militants, the same people who today terrorise the increasingly Afghanistan and Pakistan. ' Precisely for this reason, argues the former leader of the Kremlin, it will be difficult for the United States out of this situation. «But what would be the alternative: another Viet Nam? Send half a million troops? It won't work. ' In his opinion, the best thing that can make NATO is helping the country get back on their feet and rebuild infrastructure.
Gorbachev has also launched from the pages of the New York Times its firing accusations against the Russian premier Vladimir Putin accusing him of being undemocratic and suffocated the opposition. Putin ' thinks that democracy the hindrance» declares the Nobel Peace Prize, well-known abroad but little loved at home, in an interview for its 80 years. Both Putin and President Dmitri Medvedev ' I fear have been conditioned by the idea that this country unmanageable needs authoritarianism. Think they couldn't do without» says the old leader. According to Putin's Party Gorbachev, "United Russia", "is a bad copy of Soviet Communist Party», whose officials are working only for stay in power and don't want to engage citizens in public life. Gorbachev in particular umbrage with the decision by President Putin, in 2004, to abolish elections for regional governors and mayors of Moscow and St Petersburg, which since then are appointed by the Kremlin. «Democracy begins with elections-said-elections, responsibility and turnover '.
Cautious replication of Putin's spokesman, Dmitry Peskov, approached by the USA. «We have the deepest respect to Mikhail Gorbachev and certainly respect his views. This isn't to say that we agree with him "said Peskov. According to the spokesman of premier ' neither Russia nor Putin together in person may be held liable for the inability of other parties to produce something promising in the country '. But he added Gorbachev, "for those who want to change the country and advance democratic processes, popular participation is required. You must have parties, but try to register a party!».
La Stampa 27/10/2010

corruzione

Solo per renderci conto di come stiamo...veramente..messi...
http://www.economist.com/blogs/dailychart/2010/10/corruption_perceptions?fsrc=scn%2Ffb%2Fwl%2Fdc%2Fcorruption

lunedì 25 ottobre 2010

I Los Zetas

di Antonio De Bonis
english version
pubblicato su www.cesi-italia.org

In Mexico, the drug war continues to live an unprecedented season of blood. This war has its roots in military defeat in the 90s, of the Colombian cartels of Medellin and Cali drug traffickers. The authorities of the Republic of Colombia, also due to the pressure exerted by the international community and its active contribution, have dismantled these two powerful organizations involved in global management of the cocaine produced in the Andean area. The ephemeral success achieved by the Colombian authorities has led to a momentary power vacuum that has been filled by other actors such as imposing the laws of the market. This logic has worked as a driving force for the explosive growth of economic power, military, of the two major criminal syndicates operating in Mexico in those years: the Sinaloa and the Gulf Cartel. The two cartels controlled and still control part of the eastern side, the Gulf cartel, and west to Sinaloa, the Mexican Sierra Madre. Both have quickly taken advantage of the role assigned to them the facts Colombians taking the opportunity to grow from mere facilitators of traffic in the territory to drug traffickers by taking control of much of the criminal chain, relegating the Colombian organizations to manage exclusively the production of cocaine. In economic terms, this involved the acquisition of money flows that have caused terrible appetites by potential competitors. To guard against any opposing organizations, the Gulf cartel, for one, warned this emergency. Lacking time and know how co-opted into its service a group of Mexican military deserters, the Los Zetas. The entry of the Los Zetas drug on the scene has triggered a new dynamic that has led, today, the other signs to eliminate the Confederation for the new entrant. The military unit of the Los Zetas was established in 1994 as a corps of elite Mexican Army to counter the outbreak in the state of Chiapas. For this purpose we selected a few tens of elements of the Mexican army special units. Chiapas is a Mexican state of great importance for the transit of cocaine from Andean countries to producers in Mexico and then to world markets. In this context, then, having fulfilled the job of counter insurgency in Chiapas, in 1999, most members of Los Zetas defected offering its services to the Gulf Cartel that had the primary need to ensure protection of their trafficking from the appetites of other criminal organizations. The operational area covered criminal organization in Mexico, the entire coast of the homonymous gulf, south side of the border with Texas and dozens of cities in states including New York. The name of the unit, which stemmed from the last letter of the name of their commander, was kept in its new criminal because the letter Z is the identifier of the municipal police radio in Mexico, as a way to emphasize the control of the territory by operating Los Zetas in symbiosis with the corrupt local police. The organization of the unit, modeled on the military adapts to new needs. Underlying operating Hawks acting as lookouts, the NEW COBRA or L, that do the work of laborers criminal, the COBRA ELDERLY taking over the new cobra, the new Los Zetas to which are added elements of Kaibiles, Guatemaltecan special forces, and finally to Los Zetas ELDERLY top of the pyramid of command. The weapons being given priority AK-47, G3, M-16, Barret M82, MP5 and HKP7. The structure employs a manager for each plaza which is in turn are supported by an adviser, an accountant and a safety officer. The Los Zetas operate moving in a typical formation known as The Estaca, it is an auto-patrol with four or five different elements of the operational level and whose commander is usually a senior Los Zetas.
In Mexico, given the relative newness of the general phenomenon of the exploitation of the cocaine market and the still immature and unprofessional of criminal structures, the balance between criminal factions involved has not yet been reached and the resulting pax mafia index of this balance crime is still far from so. It is an obvious corollary of the relationship that currently links the Gulf Cartel with the militia of Los Zetas, a criminal organization itself today. The latter was born as a mere arm of the cartel has, over time, become aware of their strengths and potential starting to perceive itself as an independent actor. Since President Felipe Calderon, elected in the last election in 2006, launched its offensive against drug traffickers were killed about 28,000. This is an open war with many fronts, against drug dealers and drug traffickers was among them. The President has based its election campaign that brought him to the summit of the state on the drug war. The promise to defeat this scourge is unlikely to be maintained despite the change of course with direct recourse to the army as an anti-drug traffickers. However, in view of future elections in about two years, the best result that the President might get will be a reconciliation between the major contenders in a relative lower level of contrast. This strategy would allow the simultaneous achievement of many advantages at a cost after all relative. First pacify the signs would mean leaving open the flow of illicit money that still has a considerable impact on the economy in Mexico, the President could claim as a personal success and make a future for nomination expendable and ultimately would change the international perception of Mexico today characters took anything but flattering. Certainly it is clear that, once again, the primary demands of the State is ethical and moral ones. Tactically, this strategy translates in an attempt to eliminate from the scene of the cocaine trafficking the Juarez cartel and Los Zetas, in the recent past, have greatly undermined in terms of real power as signs of Sinaloa and the Gulf. Not surprisingly, the police actions of the army, and partly by the federal police have in recent months directed exclusively to strike directly at the top of the Juarez cartel and the Los Zetas. This approach has a purely military basis in the American doctrine crystallized in the Kingpin Act has already been tried in Colombia. Not being able to eradicate crime by measures of social and economic policies, is affecting, with military approach, and clearly identified some of the top organizations in the hope that the leadership failed to prove the latter has weakened to the point where they no longer pose a threat . Obvious that the problem remains unchanged and, in fact, cocaine production in South America has increased in recent years. Today, this approach strikes the two Mexican cartels that, unlike the others, and are the latest to reach the top of the Mexican criminal underworld have more than others, without recourse to extremely common forms of violence and cruelty. The Los Zetas must now deal with it on the one hand the army and federal police and the other a new criminal organization, the New Federation composed by the Sinaloa cartel, the Gulf and the Family Michoacana. Striking new agreements is always possible between different actors; we will see in the coming months the efforts of the Mexican government and criminal factions aimed at the elimination from the market and the Juarez cartel Los Zetas.

I Los Zetas

di Antonio De Bonis

pubblicato su www.cesi-italia.org

I Los Zetas
In Messico la guerra di droga continua a far vivere una stagione di sangue senza precedenti. Questa guerra ha origine nella sconfitta militare, negli anni ’90, dei cartelli dei narcos colombiani di Medellin e Cali. Le autorità della Repubblica della Colombia, anche a seguito della pressione esercitata dalla comunità internazionale e con il suo fattivo apporto, hanno smantellato queste due potenti organizzazioni coinvolte nella gestione a livello mondiale della cocaina prodotta nell’area andina. L’effimero successo raggiunto dalle autorità colombiane ha determinato un momentaneo vuoto di potere che è stato colmato da altri attori come impongono le leggi di  mercato. Questa logica ha funzionato da volano per la crescita esponenziale del potere economico e quindi militare dei due principali sindacati criminali operanti in quegli anni in Messico: il cartello di Sinaloa e quello del Golfo. I due cartelli controllavano ed in parte controllano ancora oggi i fianchi orientale, il cartello del Golfo, ed occidentale quello di Sinaloa, della Sierra Madre messicana. Entrambi hanno tempestivamente approfittato del ruolo che i fatti colombiani loro assegnavano cogliendo l’opportunità di crescere da semplici facilitatori del traffico sul territorio a narcotrafficanti assumendo il controllo di gran parte della filiera criminale, relegando le organizzazioni colombiane a gestire esclusivamente la produzione di cocaina. In termini economici questo ha comportato l’acquisizione di flussi di denaro spaventosi che hanno suscitato appetiti da parte di eventuali competitors. Per difendersi da eventuali organizzazioni antagoniste, il cartello del Golfo, per primo, ha avvertito questa emergenza. Non avendo a disposizione tempo e know how ha cooptato al proprio servizio un gruppo di militari messicani disertori, i LOS ZETAS. L’ingresso dei Los Zetas sullo scenario del narcotraffico messicano ed americano, ha innescato nuove dinamiche che hanno portato, oggi, gli altri cartelli a confederarsi per eliminare il nuovo concorrente. L’unità militare dei LOS ZETAS viene istituita nell’anno 1994, quale corpo d’elite dell’Esercito messicano destinato a contrastare l’insorgenza nello stato del Chiapas. A tale scopo vengono scelte alcune decine di elementi delle unità speciali dell’esercito messicano. Il Chiapas, oltre le rivendicazioni e spinte rivoluzionare, è uno Stato messicano di grande importanza per il transito della cocaina dai paesi andini produttori verso il Messico e quindi verso i mercati mondiali. In questo contesto, successivamente, essendo venuta meno l’esigenza di counter insurgency in Chiapas, nel 1999 la maggior parte dei membri dei LOS ZETAS disertarono offrendo i propri servizi al Cartello del Golfo che aveva la primaria necessità di assicurare una protezione dei propri traffici illeciti dagli appetiti di altre organizzazioni criminali. L’area operativa dell’organizzazione criminale copriva, in Messico, l’intera costa dell’omonimo golfo, parte del confine sud con il Texas nonché diverse decine di città negli states tra le quali New York. Il nome dell’unità, che derivava dall’ultima lettera del cognome del loro comandante, è stato mantenuto nella nuova veste criminale perché la lettera Z è l’identificativo radio delle polizie municipali messicane, un modo per sottolineare così il controllo del territorio operando i LOS ZETAS in simbiosi con la polizia locale corrotta. L’organizzazione dell’unità, ricalcando quella militare, si adatta alle nuove esigenze operative. Alla base operano i FALCHI che agiscono in qualità di vedette, i COBRA NUOVI o L, che svolgono il lavoro di manovalanza criminale, i COBRA ANZIANI che assumono la direzione dei cobra nuovi, i NUOVI LOS ZETAS a cui si son aggiunti elementi dei KAIBILES, le forze speciali guatemalteche, ed infine i LOS ZETAS ANZIANI al vertice della piramide di comando. L’armamento è quello da guerra essendo privilegiati gli AK-47, G3, M-16, Barret M82, MP5 e HKP7.   La struttura si avvale di un responsabile per ogni plaza che è a sua volta supportato da un consigliere, un contabile ed un responsabile della sicurezza. I LOS ZETAS agiscono muovendosi in una tipica formazione denominata La Estaca; si tratta di una pattuglia automontata con quattro o cinque elementi di diverso livello operativo ed il cui comandante solitamente è un Los Zetas anziano.
In Messico, data la relativa novità del fenomeno generale dello sfruttamento del mercato della cocaina ed il carattere ancora dilettantesco ed immaturo delle strutture criminali, il punto di equilibrio tra le consorterie criminali coinvolte non è stato ancora raggiunto e la conseguente pax mafiosa indice di questo equilibrio criminale è ancora lungi da esserlo. Ne è un evidente corollario il rapporto che attualmente  lega il Cartello del Golfo con la milizia dei Los Zetas, oggi organizzazione criminale a sé. Quest’ultima, nata come mero braccio armato del cartello, ha con il tempo preso coscienza della propria forza e potenzialità iniziando a percepirsi come un attore indipendente in un contesto ancora magmatico. Da quando il presidente Felipe Calderon, eletto nell’ultima tornata elettorale nel 2006, ha lanciato la sua offensiva contro i trafficanti di droga i morti sono stati circa 28.000; quest’anno se ne contano più di 6.000. Si tratta di una guerra aperta e con più fronti, stato contro narcotrafficanti e narcotrafficanti tra loro. Il presidente ha basato la campagna elettorale che lo ha portato al vertice dello Stato sulla guerra al narcotraffico. La promessa di sconfiggere questa piaga difficilmente potrà essere mantenuta nonostante il cambio di rotta con il ricorso diretto all’esercito in funzione anti-narcos. Tuttavia, in vista della futura tornata elettorale tra circa due anni, il miglior risultato che il Presidente potrebbe ottenere sarà una pacificazione tra i maggiori contendenti con un relativo abbassamento del livello di contrasto. Questa strategia consentirebbe il raggiungimento simultaneo di numerosi vantaggi ad un costo tutto sommato relativo. Innanzi tutto pacificare i cartelli vorrebbe dire lasciare aperto il flusso di denaro illecito che comunque ha una notevole ricaduta sull’economia messicana; il Presidente potrebbe vantare il successo come personale e renderlo spendibile per una futura ricandidatura ed infine cambierebbe la percezione internazionale del Messico che oggi ha assunto caratteri tutt’altro che lusinghieri. Certo appare evidente che, ancora una volta, la primaria esigenza dell’interesse dello Stato soverchia quelle etiche e morali. Tatticamente questa strategia si concretizza nel tentativo di eliminare dalla scena del traffico di cocaina il cartello di Juarez ed i Los Zetas che, nel recente passato, hanno fortemente insidiato in termini di potenza reale i cartelli di Sinaloa e quello del Golfo. Non a caso, le azioni di polizia dell’esercito, ed in parte dalla polizia federale, sono negli ultimi mesi dirette esclusivamente a colpire direttamente i vertici del cartello di Juarez ed dei Los Zetas. Questo tipo di approccio prettamente militare ha un suo fondamento nella dottrina americana cristallizzata nel Kingpin Act già sperimentata in Colombia. Non potendo sradicare la criminalità con misure politiche di natura sociale ed economica, si colpiscono, con approccio militare, i vertici di alcune ben individuate organizzazioni, nella speranza che venuta meno la leadership quest’ultime ne risultino indebolite al punto da non rappresentare più una minaccia. Ovvio che il problema permane inalterato e, infatti, la produzione di cocaina in sud America è aumentata negli ultimi anni. Oggigiorno, questo approccio colpisce i due cartelli messicani che, a differenza degli altri, sono gli ultimi arrivati e che per raggiungere i vertici del mondo criminale messicano hanno, più degli altri, fatto ricorso a forme di violenza estremamente diffuse e crudeli. I LOS ZETAS devono così oggi fronteggiare da un lato l’esercito e la polizia federale e dall’altro una nuova associazione criminale, la Nuova Federazione, che vede associati solamente a questo scopo, i cartelli di Sinaloa, del Golfo e la Famiglia Michoacana.
A meno di eclatanti nuovi accordi, sempre possibili tra i diversi cartelli, assisteremo nei mesi a venire agli sforzi del governo messicano e delle consorterie criminali finalizzati all’eliminazione dal mercato del cartello di Juarez e dei Los Zetas.

domenica 24 ottobre 2010

Giuseppe Prezzolini. Dei Furbi e dei Fessi.

I furbi non usano mai parole chiare. Ifessi qualche volta.
Non bisogna confondere il furbo con l'intelligente. : L'intelligente é spesso unefsso anche lui.
Il furbo ésempre in un posto che si é meritato non per le sue capacità, ma per la sua bilità nel fingerle di averle.
Colui che sa, é un fesso. Colui che riesce senza sapere, é un furbo.
Segni distintivi del furbo: pelliccia, automobile, teatro, restaurant, donne.
I fessi hanno dei principi. I furbi soltanto dei fini.

Roma, 1921

sabato 23 ottobre 2010

DRAMMATICAMENTE COMICA

Vi posto questo commento pubblicato sul sito di Grillo, troppo divertente, anche se nulla di nuovo per Noi.


Se i minatori cileni fossero stati italiani sarebbe andata diversamente.
"Circola in Rete: Se i 33 minatori fossero rimasti intrappolati in una miniera italiana, le cose sarebbero andate così: 1° giorno: tutti uniti per salvare i minatori, diretta tv 24h, Bertolaso sul posto. 2° giorno: da Bruno Vespa plastico della miniera, con Barbara Palombelli, Belen e Lele Mora. 3° giorno: prime... difficoltà, ricerca dei colpevoli e delle responsabilità: BERLUSCONI: colpa dei comunisti; DI PIETRO: colpa del conflitto d'interessi; BERSANI: ... ma cosa ... è successo? BOSSI: sono tutti terroni, lasciateli la'; CAPEZZONE: non è una tragedia è una grande opportunità ed è merito di questo governo e di questo premier; FINI: mio cognato non c'entra. 4° giorno: TOTTI: dedicherò un gol a tutti i minatori. 5° giorno IL PAPA: "faciamo prekiera a i minatori ke in qvesti ciorni zono vicini al tiavolo!!" 6° giorno: cala l'audience, una finestra in Chi l'ha visto e da Barbara D'urso che intervista i figli dei minatori: "dimmi, ti manca papà?'" dal 7° all 30esimo giorno falliscono tutti i tentativi di Bertolaso, che viene nominato così capo mondiale della protezione civile. Dopo un mese, i minatori escono per fatti loro dalla miniera, scavando con le mani. Un anno dopo, i 33 minatori, già licenziati, vengono incriminati per danneggiamento del sito minerario. Ma è successo in Cile.... ci siamo salvati!". Luca E.

Remaking the Eurozone in a German Image | STRATFOR

Remaking the Eurozone in a German Image STRATFOR

giovedì 21 ottobre 2010

A Week in the War: Afghanistan, Oct. 13-19, 2010 | STRATFOR

A Week in the War: Afghanistan, Oct. 13-19, 2010 STRATFOR

'Ndrangheta, uccisa e sciolta nell'acido "Punita perché aveva collaborato"

La Repubblica

18 ottobre 2010

Lea Garofalo era sparita nel febbraio 2010. Ordinanza di custodia cautelare in carcere per sei persone, tra cui l'ex convivente e padre di sua figlia. La donna, 35 anni, aveva fatto dichiarazioni sulle cosche di Crotone e, da tempo, aveva rinunciato alla protezione. "E' un caso di lupara bianca nel centro di MIlano"

MILANO - Uccisa dall'ex convivente perché aveva deciso di rompere il muro di omertà. Lea Garofalo, la collaboratrice di giustizia scomparsa a Milano circa un anno fa 1, è stata assassinata e sciolta in 50 chilogrammi di acido in un terreno a San Fruttuoso, vicino a Monza. Un'esecuzione legata alla dichiarazioni fatte ai magistrati sull'omicidio di Antonio Combierati elemento di spicco della criminalità calabrese. E' quanto emerge dall'ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal gip milanese Giuseppe Gennari e notificata dai carabinieri del nucleo investigativo di Milano a sei persone, tra cui l'ex convivente della donna Carlo Cosco e Massimo Sabatino (entrambi già in carcere). 

I colpevoli.
Cosco e Sabatino erano già stati arrestati a febbraio dopo aver tentato, lo scorso maggio a Campobasso, di uccidere Lea Garofalo. Gli altri quattro destinatari del provvedimento del giudice Gennari sono i fratelli di Carlo Cosco, Giuseppe detto "Smith" (gli e' stato contestato anche lo spaccio di stupefacenti) e Vito detto "Sergio", e altre due persone, una delle quali accusata solo di distruzione di cadavere.

Il primo tentativo fallito. Lea Garofalo, che aveva decisio di uscire dal programma di protezione nell'aprile del 2009, aveva già subito un primo tentativo di sequestro nel maggio 2009, ma era riuscita a mettere in fuga il sequestratore.  "Io dormivo nella mia stanza - ha raccontato la figlia Denise  -.Mia madre mi ha raccontato dopo che questo tecnico le è subito sembrato anomalo perché sembrava non sapesse dove mettere le mani. Lei allora si è insospettita e dopo un po' gli ha detto che se era venuto per ucciderla poteva farlo subito. Mia madre mi ha allora detto che l'uomo le si è scagliato contro tentando di strangolarla. Mia madre, che nel frattempo aveva preso un coltello dalla cucina ed inoltre è pratica di qualche mossa di arti marziali, ha reagito colpendolo. Ho aiutato mia madre picchiando l'uomo con forza fino a quando questo è riuscito a divincolarsi fuggendo. L'uomo però aveva abbandonato la cassetta degli attrezzi dentro la quale i carabinieri del posto hanno rinvenuto una pallina di gomma, dello spago, del nastro adesivo, delle forbici, un apparato per provocare delle scosse elettriche e dei cacciaviti".

L'esecuzione.
Secondo l'indagine, Carlo Cosco ha organizzato l'agguato mentre Lea Garofalo si trovava a Milano con la figlia. Almeno quattro giorni prima del rapimento, Cosco ha predisposto un piano, contattando i complici, assicurandosi sia il furgone dove è stata caricata a forza, sia la pistola per ammazzarla "con un colpo", sia il posto dove interrogarla, e infine l'appezzamento dove si ritiene sia stata sciolta nell'acido.  La distruzione del cadavere, per inquirenti e investigatori, ha avuto lo scopo di "simulare la scomparsa volontaria" della collaboratrice e assicurare l'impunità degli autori materiali dell'esecuzione. "Quello che si verifica a Milano, in una tranquilla ed elegante zona centrale, e' un caso di lupara bianca che ci riporta a situazioni e contesti sovente (ed erroneamente) creduti ben lontani dalla realtà cittadina" si legge in uno dei passaggi dell'ordinanza. Quel giorno, scrive il giudice, a Milano "sotto gli occhi di ignari passanti, si scorge una donna minuta, ripresa negli ultimi istanti della sua vita dalle telecamere di sicurezza poste ai margini della strada, salire fiduciosa sul veicolo dell'ex convivente, padre di sua figlia e pregiudicato Cosco Carlo. Questa è la ultima volta in cui si sente parlare di Lea Garofalo ancora in vita".

Le reazioni. "Una barbara esecuzione che è la drammatica conferma che la criminalità è più forte che mai e sia ben lontana dall'essere sconfitta. La realtà è che in Italia 'ndrangheta, mafia e camorra sono ancora in grado di controllare il territorio e di imporre con violenza la propria legge" dichiara il democratico Walter Veltroni. "Lea Garofalo aveva spontaneamente rinunciato" al programma di protezione e da allora "nessuna richiesta di riammissione allo stesso programma da parte di nessuna autorità giudiziaria ha fatto seguito al suo volontario allontanamento" precisa il sottosegretario all'interno Alfredo Mantovano.

Questa notizia è stata all'attenzione dei media e quindi del pubblico per un solo giorno e senza che generasse alcun dibatitto. La notizia non ha generato pubblica opinione. Nel frattempo da settimane la pubblica attenzione è impegnata a generare opionioni su un caso che riguarda un fatto tragico ma ristretto ad un ambito del tutto personale.  
Perchè non interessa la storia di di una donna che ha pagato con la propria vita una scelta tanto difficile? Questa storia ha un carattere meno -morboso- rispetto a quella di cui tutti parlano? Eppure la protagonista é stata torturata e sciolta nell'acido. Che cosa tiene lontatno da questa storia la pubblica opinione? Perché non suscita indignazione e rispetto questa storia? Perchè non ci si indigna più?

domenica 17 ottobre 2010

giuseppe prezzolini - un italiano

CODICE DELLA VITA ITALIANA
Dei furbi e dei Fessi
1. I cittadini italiani si dividono in due categorie: i furbi ed fessi
2. Non c'é una definizione di fesso. Però: se uno paga il biglietto intero in ferrovia; non entra gratis a teatro; non ha un commnedatore zio, amico della moglie e potente sulla magistratura, nella pubblica istruzione, ecc.; non é un massone o gesuita; dichiara all'agente delle imposte il suo vero reddito; mantiene la parola data anche a costo di perderci, eccetera: questi é un fesso

venerdì 15 ottobre 2010

Diversamente Talebano


AFGHANISTAN: FRATTINI, IN LISTA NERA TALEBANI CHE CI SPARANO  
(ASCA) - Roma, 13 ott 2010- Il ministro degli Esteri, Franco Frattini, dice si' alla proposta degli Usa di cancellare dalla lista nera dell'Onu alcuni gruppi di talebani. Ma il titolare della Farnesina precisa che all'interno della black list devono rimanere i talebani che sparano contro i nostri soldati.Intervenendo alla presentazione dell'iniziativa 'una radio per l'Afghanistan', Frattini ha ribadito che l'Italia ''ha sempre sostenuto che i talebani non sono tutti uguali: alcuni sono passati tra le file dei terroristi per ragioni non legate ad Al Qaeda, ma perche' erano pastori o agricoltori e quindi avevano motivazioni economiche''. L'Italia, ha aggiunto il capo della diplomazia italiana, ''ha sempre sostenuto il governo di Karzai perche' queste persone tornino all'interno della legalita'. Ma bisogna distinguerli con quelli che non hanno abbandonato la violenza, sparano sui nostri soldati, non fanno uscire di casa le donne e distruggono le scuole perche' vedono la cultura come un mezzo di emancipazione''. Per Frattini, dunque, bisogna ''cancellare chi si e' pentito e collabora per la riconciliazione. Una riconciliazione - ha precisato il ministro - che pero' deve portare ad una strada ancora piu' dura contro il terrorismo. E chi spara contro i nostri militari - ha sottolineato ancora Frattini - non puo' essere reintegrato nella societa''.
I Talebani sicuramente non sono tutti uguali ma d’altro canto gli esseri umani sono tutti in genere buoni o cattivi.  Questa affermazione nella sua semplicità provoca un senso di frustrazione; dopo nove anni di guerra giustificata mediaticamente come lotta al terrorismo in Afghanistan siamo giunti a questa conclusione. I ragazzi che…erano… e che sono in Afghanistan meritano una riflessione sul tema ed a loro come a noi stessi si deve chiarezza circa il motivo per cui il nostro contingente é in Afghanistan.
L’Ambasciatore Sergio Romano lo ha spiegato colonne del Corriere della Sera nel Commento Dolore e Ragione del 10 ottobre 2010:
“…l'argomento non piacerà ai pacifisti, ma il contingente italiano avrà conquistato quando tornerà a casa - soprattutto con il sacrificio di coloro che sono morti per l'Afghanistan - un bene per noi particolarmente prezioso: il rispetto degli alleati. Dovremmo forse, in questa situazione, anticipare il rientro? Se fossimo in Afghanistan per vincere la guerra, sì. Ma noi, come tutti gli europei, ci siamo oggi per obbligo di lealtà verso un alleato, Barack Obama, che fa del suo meglio per uscire da una situazione di cui non è personalmente responsabile. La Nato andrebbe interamente ripensata e riscritta, ma è oggi in Afghanistan il simbolo e il test della solidarietà atlantica. Le Alleanze non possono essere rispettate soltanto quando splende il sole. Vengono messe alla prova soprattutto quando il cielo si riempie di nuvole…”
I Talebani, chiamati a sedere al tavolo dei negoziati con il governo di Quisilng Karzai, anzi trasportati con gli elicotteri della NATO, tanto per non dare ufficialità alla cosa, hanno assunto una veste di parte negoziale. In questa veste, prima di sedersi ad un tavolo di trattative si cerca di acquisire dei punti di vantaggio da poter far valere nel gioco della diplomazia. I recenti  attentati ai nostri contingenti probabilmente si inquadrano in questa strategia e fanno temere per il futuro prossimo.

diversamente talebani


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...